IntervisteRicerca

In che modo Makerslab di HvA facilita l’adozione della stampa 3D

L'Amsterdam University of Applied Sciences offre l'accesso a 18 stampanti 3D UltiMaker

0 Condivisioni

La scorsa settimana, abbiamo visitato l’Università di Scienze Applicate di Amsterdam (Hogeschool van Amsterdam, HvA) per avere un’idea migliore di come il mondo accademico stia adottando la tecnologia di stampa 3D. La conclusione è apparentemente molto buona,  secondo il Makerslab dell’Università.

Cos’è il MakerLab?

Il Makerslab è una struttura di produzione per dipendenti e studenti della HvA. L’open workshop mette a disposizione risorse come spazio, macchine (laser cutter, macchine CNC, stampanti 3D e altro) e know-how, ed è a disposizione gratuita degli utenti dalle 8.30 alle 16.30.

L’HvA ha avviato Makerslab nel 2011, con una sola stampante Ultimaker (UltiMaker, allora, sarebbe stata Ultimaker [piccola m] prima che la società si fondesse con Makerbot, l’anno scorso) in una struttura significativamente più piccola rispetto a dove si trova ora.

La scorsa settimana, abbiamo visitato l'HvA per avere un'idea migliore di come il mondo accademico stia adottando la tecnologia di stampa 3D

Oggi il laboratorio contiene 18 stampanti 3D, di diverse dimensioni e capacità di stampa su materiali, tra cui PLA, ABS e resina, con la collezione composta principalmente da stampanti FDM di UltiMaker.

“Abbiamo scelto gli UltiMaker perché sono solo dei potenti cavalli da lavoro e possono sopportare un po’ di… gestione da parte degli studenti”, ha affermato Sander van Vliet, Manager del Makerslab presso HvA. “Se uno studente entra e non ha mai usato una stampante prima, potrebbe toccare il letto o potrebbe fare qualcosa con la macchina che noi non faremmo mai. Queste stampanti possono gestirlo e continuano a funzionare. Sono anche a basso costo e facili da mantenere”.

La stampa 3D non è la tecnologia principale in laboratorio: sono i laser cutter. Tuttavia, il vero valore sta nella moltitudine di diverse tecnologie disponibili che possono essere utilizzate in combinazione l’una con l’altra.

Tutta questa tecnologia è gratuita e una gamma di materiali è disponibile per gli utenti di Makerslab, a prezzo di costo. In alternativa, gli utenti sono invitati a portare i propri materiali. È davvero un ambiente molto aperto e libero.

Filosofia e approccio

“Tutti sono i benvenuti l’uno con l’altro. Anche se non hai mai realizzato né progettato nulla prima, se non hai alcuna conoscenza tecnica, non importa. Qualunque sia il tuo livello di partenza, come studente o dipendente dell’Amsterdam University of Applied Sciences puoi entrare e lavorare sui tuoi incarichi o progetti. Ci sono sempre istruttori disponibili qui”, ha detto Sander van Vliet. “Gli esperimenti sono una cosa importante qui, perché preferiremmo che uno studente facesse prima cinque errori, o che provasse cinque cose diverse, e poi scegliesse quella che funziona meglio prima di continuare. A volte è molto difficile per gli studenti – per le persone in generale – e vogliono solo renderlo perfetto in una volta sola. Ma quando sono qui e iniziano a produrre, si rendono conto e sperimentano che di solito non funziona così”.

Lo scopo del Makerslab di HvA è quello di democratizzare la tecnologia in esso contenuta. Ciò prende forma quando persone di diverse facoltà si trovano tutte nello stesso spazio, imparando (fallendo) insieme, condividendo idee e ispirandosi a vicenda.

“Le persone del programma di moda [ad esempio] lavorano con i tessuti, ma è anche possibile che lavorino con diversi tipi di materiali a cui potrebbero non pensare se lavorassero da soli [o solo con altre persone dello stesso programma]”, ha detto Sander van Vliet. “Una volta che entrano e vedono altri studenti di altri programmi fare cose – si ispirano – ottengono idee che altrimenti forse non avrebbero avuto. Quindi, in effetti, anche l’ispirazione è una cosa importante”.

La scorsa settimana, abbiamo visitato l'HvA per avere un'idea migliore di come il mondo accademico stia adottando la tecnologia di stampa 3D

Applicazioni di stampa 3D

Le applicazioni di stampa 3D al Makerslab spaziano dagli studenti di moda che lo utilizzano per la manipolazione dei tessuti, agli studenti di TIC che lo utilizzano per creare involucri per i loro dispositivi elettronici, agli studenti di architettura che lo utilizzano per la creazione di modelli.

Durante la visita, ho avuto la fortuna di condividere lo spazio con alcuni studenti che stavano utilizzando la stampa 3D per creare una piccola ala di aereo e relativi prototipi, tra le altre parti (comprese le staffe che collegano la fusoliera all’ala e un’altra che segue la curvatura dell’ala con altissima precisione), per il programma ‘Design, Build, and Fly’.

Siamo già consapevoli dell’impatto rivoluzionario della stampa 3D sull’ingegneria aeronautica e spaziale (di certo non faremmo progressi neanche lontanamente vicini a quello che stiamo vedendo attualmente, se non fosse per la tecnologia), così come per la prototipazione più in generale. Non so esattamente quando sono diventato un tale nerd, ma vedere di persona l’abbinamento perfetto di queste due applicazioni è stato davvero emozionante.

Quando ho chiesto se una parte particolarmente bella fosse stata stampata o meno con una delle stampanti UltiMaker, mi è stato detto che, in effetti, la parte era stata stampata con la Creality Ender 3 v2 modificata di uno studente di ingegneria elettrica, a casa sua, utilizzando il Software Cura. Mi interessa sempre vedere fino a che punto sono distribuite le stampanti desktop cinesi.

In che modo gli studenti si avvicinano alla tecnologia?

Come ha detto Sander van Vliet, quando si ha un’idea, si può iniziare con un pastello o uno schizzo a penna, poi tradurlo digitalmente e averlo su uno schermo, che dà una buona idea di come si materializza nel mondo reale, “ma poi se lo vedi formarsi in una stampante, è sempre magico per qualcuno. Soprattutto se è la loro prima volta. Inizia davvero a quel punto: si interessano e iniziano a fare domande su ciò che è possibile e iniziano a pensare a come portare avanti le loro idee utilizzando la tecnologia. Sebbene nulla di tutto ciò possa essere fatto senza investire tempo nell’imparare a utilizzare il software di modellazione 3D. Gli studenti a volte sottovalutano l’importanza di questo”.

Durante la mia visita, ho avuto la sensazione che la stampa 3D non fosse particolarmente nuova per molti degli studenti, poiché sembravano usarla con la stessa naturalezza con cui si può usare una stampante 2D. Suppongo che questo sia semplicemente sintomatico dell’inevitabile adozione di massa della tecnologia che stavamo aspettando.

 

 

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Polymer AM Market 2023

899 polymer AM companies individually surveyed and studied. Core polymer AM market generated over $5.5 bill...

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!