Stampa 3D - Processi

Xolo presenta xube, la prima stampante 3D volumetrica commerciale

I fondatori dell'azienda hanno anche presentato uno studio sul metodo di stampa 3D volumetrica lineare xolografia

0 Condivisioni

Xolo, una startup con sede a Berlino, ha sviluppato e presentato xube un nuovo sistema che potrebbe essere definito come la prima stampante 3D volumetrica disponibile in commercio. Tuttavia, non lasciamoci prendere la mano. Sebbene possa essere disponibile per la prenotazione per l’acquisto, il sistema è stato effettivamente sviluppato come strumento sperimentale per testare le possibili applicazioni di un approccio di stampa 3D volumetrica che i ricercatori dietro l’azienda hanno chiamato “xolografia”, in modo che più persone possano capire la rivoluzione di questa nuova forma di produzione additiva e “vediamo che arriva”, come recita lo slogan dell’azienda.

Non l’abbiamo visto arrivare. E va ammesso che i nostri amici di Fabbaloo sono arrivati ​​prima a questa storia, dopo che è stata pubblicata su Nature. Abbiamo già coperto la stampa 3D volumetrica, tuttavia, la tecnologia rimane marginale in quanto non ha ancora applicazioni commercialmente valide. Tuttavia, ci aspettiamo che questo approccio diventi molto più rilevante negli anni a venire.

In effetti, xube potrebbe diventare qualcosa di simile a ciò che Formlabs ha ottenuto con la Form 1, Ultimaker, Makerbot e Prusa con le loro prime stampanti 3D, CELLINK ha fatto con la bioprinter Inkredible, o Sinterit ha fatto con la prima Lisa: portare una tecnologia che è ampiamente sperimentale – o limitato ai livelli più alti della produzione industriale – per un pubblico più ampio di utenti accademici e commerciali.

I ricercatori tedeschi che hanno sviluppato e stanno conducendo test sul sistema xube si aspettano che la stampa 3D volumetrica sia il prossimo passo avanti rispetto ai metodi di produzione additiva sequenziale. L’approccio xolografico è una tecnica a due colori che utilizza fotoiniziatori fotosensibili per indurre la polimerizzazione locale all’interno di un volume di monomero confinato, su eccitazione lineare, intersecando fasci di luce di diverse lunghezze d’onda. In altre parole, poiché la stampa 3D volumetrica deve “colpire” diverse parti della resina liquida in tempi diversi, in un volume 3D, per ricreare un’immagine 3D contemporaneamente (e non solo un 2 strati sopra uno sopra), i ricercatori regolano quanto la luce penetra in profondità nella resina cambiando la lunghezza d’onda.

xube, la prima stampante 3D volmetrica commerciale di xolo
Una stampa 3D volumetrica xolografica dal sistema xube di Xolo.

I ricercatori di xolo e di due università tedesche hanno dimostrato questo concetto con la stampante volumetrica xube, che è stata progettata per generare oggetti tridimensionali con caratteristiche strutturali complesse e funzioni meccaniche e ottiche. Rispetto ai metodi di stampa volumetrica all’avanguardia, questa tecnica ha una risoluzione circa dieci volte superiore alla litografia assiale calcolata senza ottimizzazione del feedback e una velocità di generazione del volume da quattro a cinque ordini di grandezza superiore alla fotopolimerizzazione a due fotoni. I ricercatori si aspettano che questa tecnologia trasformi la produzione volumetrica rapida di oggetti su scale di lunghezza da nanoscopiche a macroscopiche.

Jordan Miller, Assistant Professor of Bioengineering e Co-Founder presso Volumetric, Inc., ha commentato su LinkedIn il risultato, fornendo alcuni spunti aggiuntivi e descrivendola come “una realizzazione estremamente creativa e innovativa della fotopolimerizzazione 3D a due colori […] Il loro design è tale che il foglio di luce blu viene scansionato una volta attraverso il volume (questo è il loro asse z), sensibilizzando il reagente in un piano sottile, ma curando solo il modello rosso mutevole (un’immagine XY) che lo attraversa. Effettivamente la proiezione e quindi il modello curato cambia nello spazio anche se devi solo proiettare una singola immagine alla volta. Sul nome che conia “Xolografia” […] gli autori affermano: “I fasci di luce incrociati (X) generano l’intero oggetto (ologrammi) utilizzando questo processo di stampa, da cui il termine xolografia”.

0 Condivisioni
Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!