Blog dell'industriaIndustriaNotizie - ultima oraProfessionalStampa 3D - Processi

HP entra con Selltek nel mondo del 3D printing: vi sveliamo processi e costi

Come promesso due anni fa il momento è arrivato per per l’entrata diretta di HP nel mondo della stampa 3D. In Italia la multinazionale americana, che domina il mercato da $100 miliardi della stampa 2 digitale di grande formato, ha scelto Selltek come suo partner ufficiale per la distribuzione.

Con la  tecnologia Multi Jet Fusion, basata sul sistema Thermal Ink Jet, HP propone un approccio al materiale di stampa per superfici e non in modo puntiforme. Oggi questo significa al possibilità di stampare a una velocità pari a 10 volte quelle delle stampanti SLS e soprattutto di ottenere superfici più lisce e componenti più solidi e resistenti. L’obiettivo però è il controllo del materiale a livello di singolo voxel (Il voxel è l’equivalente di un pixel nel mondo del 3D).

tecnologia-mjf-di-hp-stampa-3d-900x445

In un futuro prossimo, infatti, la tecnologia MJF permetterà di impiegare e miscelare i coloranti in ciano, magenta, giallo e nero direttamente nella fase di stampa, applicandoli a ciascun voxel per ottenere in questo modo oggetti di vari colori e sfumature.

La vera novità della serie HP Jet Fusion 3D è l’utilizzo di due inchiostri differenti: un agente di fusione e un agente di dettaglio. Il primo dona il calore al materiale, il secondo lo definisce in base alle istruzioni del file.

In pratica il materiale da stampare viene steso in un letto di polvere su cui poi avviene la stesura degli agenti chimici. In seguito, per la rifinitura finale, interviene un ulteriore agente chimico che si occupa della smussatura degli spigoli. Come se non bastasse, al termine del processo, una luce ad alta intensità irradia la superficie fondendo le parti rimanenti e creando una polvere di rifiuto riciclabile.mjf

Insomma, HP non si accontenta di accedere al settore del 3D printing ma vuole farlo alla grande, portando avanti una vera e propria rivoluzione scandita da un ritmo di stampa da 340 voxel al secondo e contraddistinguendosi in termini di gamma di materiali e colori.

Una volta terminata la stampa, una luce ad alta intensità passa su tutta la superficie, fondendo le parti rimanenti e producendo una piccola quantità di polvere non utilizzata che viene aspirata dalla stazione di finitura (fornita sempre da HP).

processo-multijet-fusion-hp

La tecnologia Multi Jet Fusion di HP è caratterizzata da un elevato numero di ugelli a getto termico d’inchiostro inchiostro, che consentono la stampa di oltre 30 milioni di gocce al secondo per pollice quadrato. Dove trovarla? Naturalmente integrata nei due nuovi modelli proposti dalla multinazionale americana:

  • HP Jet Fusion 3D 4200 Printer
  • HP Jet Fusion 3D 3200 Printer

Le due stampanti 3D propongono in pratica caratteristiche simili in termini di dimensioni, risoluzione e volume di costruzione mentre si differenziano per velocità di stampa (rispettivamente 4500 cm³/ora e 3500 cm³/ora) e per spessore dello strato (rispettivamente da 0,07 a 0,12 mm e da 0,08 a 0,10 mm).

I costi saranno simili a quelli che sono stati anticipati: il modello 3200 costerà 120.000 euro (con la “processing station” NON inclusa. La versione HP Jet Fusion 3D 4200 uscirà a un prezzo di 160.000 (sempre con la “processing station” NON inclusa). Anche se il full color non sarà disponibile al lancio HP punta moltissimo sulla stampa 3D e promette altrettanto.

In particolare l’azienda ha assicurato che i pezzi prodotti con tecnologia MJF saranno più precisi e dettagliati, con la possibilità nel medio e lungo periodo di ottenere pezzi trasparenti, opachi e colorati partendo dallo stesso materiale base. Altre possibilità saranno l’integrazione di conduttività, controllata a livello di voxel, termica ed elettrica, così come un sempre maggiore controllo della rugosità superficiale, delle texture, e dell’attrito. La rivoluzione ormai è alle porte e Selltek si prepara a spalancarvele.

 

 

Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!