AlimentareItalia

Oggi abbiamo cucinato pasta alla norma stampata in 3D

Il piatto di pasta più tradizionale della cucina siciliana, con un tocco moderno high-tech e un po' di Spaghetto 3D di BluRhapsody

0 Condivisioni

Il mese scorso ho acquistato una scatola di pasta stampata in 3D, Spaghetto 3D, da BluRhapsody. Ho promesso che avrei fatto un unboxing e avrei cucinato un pasto per il VM Focus di VoxelMatters sugli alimenti stampati in 3D questo mese. Ci è voluto del tempo. Alla fine ci sono riuscito, rivisitando in chiave moderna e high-tech uno dei miei piatti preferiti: la pasta alla norma, uno dei primi piatti più tradizionali della ricca tradizione culinaria siciliana.

Non sono uno chef, quindi mi ci è voluto del tempo. Per onorare sia l’aspetto stampato in 3D che l’aspetto tradizionale richiesto dalla cucina italiana, nella mia pasta alla orma stampata in 3D ho mescolato ingredienti tradizionali con alcune tecniche di cottura moderne.

Vediamo come è venuta fuori.

Ma prima, alcune informazioni di base. Per chi non lo conoscesse, BluRhapsody è un progetto spin-off nato dalla ricerca R&D di Barilla. È iniziato con un concorso nel 2015 e successivamente si è evoluto nella creazione di un servizio che offre la stampante 3D per pasta sviluppata da Barilla per produrre disegni. Ora l’azienda si è evoluta nuovamente per offrire agli chef la possibilità di acquistare pezzi di pasta personalizzati stampati in 3D. Con sede a Parma, BluRhapsody di Barilla è la prima startup di Blu1877, un’azienda creata per interagire e supportare gli sforzi di coloro che stanno creando il futuro del cibo.

Rivisitazione moderna della pasta alla norma, uno dei primi piatti più tradizionali della ricca tradizione culinaria siciliana

Sfortunatamente, né Barilla né BluRhapsody sono stati molto aperti a sostenere i nostri sforzi per far conoscere la loro pasta stampata in 3D alla comunità globale della produzione additiva. Abbiamo quindi dovuto comprare la pasta, e non è economica. Le confezioni vanno da 15,90 euro per la pasta secca da 12 pezzi, a oltre 30 euro per la pasta fresca da 12 pezzi dalle forme più complesse. Il progetto è ancora nella sua fase iniziale e, come molti altri sforzi legati alla stampa 3D, si concentra su chef di fascia alta e professionisti del mondo della cucina. In effetti, l’ultima volta che abbiamo controllato, il prodotto non è disponibile nemmeno al di fuori dell’Europa. Ma pensiamo che sia giunto il momento di espandersi oltre e il nostro VM Focus sul cibo stampato in 3D è l’occasione perfetta per iniziare.

Per chi non ha familiarità con la pasta alla norma, si tratta semplicemente di una pasta (di solito spaghetti ma va bene anche la pasta corta) con salsa di pomodoro, melanzane fritte e ricotta dura grattugiata (e un po’ di basilico fresco). A parte il fatto che pomodori e melanzane di solito hanno un sapore migliore in Sicilia, la ricotta dura è l’ingrediente più difficile da ottenere se vivi altrove. Per questo motivo abbiamo voluto aggiungere qualche tocco in più al pomodoro e alle melanzane come vedrete più sotto.

La pasta stampata in 3D

Per questo primo esperimento con la pasta stampata in 3D, abbiamo scelto qualcosa che fosse classico e non troppo costoso come alcuni dei progetti più creativi: lo Spaghetto 3D. Per € 15,90 ricevi 12 pezzi di spaghetti stampati in 3D, ciascuno del peso di circa 7 grammi. Quindi si ottengono circa 84 grammi di pasta a 16 euro, a 190 euro al Kg. Considerando che la pasta in Italia costa solitamente un paio di euro al chilogrammo (5 euro per quella di fascia alta), non è proprio un affare. Ciò per cui paghi, oltre alla novità e all’unicità delle forme stampate in 3D, è la bellissima confezione.

Anche la stessa pasta Spaghetto 3D sembra molto interessante e innovativa. Il fatto che – come vedremo – non si disfa durante la bollitura non è da prendere alla leggera. E il risultato finale, che – se si seguono i tempi di cottura indicati al secondo – lo rende appena abbastanza duro dentro e abbastanza morbido fuori, e molto gradevole da mangiare.

Creare un pezzo di pasta così grande da poter essere cotto perfettamente al dente non è, secondo me, un’impresa facile. BluRhapsody infatti chiarisce anche che tutte le paste sono realizzate con una selezione di ingredienti eccellenti, come la semola derivata dai grani più pregiati. L’impasto viene lavorato con metodo artigianale e in piccole quantità, per garantire e mantenere sempre una consistenza perfetta. Quindi stai pagando anche per quella qualità.

Rivisitazione moderna della pasta alla norma, uno dei primi piatti più tradizionali della ricca tradizione culinaria siciliana

BluRhapsody propone anche diverse paste fresche con formati a tema. Ad esempio quelli marini da riempire con vari tipi di frutti di mare e salse di mare.

I condimenti

Allora come abbiamo cucinato questa meraviglia della moderna tecnologia della pasta? Per prima cosa abbiamo grattugiato della ricotta salata dura e l’abbiamo utilizzata per fare delle chips cuocendole in forno. Poi abbiamo tagliato a fette le melanzane e le abbiamo irrorate con un po’ di olio d’oliva prima di friggerle nella friggitrice per mantenerle più leggere e dal sapore più delicato.

A questo punto iniziamo a preparare la salsa. Lo abbiamo fatto in due modi diversi. Da un lato la salsa tradizionale, fatta con pomodori freschi pelati, un filo d’olio d’oliva e un solo spicchio d’aglio (da togliere dopo aver insaporito l’olio) e un po’ di basilico fresco. Successivamente abbiamo utilizzato una tecnica di sferificazione diretta (aggiunta di alginato di sodio al succo di pomodoro e immersione delle gocce in un bagno di cloruro di podio) per preparare del “caviale di succo di pomodoro”, principalmente come decorazione.

Rivisitazione moderna della pasta alla norma, uno dei primi piatti più tradizionali della ricca tradizione culinaria siciliana

Abbiamo cotto gli Spaghetto 3D per 7 minuti esatti, immergendoli in acqua bollente salata, come indicato sulla confezione. Avevo paura che risultasse troppo cotto, dato che i tempi di cottura possono variare, ma il risultato è stato perfetto. Li abbiamo scolati e sistemati sul piatto, con le melanzane e le scaglie di ricotta. Infine abbiamo grattugiato sopra la ricotta dura e abbiamo aggiunto altro basilico. Il risultato finale, anche se mi rendo conto che non era all’altezza degli standard di uno chef di fascia alta, è stato delizioso. In parte è perché gli ingredienti erano davvero buoni, ma anche perché la pasta aveva un’atmosfera davvero unica. Naturalmente abbiamo accompagnato il pasto con un delizioso vino Ripasso, che non è un vino siciliano ma è il mio preferito.

Tra i soldi spesi e il tempo impiegato, questo non è qualcosa che probabilmente ripeterò presto. Ma è stata un’esperienza culinaria fantastica e ne è valsa sicuramente la pena. Se ami cucinare, semplicemente non puoi più ignorare questa possibilità.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Composites AM 2024

This new market study from VoxelMatters provides an in-depth analysis and forecast of the three core segmen...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!