Medicina

Solette stampate in 3D potrebbero migliorare la salute del piede per i pazienti diabetici

Un team di scienziati sta sviluppando un nuovo tipo di solette stampate in 3D personalizzate che possono aiutare i pazienti diabetici affetti da ulcere del piede. Le solette, sviluppate presso la Staffordshire University nel Regno Unito, integrano una rigidità di ammortizzazione ottimizzata per migliorare la salute del piede.

Le ulcere del piede sono un sintomo sfortunato ma comune del diabete scarsamente controllato. Le piaghe dolorose sono il risultato della rottura del tessuto cutaneo e nel caso in cui le ulcere si infettino o non vengano trattate possono persino portare ad amputazioni. Fortunatamente, ci sono misure che possono essere prese per ridurre al minimo questo rischio per i pazienti diabetici.

Il team della Staffordshire University sta sviluppando speciali solette stampate in 3D che potrebbero essere strumentali per migliorare la salute dei piedi dei pazienti affetti da diabete. Lo studio del team, recentemente pubblicato sulla rivista Gait and Posture, è la prima prova a supporto dell’ammortizzazione ottimizzata per calzature per diabetici come parte della pratica clinica standard. Cioè, offrendo la rigidità di ammortizzazione su misura del paziente nelle calzature, è possibile ridurre al minimo la pressione del piede che può portare a ulcere.

Per supportare il loro lavoro, il team di ricerca ha condotto uno studio su 15 pazienti a Malta. A tutti i partecipanti è stato chiesto di indossare calzature dotate di solette stampate in 3D su misura. Le solette, realizzate dal Center for Biomechanics and Rehabilitation Technologies (CBRT), sono state adattate su tutta la superficie del plantare, con rigidità che variano a seconda della necessità specifica.

“La rigidità ottimale è chiaramente correlata all’indice di massa corporea del paziente (BMI)”, ha affermato il dott. Chatzistergos, professore associato presso la CBRT e autore principale dello studio. “Questo studio si aggiunge alle nostre precedenti scoperte e conclude che sono necessari materiali più rigidi per le persone con un BMI più elevato”.

Dopo aver analizzato i risultati di questo studio, il team di ricerca sta ora sviluppando un modo per consentire ai professionisti di identificare la rigidità di ammortizzazione ottimale per un particolare paziente. Il professor Nachi Chockalingam, direttore della CBRT e co-inventore della tecnologia, ha dichiarato: “Con numerosi pazienti che perdono gli arti a causa del piede diabetico, la nostra ricerca aiuterà i medici a gestire efficacemente questa malattia”.

Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!