AerospazialeAutomotiveAziendeIndustriaNotizie - ultima oraProduzioneProfessionalStampa 3D - ProcessiStampanti 3D

Stratasys presenta Infinite Build, sistema FDM senza limiti dimensionali

Stratasys, l’azienda di soluzioni per la stampa 3D e la fabbricazione additiva (i cui prodotti sono distribuiti in Italia da Energy Group) ha mostrato in anteprima Infinite Build, la futura generazione di tecnologie di produzione (che verranno svelate all’IMTS 2016), nell’ambito della propria visione SHAPING WHAT’S NEXT™ per la produzione.

SHAPING WHAT’S NEXT si basa sull’esperienza di stampa 3D industriale FDM® di Stratasys per soddisfare i requisiti delle applicazioni più complesse dei clienti, rispondendo all’esigenza dei produttori di realizzare rapidamente parti resistenti di varie dimensioni, dai braccioli per auto ai pannelli in cabina per aeromobili. L’ecosistema Stratasys di tecnologie additive e tradizionali, flussi di lavoro software, sviluppo di materiali e servizi professionali si allinea con le esigenze delle singoli applicazioni, raggiungendo migliori standard di qualità costi e consegna liberando le capacità della fabbricazione additiva di rivoluzionare le modalità di progettazione e produzione dei componenti.

I dimostratori saranno esposti presso lo stand Stratasys all’IMTS, N-60, dal 12 al 17 settembre.

Il Dimostratore Stratasys Infinite-Build 3D è progettato per rispondere alle esigenze dell’industria aerospaziale, automobilistica ed altre di parti termoplastiche leggere e di grandi dimensioni con proprietà meccaniche ripetibili. Il Dimostratore Infinite-Build 3D è dotato di un approccio rivoluzionario all’estrusione FDM, che aumenta produttività e ripetibilità. Il sistema trasforma il concetto di stampante 3D tradizionale per ottenere un approccio “infinite-build” che stampa su un piano verticale per dimensioni di componenti praticamente illimitate nella direzione del processo di costruzione.

2235b_main-760x428Il gigante del settore aerospaziale Boeing ha svolto un ruolo di primo piano nel definire i requisiti e le specifiche per il dimostratore. Boeing attualmente si serve di un Dimostratore Infinite-Build 3D per analizzare la produzione di piccoli lotti leggere. Anche la casa automobilistica Ford sta esplorando applicazioni di produzione automobilistiche innovative per questo dimostratore e valuterà questa nuova tecnologia. Ford e Stratasys collaboreranno per testare e sviluppare nuove applicazioni per i materiali stampati in 3D di classe automobilistica, che prima non potevano essere ottenute a causa delle limitazioni dimensionali, consentendo e accelerando una progettazione innovativa del prodotto.

“La fabbricazione additiva rappresenta una grande opportunità per Boeing e i nostri clienti, pertanto abbiamo preso la decisione strategica, più di un decennio fa, di lavorare a stretto contatto con Stratasys a questa tecnologia. Siamo sempre alla ricerca di modi per ridurre i costi e il peso delle strutture degli aeromobili, oppure per ridurre il tempo necessario per prototipare e testare nuovi strumenti in modo da poterli fornire ai clienti a costi più convenienti e più rapidamente. Il Dimostratore Stratasys Infinite-Build 3D consente di realizzare prodotti di una maggiore e potenzialmente illimitata lunghezza, offrendo così uno strumento innovativo da aggiungere ai nostri robusti processi di fabbricazione additiva”, ha dichiarato Darryl Davis, presidente di Boeing Phantom Works.

2235c_main-760x602“La stampa 3D mantiene la promessa di cambiare la progettazione e la produzione nel settore automobilistico perché svela nuovi modi di innovare e di rendere la produziione più efficiente. La nostra visione in Ford è trasformare in realtà la stampa di componenti automobilistiche ad alta velocità e di alta qualità. Siamo entusiasti delle opportunità future che il concetto Infinite-Build, modulare e versatile, potrà introdurre, e non vediamo l’ora di collaborare con Stratasys per raggiungere i nostri obiettivi”, ha dichiarato Mike Whitens, Direttore, Vehicle Enterprise Sciences, Ford Research & Advanced Engineering.

Il dimostratore Robotic Composite 3D unisce le tecnologie avanzate di estrusione di Stratasys, l’hardware di controllo del movimento Siemens e il software PLM

Stratasys e Siemens hanno lavorato a stretto contatto per promuovere la loro visione condivisa di rendere la stampa 3D un elemento vitale e indispensabile dell’industria manifatturiera. Come esempio di questa visione, Stratasys ha sviluppato il dimostratore Robotic Composite 3D integrando le tecnologie di fabbricazione additiva fondamentali con l’hardware industriale di controllo del movimento e le funzionalità software di progettazione e stampa 3D fornite da Siemens. Questo dimostratore Robotic Composite 3D è stato progettato per rivoluzionare la stampa 3D di pezzi compositi.

In aggiunta all’ampio uso nei settori dei trasporti come quello automobilistico e aerospaziale, anche ’industria petrolifera e del gas e il settore medicale si servono di materiali compositi per produrre strutture resistenti e leggere. Tuttavia, la produzione di compositi è vincolata a processi ad alto livello di manodopera e limitazioni geometriche. Il dimostratore Robotic Composite 3D offre una stampa 3D reale utilizzando un sistema di movimento a 8 assi che consente un posizionamento preciso e direzionale del materiale al fine di garantire resistenza, riducendo al contempo la necessità di strategie di supporto per la velocità. In questo modo vengono ridefinite le modalità di produzione dei futuri componenti leggeri, fornendo un’anteprima di come questa tecnologia possa essere utilizzata per accelerare la produzione di componenti realizzati a partire da una grande varietà di materiali.

“Siemens è lieta di sostenere Stratasys nelle sue innovative iniziative di fabbricazione additiva, tra le quali il dimostratore Robotic Composite 3D è una delle più promettenti. Lavorando a stretto contatto con Stratasys sul controllo del movimento e sull’automazione CNC, Siemens sta contribuendo a creare un flusso di lavoro flessibile di produzione multifunzione, che inserisce la stampa 3D nelle linee produttive. Siamo ansiosi di continuare a collaborare con Stratasys alla creazione di soluzioni di produzione in grado di trasformare l’industria”, ha affermato Arun Jain, VP, Motion Control, Digital Factory US, Siemens.

“Stratasys contribuisce al successo nella produzione con applicazioni come i supporti alla produzione, gli stampi a iniezione e strumenti di produzione di materiali compositi, e beneficia di relazioni con leader industriali innovativi per estendere ulteriormente l’applicabilità della fabbricazione additiva negli ambienti di produzione”, ha dichiarato Ilan Levin, CEO, Stratasys. “Vediamo il livello di integrazione, automazione e monitoraggio delle prestazioni potenzialmente offerto da questi nuovi dimostratori che agiscono come un motore di spinta per la trasformazione dell’industria 4.0. Stratasys invita tutti i visitatori dell’IMTS a vedere da vicino e in azione queste nuove tecnologie, così come le nostre soluzioni per la fabbricazione additiva industriale collaudati sul campo.”

Oltre ai dimostratori Infinite-Build e a dimostratori Robotic Composite 3D presenti nelle dimostrazioni tecnologiche, Stratasys metterà in mostra all’IMTS 2016 esempi di applicazioni di stampa 3D utilizzati attualmente dai propri clienti di tutto il mondo per i processi di progettazione e produzione, tra cui attrezzature e strumenti di produzione stampati in 3D, stampaggio in composito, stampaggio a iniezione e parti di produzione.

Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!