EOS celebra i suoi 30 anni nel mondo della stampa 3D

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il leader mondiale per la fornitura di soluzioni per la stampa 3D industriale EOS celebra il suo 30° anniversario. Quello che attualmente è considerato uno dei pilastri del settore, infatti, è stato fondata nel 1989 dal Dr. Hans J. Langer: da allora, l’azienda ha continuato a innovare il mondo dell’additive manufacturing con soluzioni sempre nuove, fino a raggiungere l’attuale ecosistema pensato per dare forma alla cosiddetta digital factory.

Fattore chiave per il successo di EOS negli anni è stato la sua capacità di offrire sin da subito sistemi AM per la produzione di polimeri e metalli, con software su misura per soddisfare questi sistemi per risultati ottimali. Inoltre, per supportare ulteriormente le aziende nell’uso della tecnologia AM, nel 2015 EOS ha fondato la sua unità di consulenza Additive Minds.

Il 2019 è però anche l’occasione per festeggiare un secondo anniversario, più direttamente legato al mercato italiano: ovvero, i 22 anni di EOS in Italia. Il 1° ottobre 1997 apre infatti la filiale italiana del colosso tedesco: una scelta dovuta al crescente interesse nei confronti dell’additive manufacturing mostrato dal nostro Paese – interesse che si è andato a confermare poi nel corso degli anni. Le prime macchine EOS introdotte nel nostro mercato furono alcuni modelli avanzati di stereolitografi, che ebbero un successo incredibile fin dall’inizio; tra questi, il modello STEREOS600MAX rappresentò di fatto un vero e proprio milestone tecnologico dell’epoca per la creazione di oggetti in 3D.

Il 1997 rappresenta un anno chiave per l’espansione di EOS, sia per lo sbarco in un nuovo mercato (quello italiano), sia per un cambio di tecnologia. Mentre i primi tempi dalla fondazione dell’azienda erano caratterizzati dalle tecnologie di stereolitografia, dal 1997 EOS si è concentrata esclusivamente sulla sinterizzazione laser. All’epoca, si trattava di una decisione ambiziosa, ma la storia ha dimostrato che si è trattata della strategia giusta da seguire. Il processo di produzione basato sull’utilizzo delle polveri è perfetto per l’attuale mercato delle applicazioni in serie, sia in termini di qualità e riproducibilità, che in termini di velocità e costi di produzione.

Con una base installata di quasi 3.500 sistemi di stampa 3D industriale, l’azienda tedesca a conduzione famigliare EOS è il fornitore numero uno al mondo di soluzioni di additive manufacturing (AM). Il percorso che ha portato l’azienda al successo è caratterizzato dallo spirito pionieristico, dal coraggio e dalla forte motivazione volta a migliore la vita delle persone attraverso la tecnologia. Al momento della fondazione dell’azienda, il 24 aprile 1989, Dr. Hans J. Langer aveva una visione chiara: produrre oggetti tridimensionali direttamente da dati CAD grazie alla tecnologia laser, per ciò che all’epoca era considerato il nuovo mercato emergente della prototipazione.

Secondo Dr. Adrian Keppler, CEO di EOS: “L’istituzione di piattaforme per processi competi di produzione in digitale è un obiettivo fondamentale che ci poniamo di raggiungere nei prossimi anni. Non si tratta solo di fornire le giuste soluzioni di stampa 3D, ma di valutare, pianificare, impostare e ottimizzare le celle di produzione AM per sfruttare tutti i vantaggi e le possibilità offerte dal digitale”.

Ad oggi, EOS conta oltre 1.200 collaboratori in tutto il mondo, ma nonostante questo continua a mantenere la sua identità di azienda a conduzione famigliare ed indipendente, con valori ben definiti che formano le basi della cultura aziendale. 100 di questi giorni EOS!

Autore Matteo Maggioni

Laureato in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano, nel corso degli anni Matteo si è specializzato nel mercato delle New Technologies, concentrandosi particolarmente sul mercato della stampa 3D e sulle sue possibili applicazioni nel mondo dell'Industria 4.0.

Da non perdere

Mimaki lancia la nuova stampante 3D di grande formato Mimaki 3DGD-1800

Sin dall’inizio l’attività di stampa 3D di Mimaki si è intrecciata con le tecnologie israeliane. …