Lancio nuovo prodotto

Lynxter ha lanciato la nuova stampante 3D in silicone S300X

Presentazione della tecnologia di supporto stampato integrata e del nuovo materiale in silicone SIL001

0 Condivisioni

Visto che la produzione additiva continua a crescere, uno dei segmenti più impegnativi e ad alto potenziale dell’AM, quello dei materiali termoindurenti reattivi, rimane in gran parte inesplorato. Solo pochissime aziende dispongono di tecnologie perfezionate in grado di utilizzare questi materiali in modo efficiente e conveniente. Una di queste è la francese Lynxter, che ha sviluppato conoscenze ed esperienza nella stampa 3D in silicone a partire dal lancio della prima stampante 3D in silicone S600D. Il continuo sviluppo in Lynxter ha portato a una nuova soluzione per la stampa 3D di elastomeri: la stampante 3D in silicone S300X.

Secondo l’ultima Polymer AM Opportunities and Trends 2020-2030 di 3dpbm, la stampa 3D termoindurente è allo stesso tempo di gran lunga il segmento di materiale più piccolo e (a causa del suo elevato potenziale a lungo termine) anche di gran lunga il più rapido in crescita in termini di CAGR da materiali polimerici AM [chiedi un preventivo]. I materiali termoindurenti più comuni utilizzati nella stampa 3D includono silicone, poliuretano ed epossidico, che sono anche tra i materiali termoindurenti più utilizzati in generale. A causa della loro elevata viscosità, i termoindurenti come il poliuretano e il silicone sono difficili da stampare con le tecnologie di estrusione, richiedendo un’ampia manipolazione sia della chimica dei materiali che della meccanica del sistema hardware.

Il continuo sviluppo in Lynxter ha portato a una nuova soluzione per la stampa 3D di elastomeri: la stampante 3D in silicone S300X

La S300X è stata realizzata per la stampa di siliconi e poliuretani per uso medico e industriale. Lo fa consentendo una tecnologia di supporto stampato integrata per una maggiore libertà geometrica. Uno strumento industriale compatto, affidabile e robusto con una filosofia aperta, l’S300X può essere utilizzato per la produzione di parti di mascheratura personalizzate per la post-elaborazione (verniciatura, levigatura, trattamento al plasma ecc.), ammortizzatori, guarnizioni, ortesi certificate per il contatto con la pelle e tessuti con funzionalità aggiuntive.

Il lancio della nuova macchina S300X coincide anche con il lancio della gamma di materiali Lynxter, compreso il silicone SIL001 di qualità industriale.

Il continuo sviluppo in Lynxter ha portato a una nuova soluzione per la stampa 3D di elastomeri: la stampante 3D in silicone S300X

Attraverso questa innovazione, Lynxter cerca di democratizzare la stampa con il silicone. Una soluzione semplificata, conveniente e aperta progettata per molteplici applicazioni: industriali (guarnizioni, mascheratura, manutenzione ecc.), R&D (prototipazione, formulazione di materiali, robotica morbida) e mediche (epitesi, protesi, ortopedia). In campo medico, la produzione additiva del silicone consente di produrre dispositivi su misura senza prendere un’impronta manuale o utilizzare uno stampo. Consente inoltre lo svuotamento e la variazione dei tassi di riempimento per alleggerire le parti o modificarne le proprietà (ridurre la durezza, aggiungere resistenza, migliore smorzamento, dall’anisotropia alla parte stampata ecc.).

La stampante 3D in silicone S300X può stampare una varietà di materiali tra cui silicone RTV2 di grado medico (5, 10, 25, 40 ShA) certificato ISO 10993-05 per il contatto con la pelle, silicone RTV2 di grado industriale (45shA) e poliuretano (da 50 a 85 ShA). Questi siliconi resistenti all’invecchiamento non richiedono una post-elaborazione pesante e possiedono proprietà meccaniche equivalenti allo stampaggio a iniezione.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Polymer AM Market 2023

899 polymer AM companies individually surveyed and studied. Core polymer AM market generated over $5.5 bill...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!