Edilizia & Architettura

“The Throne”, un’elegante toilette portatile stampata in 3D

In plastica medica monouso riciclata, il concetto di bagno reiventato da To.org e Nagami

0 Condivisioni

Spesso durante festival, campeggi, cantieri o qualsiasi altra situazione in cui si richieda l’installazione di toilette portatili ci troviamo davanti a “scatole” in poliuretano (materiale difficile da reciclare) che si concentrano sulla funzionalità tralasciando completamente estetica e comfort. Lo scorso agosto, a Gstaad, è stata installata una nuova toilette che mira a rivoluzionare il concetto di bagno portatile, e il nome “The Throne” fa capire immediatamente, con un pizzico di ironia, la natura dell’iniziativa. Commissionato da To.org – una fondazione che crea, finanzia e incrocia iniziative che affrontano le sfide sociali e ambientali più urgenti del mondo – e realizzato da Nagami, uno studio spagnolo specializzato in design computazionale, la sua forma aerodinamica ricorda vagamente un razzo e, soprattutto, la maggior parte del design è stato stampato in 3D da plastica monouso scartata da strutture mediche, fornito da Reflow, una società olandese.

Il co-fondatore e CEO di To.org Nachson Mimran riguardo alla nascita del progetto di The Throne ha affermato:” Abbiamo iniziato lo scorso ottobre, quando sono arrivato in cantiere, avevo bisogno del bagno e sono entrato in una delle toilette mobili che siamo abituati a vedere in questo tipo di posti. Non mi sono goduto i miei pochi minuti in questo cubicolo e sono uscito chiedendomi se potevamo fare qualcosa di diverso”.

To.org ha lavorato precedentemente nel continente africano, in particolare in Uganda, nel quartiere povero di Kyebando a Kampala. Attraverso il suo progetto Shadowman Van, ispirato a un’opera d’arte di Richard Hambleton che Mimran aveva acquistato ad un’asta Amfar (un camioncino dei gelati Chevrolet del 1977, dipinto dall’artista e da allora trasformato in uno spazio per conversazioni creative), ha installato repliche, ghiaccio statico furgoni color crema con apparecchiature per videoconferenze. I furgoni sono collegati tra loro e con l’originale, che si trova all’Alpina Gstaad, l’hotel in cui Mimran è presidente e direttore creativo (l’Alpina ha vinto un Wallpaper Design Award nel 2013 come “Miglior rifugio invernale”).

“Era un modo per avere un dialogo a distanza con i nostri amici, usando i furgoni come hub per portare avanti idee e discutere le sfide che stanno affrontando”, spiega Mimran. Tra le problematiche più evidenti era l’assenza di un servizio igienico-sanitario a Kyebando; così nel 2018, To.org ha orchestrato la creazione di un edificio per toilettes realizzato con bottiglie di plastica riempite con sacchetti di polietilene scartati. Il Bottle Brick Toilet, come veniva chiamato, si è concluso comprendendo 13.356 bottiglie e oltre un milione di sacchi, impiegando più di 400 persone durante la sua costruzione e offrendo un luogo sicuro e privato per la gente del posto per liberarsi e soddisfare le loro esigenze mestruali. “Facendo qualcosa in un modo più creativo e ovviamente riciclato, potremmo entrare nella cultura popolare sia a livello locale che internazionale e innescare un’ondata di ispirazione e imitazione” ha aggiunto Mimran.

Il clamore che ha scatenato il Bottle Brick Toilet ha permesso a To.org di collaborare con un’organizzazione no-profit chiamata GiveLove, per costruire ulteriori bagni pubblici sostenibili e igienici a Kyebando. “The Throne” condivide lo stesso spirito di questi primi servizi igienici, sebbene il suo design elegante e futuristico lo collochi all’estremità opposta e tra gli obiettivi principali del nuovo progetto figura senza dubbio quello di esplorare la produzione additiva, che ha il potenziale per rivoluzionare l’edilizia, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

Mimran e il CEO di Nagami, Manuel Jimenez García, hanno unito il loro comune interesse per questa tecnologia a un evento londinese nel 2019 e da allora hanno dato vita alle loro idee, incluso un padiglione stampato in 3D, ispirato agli igloo, che potrebbe svolgere una funzione simile a i furgoni Shadowman. Inoltre, un motivo ulteriore per lavorare ad un bagno portatile era permettere che il padiglione potesse essere collocato in luoghi remoti privi di servizi igienici.

La forma del “Trono” strizza l’occhio alla forma simile a una conchiglia, del padiglione, attualmente un work in progress. La scelta del colore, un bianco brillante, serve ad allineare la loro estetica, la forma allargata offre invece all’utente più spazio per muoversi, mentre una porta scorrevole a forma di mandorla aiuta a ridurre al minimo l’ingombro fisico e aggiunge un senso di cerimonia ed eleganza quando si entra e si esce da questo avveniristico bagno. Un lucernario consente l’illuminazione naturale e, con il bel tempo, offre anche una vista verticale.  All’interno, un ripiano integrato consente di riporre la carta igienica e uno spazio per l’utente per appoggiare il telefono, mentre contenitori separati per rifiuti solidi e liquidi facilitano l’eventuale compostaggio mentre un ulteriore contenitore accoglie i trucioli di legno per eliminare gli odori indesiderati.

Utilizzando una stampante 3D robotica a sette assi prodotta da ABB, Nagami è stata in grado di stampare i componenti principali di “The Throne” in tre giorni (la scocca, la porta e un secchio per i rifiuti solidi; la base e alcuni accessori più piccoli erano stampati a iniezione o ordinati da terze parti). Sicuramente una rapida inversione di tendenza, anche se Mimran è consapevole che ci sia ancora molta strada da fare prima che una struttura simile possa essere prodotta in Uganda. Mentre To.org, insieme alla ONG locale You & I Foundation, gestisce un fab lab a Kyebando che dispone di una stampante 3D avanzata, la stampante di Nagami ha requisiti energetici e di manutenzione maggiori e richiede una formazione più ampia per un team più numeroso. Ci sono anche altre sfide progettuali: a differenza dei tradizionali servizi igienici portatili, “The Throne” non è impilabile, il che rende più difficile la scalabilità.

“The Throne” attualmente esiste come edizione unica, ma invece di trattarlo come un pezzo da esposizione, Mimran lo ha messo in servizio nello stesso cantiere in cui aveva avuto l’idea per la sua creazione e lo ha reso accessibile a tutti. ‘Un bagno pubblico è un bagno pubblico. Se il nostro team in cantiere si godesse questo momento, per quanto io mi sia divertito a testarlo, probabilmente sarebbero di umore migliore per svolgere il lavoro che fanno”.

L’intenzione di Mimran è che “The Throne” fungesse da provocazione: porta in primo piano una “discussione poco sexy” sui servizi igienico-sanitari e incoraggia anche i fornitori di produzione additiva di massa ad accelerare il percorso di esistenza del “Trono” nei luoghi più remoti. Ha inoltre aggiunto: “Crediamo che questa tecnologia debba passare attraverso lo stesso tipo di processi che ha attraversato il fotovoltaico: un tempo era un lusso sfruttare il sole per la sua energia, e ora è probabilmente una delle fonti più economiche. Speriamo di riuscire a mettere insieme una coalizione per abbattere i costi della produzione digitale distribuita, quindi non solo nelle mani di creativi e designer privilegiati, ma anche di coloro che progettano oggetti essenziali e vitali per la loro sopravvivenza”.

La fonte originale da cui è stato tratto questo articolo la potete trovare qui.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Ceramic AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the ceramic additive ma...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!