Composite Images stampa in 3D una spettacolare vetrina per le macchine Nespresso Vertuo

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lavorando in collaborazione con lo studio grafico australiano Construction Effects, Composite Images ha stampato due incredibili spruzzi di latte di grandi dimensioni per celebrare il lancio delle nuove macchine Vertuo di Nespresso.

Lo studio ha creato due modelli: il più grande è stato esposto nella Nespresso George Street, la vetrina del negozio di Sydney, mentre quello più piccolo è stato collocato nella vetrina della boutique Nespresso di Chatswood. L’obiettivo era quello di rappresentare con precisione gli impressionanti schizzi di latte versato, dando alla stampa 3D statica un aspetto dinamico.

Il modello 3D finale è stato fornito da Construction Effects, uno studio grafico locale specializzato negli effetti FX, mentre il team di Composite Images si è occupato di combinare meglio il file al fine di fornire risultati ottimali durante la stampa – il che significava stampare entrambi gli schizzi in numerosi segmenti per garantire che nessun dettaglio fosse lasciato fuori.

Composite Images ha maturato una certa esperienza nell’uso della stampa 3D per efficaci attività di marketing visivo, valutando i requisiti di complessità e di stabilità del modello per determinare quale modalità di stampa e velocità funzioneranno meglio. L’immagine qui a destra può fornire una comprensione più chiara del livello di dettaglio, profondità e altezza raggiunti per l’esposizione nella boutique di Chatswood.

Per risultati ottimali su questo particolare progetto, Composite Images ha lavorato a stretto contatto con Construction Effects, lo studio che ha fornito il file 3D. Una volta completata la stampa, anche Construction Effects ha completato tutte le finiture del modello: questo processo è un modo efficace per collaborare con altri professionisti del settore e sfruttare le proprie competenze per ottenere il miglior risultato finale possibile.

Gli schizzi di latte stampati in 3D sono stati resi più impegnativi dalla loro geometria grumosa e arrotondata, ma ancora una volta ciò lo ha reso il progetto maggiormente stimolante e ha offerto una reale opportunità a Composite Images per mettere in mostra la competenza e l’esperienza acquisita – incluso l’uso delle soluzioni di stampa 3D di grande formato di Massivit.

Autore Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Da non perdere

La Gioconda di Leonardo adesso è anche fiscamente in 3D

Quante volte capita di andare in un museo e leggere il categorico monito “guardare ma …