MedicinaOpen SourceStampa 3D per l'emergenza COVID-19

FIT presenta FiT Filter carrier, una pratica soluzione di maschera stampata in 3D

Come moltissime  altre società AM, anche FIT Addtive Manufacturing Group ha risposto alla pandemia di coronavirus proponendo una soluzione che sfrutta la rapidità tipica della manifattura additiva. L’azienda tedesca ha sviluppato (e reso disponibile per il download per la stampa 3D) uno speciale sistema di filtraggio chiamato FiT Filter carrier, che può essere combinato con quasi tutti i materiali filtranti per formare una maschera di emergenza.

Il portafiltro/supporto del filtro può essere utilizzato più volte cambiando semplicemente e rapidamente lo stesso filtro. Un modello più piccolo, specialmente per i bambini, è attualmente in fase di sviluppo. Il set di dati per un modello stampabile 3D può anche essere scaricato gratuitamente dalla homepage dell’azienda.

In tutto il mondo, i sistemi sanitari e la popolazione soffrono per la mancanza di dispositivi di protezione. Coloro che sono in prima linea negli ospedali in lotta per la sopravvivenza dei pazienti infetti hanno bisogno di tutti i dispositivi di protezione professionali che possono essere fabbricati. Allo stesso tempo, anche la popolazione deve essere protetta al fine di ridurre il tasso di infezione e quindi alleviare l’onere per gli ospedali. Indossare maschere protettive sta diventando sempre più importante. Dopo che la Germania, come molti paesi inizialmente non interessati, sembrava minimizzare il problema che stava colpendo drammaticamente paesi come l’Italia prima e la Spagna dopo, ora il bilancio delle vittime sta crescendo in tutto il mondo e il presidente dell’Associazione medica tedesca (BÄK), Klaus Reinhardt ha chiesto di indossare maschere protettive.

 

Per questo motivo, FIT Additive Manufacturing Group ha sviluppato questa interessante alternativa alle maschere convenzionali sotto forma di un supporto per filtro FiT in modo che chiunque possa ridurre il rischio di infettare gli altri anche senza una maschera. Il kit facile da montare è riutilizzabile, disinfettabile, lavabile in lavastoviglie ed è costituito da due reti di plastica identiche tra cui è possibile inserire qualsiasi materiale filtrante, da un fazzoletto di carta, fazzoletti di cotone o coperture antimicrobiche a materiali di tessuto non professionale. Il filtro può essere sostituito rapidamente e facilmente in qualsiasi momento, poiché a causa dell’umidità qualsiasi materiale perde la sua efficacia. A seconda del filtro inserito, anche l’efficacia di filtraggio delle particelle più piccole dall’aria cambia, come ha dimostrato uno studio dell’Università di Cambridge.

“Vediamo con quanta urgenza siano necessarie le maschere respiratorie per la popolazione e le aziende, vogliamo quindi contribuire alla lotta contro la diffusione del virus con il nostro vettore di filtri FiT. Siamo pienamente consapevoli che il nostro Filter carrier non può proteggere le persone sane dalle infezioni. Vogliamo semplicemente migliorare la protezione degli altri, vale a dire ridurre il rischio che le persone affette da Covic-19 contagino le persone sane, rallentando così il tasso di infezione. E questo è tutto ciò che conta adesso”, ha spiegato Carl Fruth, CEO di FIT AG.

Negli ultimi giorni, l’azienda ha prodotto una prima versione del FiT Filter carrier usando la stampa 3D. È ora disponibile una versione migliorata, che può essere prodotta migliaia di volte in modo rapido ed economico mediante stampaggio ad iniezione. L’azienda sta pianificando un modello più piccolo, soprattutto per i bambini. Mantenendo le distanze “ora è il momento di agire e vivere in solidarietà”, ha affermato Fruth. Questo è il motivo per cui la sua azienda renderà la prima produzione della FiT disponibile gratuitamente a tutti i cittadini nella sua città natale di Lupburg.

Tutti gli altri possono produrre questa maschera localmente poiché il set di dati per una versione stampabile in 3D del FiT  Filter carrier, ottimizzato per le macchine SLS, è disponibile per il download gratuito sulla home page dell’azienda.

 

 

Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!