Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business
MedicinaStampa 3D - ServiziStampanti 3D

FabRx lancia la stampante 3D M3DIMAKER per la medicina personalizzata

FabRx, spin-out biotecnologico dell’University College di Londra (UCL) nel Regno Unito, ha annunciato la disponibilità del suo sistema M3DIMAKER, la prima stampante 3D farmaceutica sviluppata per la produzione di medicinali personalizzati. Il sistema è stato presentato per la prima volta in Svizzera nel settembre 2019 alla fiera ILMAC e ora, dopo numerosi test, è pronto per il mercato.

La stampante 3D farmaceutica appena lanciata è progettata per produrre compresse stampate 3D personalizzate chiamate Printlets. L’hardware può stampare pillole con una dose precisa di farmaci, nonché stampare “polipillole” con diversi farmaci integrati in una singola compressa. La capacità di combinare i farmaci in una singola pillola potrebbe rendere più semplice la gestione delle prescrizioni per i pazienti con regimi terapeutici complicati.

La stampante 3D M3DIMAKER è controllata da una piattaforma software specializzata che consente agli utenti di selezionare la dose prescritta dal farmacista e dal medico. Questo software integra anche il controllo di accesso con impronte digitali e un lettore di matrici di dati che garantiscono affidabilità e sicurezza. In altre parole, solo il personale qualificato ha accesso a molte delle funzionalità della tecnologia. La stampante 3D farmaceutica è inoltre dotata di procedure avanzate di controllo della qualità in linea, incluso il monitoraggio della fotocamera per il rilevamento dei difetti.

Il sistema è anche adattabile: i clienti possono scegliere tra tre diversi ugelli di stampa a seconda delle loro applicazioni specifiche, nel caso vogliano stampare piccoli lotti di pillole per studi preclinici e clinici oppure compresse personalizzate per la pratica clinica. Secondo FabRx, M3DIMAKER è in grado di produrre medicinali per un mese in circa otto minuti, a seconda del tipo di farmaco stampato.

“Siamo lieti di lanciare il nostro sistema di stampa 3D all’avanguardia alla luce delle raccomandazioni delle organizzazioni normative nel mercato farmaceutico”, ha commentato il dott. Alvaro Goyanes, direttore dello sviluppo di FabRx. “Credo davvero che si tratti di un passo avanti verso la medicina personalizzata”.

La medicina personalizzata è infatti una nuova frontiera nel settore sanitario e farmaceutico. Oggi, la maggior parte dei farmaci viene creata utilizzando metodi di fabbricazione in serie, che creano forme di dosaggio standardizzate. In alcuni casi, ciò può comportare un dosaggio inappropriato. In pediatria, ad esempio, non è raro che i farmaci vengano suddivisi o frantumati per ottenere il giusto dosaggio, metodo ovviamente impreciso che può portare a errori. Le compresse con dosaggio personalizzato potrebbero offrire un’alternativa maggiormente sicura a questo genere di approcci manuali.

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!