Alimentare

Una bistecca biostampata da vere cellule di carne sarà presto sulle nostre tavole?

La startup spagnola Cocuus afferma di poter biostampare fino a 8 kg di bioinchiostri di carne al minuto, ma le cellule di carne cresciute in laboratorio sono ancora difficili da ottenere

0 Condivisioni

Patxi Larumbe, direttore commerciale di Cocuus System Ibérica, ha mostrato l’immagine di una bistecca biostampata in 3D da 10 kg dall’azienda con sede vicino a Navarra in Spagna. Lavorando insieme a CNTA a questo sviluppo “su scala industriale”, Cocuus ora afferma di essere in grado di stampare cotolette, pancetta, costolette di agnello, salmone, e di farlo all’incredibile velocità di 8 chilogrammi al minuto. “Questo progetto è totalmente dirompente”, ha confermato il capo dell’azienda. Cocuus sta lavorando anche a un’altra versione basata sulle proteine ​​dei piselli.

Ora che l’hype si è un po’ calmato, abbiamo deciso di andare a dare un’occhiata più da vicino all’azienda e alle sue affermazioni. Siamo fermamente convinti che la carne biostampata, non solo a base di proteine ​​vegetali ma anche a base di agricoltura cellulare come i prodotti sviluppati da Cocuus, sia un’evoluzione inevitabile per l’industria alimentare. Abbiamo studiato questo settore e pubblicato un lungo documento su questo argomento già nel 2014. Tuttavia sono state fatte molte affermazioni e non che molti prodotti siano effettivamente arrivati ​​sul mercato finora. Spesso le affermazioni superano di gran lunga le effettive capacità, attirando l’appetito del pubblico per i prodotti a base di carne sostenibili, ma poi non riescono a fornire davvero risultati. Quando è coinvolta la stampa 3D, i confini tra reale e concettuale tendono a sfumare ancora di più.

Anche andando oltre l’affermazione iniziale dell’azienda (“Cocuus è reale”), Cocuus sembra un’azienda seria, con un numero di matematici, ingegneri e biotecnologi esperti che lavorano su diversi approcci tecnologici per fornire prodotti alimentari sostenibili e innovativi.

Patxi Larumbe, direttore commerciale di Cocuus System Ibérica, ha mostrato l'immagine di una bistecca biostampata in 3D da 10 kg dall'azienda

Patxi Larumbe ha mostrato la bistecca biostampata in 3D dell’azienda di Cizur Menor, realizzata con cellule di carne coltivate in un bioreattore, affermando che “questo progetto, su cui stiamo lavorando insieme al Centro Nacional de Tecnología y Seguridad Alimentaria (CNTA) è un pioniere nel mondo, qualcosa di totalmente dirompente. E ha un timbro navarrese”. Sempre con sede in Navarra, il CNTA, Centro nazionale per la tecnologia e la sicurezza alimentare, è un’associazione privata senza scopo di lucro costituita nel 1981. Lo scopo di questo centro tecnologico è di contribuire al miglioramento della competitività e della qualità del settore alimentare.

La produzione di questa bistecca biostampata si basa sulla tecnologia “da cibo a dati-dati a cibo”, per cui i pezzi vengono “convertiti in dati” con una scansione CAT. Vengono quindi riassemblati dalle stampanti 3D per alimenti dell’azienda. Cocuus si riferisce alle sue piattaforme tecnologiche come MIMETHICA, descritta come “la prima piattaforma foodtech che incorpora più tecnologie e ingredienti proprietari (bioink) in modo integrato per la formulazione di nuovi alimenti”. Con quattro brevetti già concessi e uno in fase di approvazione, MIMETHICA include tecnologie per bioprinting e scaffolding, oltre alla stampa inkjet 2D di inchiostri alimentari su alimenti e un laser cutter 2D/3D specifico per alimenti. Un altro interessante processo sviluppato da Cocuus è SOFTMIMIC.

Patxi Larumbe, direttore commerciale di Cocuus System Ibérica, ha mostrato l'immagine di una bistecca biostampata in 3D da 10 kg dall'azienda

Ma la bistecca biostampata a base di cellule di carne è sicuramente il prodotto più accattivante. Di colore rossastro e con parti grasse biancastre, queste cotolette sembrano proprio come quelle vere. Questo, tuttavia, è il vero problema: mentre la biostampa delle bistecche da cellule di carne coltivate in laboratorio attraverso l’agricoltura cellulare è l’obiettivo finale dell’azienda, Cocuus sta attualmente utilizzando cellule “raccolte” da altri prodotti a base di carne.

“Non risolviamo il problema delle colture cellulari, che è ancora verde” ha rivelato Larumbe. “Stiamo sviluppando la tecnologia con cui costruire imitazioni 3D di carne e pesce basate su masse cellulari o sottoprodotti della carne. Poiché non abbiamo ancora trovato un’azienda che ci fornisca cellule di carne, ciò che abbiamo fatto è dissociare le cellule dai pezzi di carne e ricomporre i pezzi come pensiamo possano essere una cotoletta, pancetta, costolette di agnello o salmone”, ha detto. .

Non è un’impresa da poco: la TAC fornisce le informazioni sulla struttura del prodotto pasto, mostrando la disposizione dei diversi elementi che compongono il pezzo – muscolo, grasso e vascolarizzazione. Da lì, le stampanti 3D alimentari ricostruiscono il pezzo, modificando la morfologia del cibo a seconda delle esigenze, ad esempio quando si tratta di ridurre la percentuale di grasso o di vascolarizzazione. “Siamo in una fase iniziale, ma questi sono i cibi del futuro. Non stiamo cercando di convincere qualcuno a mangiare una bistecca biostampata in 3D contro la loro volontà in un ristorante, ma di democratizzare il consumo di carne tra coloro che non possono accedervi”, ha affermato Larumbe.

Patxi Larumbe, direttore commerciale di Cocuus System Ibérica, ha mostrato l'immagine di una bistecca biostampata in 3D da 10 kg dall'azienda

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Ceramic AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the ceramic additive ma...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!