AerospazialeDistributed ManufacturingElettronicaIndustriaMakersProfessionalStampa 3D - Processi

Artigianato digitale, una palestra per la manifattura avanzata made in Italy

L’Italia è tra i leader nel mondo in continua evoluzione della manifattura avanzata. Attraverso la stampa 3D, l’artigianato digitale prepara le nuove generazioni all’industria del futuro

Uno degli aspetti più affascinanti della stampa 3D e delle tecnologie ad essa associate è che riescono a combinare, in modo fluido, le più avanzate tecnologie di manifattura industriale, digitale e automatizzata, con una generale riduzione dei costi d’accesso alla produzione digitale. Nel microcosmo della stampa 3D/manifattura additiva (i due termini sono intercambiabili) il processo produttivo è il medesimo, sia che si stiano producendo prototipi da milioni di dollari, sia per accessori da pochi euro: si parte sempre da un file digitale CAD in 3D, che una macchina riproduce fisicamente, aggiungendo strato dopo strato di materiale in base alle istruzioni contenute nel file stesso.

La differenza la fanno i materiali e le diverse applicazioni ma esistono pochi Paesi al mondo che riescono ad eccellere in entrambi gli aspetti e l’Italia – proprio per le caratteristiche intrinseche della sua industria – è tra questi: con la sua produzione altamente specializzata, guida il mondo della manifattura digitale in campo aerospaziale, medicale e automobilistico. Allo stesso tempo gli artigiani, i gioiellieri e gli orafi – tra i primi ad adottare strumenti di manifattura digitale – spingono da due decenni i limiti di ciò che è possibile fare.

Imparare a fare industria

Oggi la principale debolezza italiana, rispetto a Paesi come quelli anglosassoni e asiatici, è che questa enorme ricchezza di talento e abilità non è il frutto di un programma centralizzato e indirizzato con un progetto a lungo termine, ma è il risultato di iniziative individuali da parte di piccoli e grandi gruppi industriali.

artigianato digitale
La Maker Faire di Roma è il più importante evento europeo per l’artigianato digitale

Negli USA o in Asia, e persino in Paesi che non possono essere paragonati all’Italia in quanto a industria manifatturiera, esistono iniziative statali (come America Makes), che stanno investendo in modo significativo per portare la stampa 3D nelle scuole. In Italia l’unica vera palestra per imparare a conoscere gli strumenti per l’industria 4.0 è l’artigianato digitale e il cosiddetto neonato mondo dei “makers”. Si tratta di un fenomeno nato negli USA ma letteralmente esploso in Italia negli ultimi anni, come dimostrato dal successo della Maker Faire Europe che si tiene ogni anno, in autunno, a Roma.

“Gli USA, così come Cina e Giappone, anche in conseguenza di sistemi politici e giuridici diversi da quelli europei, hanno una visione specifica per la stampa in 3D e per una strategia unitaria a livello centrale,” spiega Dario Tamburrano, parlamentare europeo del Movimento 5 Stelle ed esperto di strumenti maker. “La frammentazione europea non favorisce sicuramente una condivisione delle eccellenze che esistono in vari settori e su questo dobbiamo lavorare anche noi parlamentari. I bambini cinesi imparano a disegnare in CAD e a stampare molto precocemente grazie al supporto dello stato. Tra 10-20 anni quei ragazzi saranno sul mercato globale del lavoro e avranno dei vantaggi competitivi enormi rispetto ai loro coetanei europei e italiani.”

Artigianato Aerospaziale

Lima Corporate ha introdotto per prima l'uitlizzo delle strutture trabecolari in titanio in campo medicale.
Lima Corporate ha introdotto per prima l’uitlizzo delle strutture trabecolari in titanio in campo medicale.

Che l’industria di domani sarà basata su strumenti di produzione digitale lo dimostrano ampiamente, già oggi, proprio alcune aziende italiane. Nel segmento più in crescita della stampa 3D, quello che realizza componenti industriali partendo da polveri di metallo atomizzate, esistono realtà sul territorio che non hanno paragoni a livello mondiale in termini di innovazione.

In campo aerospaziale Avio Aero (acquisita da GE), è stata la prima fabbrica additiva al mondo. All’interno del suo stabilimento vicino a Torino sono presenti solo stampanti 3D a metallo, oltre a un impianto per la produzione delle polveri atomizzate. Le stesse tecnologie a base di titanio vengono applicate in campo medicale da Lima Corporate. L’azienda con sedi in Friuli e in Sicilia, nel palermitano, realizza protesi e impianti personalizzati per ginocchia, bacino, cranio e maxillo facciale. Lima ha inventato la struttura “trabecolare” di queste protesi, che oggi viene usata in tutto il mondo della stampa 3D e non solo in campo medicale.

artigianato digitale
Sisma ha la leadership nella stampa 3D dei metalli preziosi

Dinamiche simili si stanno già verificando nel mondo automobilistico, in aziende come FCA, Ferrari, Lamborghini e Ducati. Proprio la Ducati deve molti dei miglioramenti che si sono verificati nel reparto racing negli ultimi due anni all’implementazione di tecnologie di stampa 3D per la prototipazione rapida. Intanto FCA sta valutando di iniziare a produrre alcuni componenti delle sue auto mediante processi di stampa 3D a metallo. Nel mondo del gioiello, i due produttori italiani di stampanti 3D industriali – Sisma e DWS – offrono soluzioni tra le più avanzate che esistono in termini di materiali e processi.

Partire dal basso

Questi mondi oggi si incontrano – e a volte si scontrano – con quelli che, invece, usano le tecnologie di stampa 3D a basso costo per una produzione artigianale più efficiente. Anche questo segmento è in grande fermento – soprattutto in Italia – un Paese dove la maggior parte delle piccole e medie imprese sono – di fatto – dei grandi laboratori di maker e artigiani digitali. Queste SMI possono beneficiare enormemente dall’implementazione dei processi di stampa 3D, sia in termini di riduzione dei tempi di sviluppo del prodotto, sia per una riduzione dei costi di produzione. Anche per questo, in Italia, è presente la più alta concentrazione di produttori di stampanti 3D a basso costo al mondo. Startup e nuove imprese come Sharebot, WASP, Roboze, 3ntr, FABtotum realizzano e commercializzano stampanti 3D che permettono a chiunque di accedere alla manifattura digitale e di prepararsi al meglio ad affrontare le sfide della manifattura industriale di domani.
Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!