Produzione

Cubicure ha presentato la post-elaborazione industriale dei polimeri

Una soluzione detergente personalizzabile che consente il riciclo della resina residua

0 Condivisioni

Dopo aver lanciato un nuovo sistema di stampa 3D che consente la produzione stereolitografica di lotti di dimensioni industriali, l’anno scorso,  l’azienda austriaca di stampa 3D, Cubicure, ha ora sviluppato una soluzione di pulizia per la post-elaborazione su scala industriale di componenti polimerici prodotti in modo additivo, migliorando ulteriormente l’uso sostenibile dei materiali e della sicurezza sul lavoro, oltre a risparmiare tempo e denaro nella post-elaborazione. La catena di processo può essere ottimizzata individualmente a seconda dell’applicazione.

La soluzione di pulizia personalizzabile per la stampa 3D basata sulla luce consente l’aumento industriale della post-elaborazione di parti polimeriche stampate in 3D, con diversi milioni di componenti ad alta precisione prodotti e puliti ogni anno in modo additivo.

La prima fase di pulizia è la rimozione centrifuga dei residui di materiale dalle piattaforme edilizie. Questa resina residua viene raccolta in un contenitore e riciclata attraverso il processo di stampa 3D. “La litografia a caldo è già un processo altamente efficiente dal punto di vista dei materiali. Grazie alle nostre soluzioni di post-elaborazione, il materiale in eccesso rimosso durante la pulizia dei componenti può essere semplicemente riutilizzato”, ha spiegato il dott. Bernhard Busetti, product manager per i sistemi di stampa 3D di Cubicure. “Ciò consente alle aziende di essere più sostenibili e risparmiare sui costi”.

I componenti prodotti in modo additivo vengono quindi lavorati in un impianto di pulizia ad alta efficienza energetica. L’impianto è dotato di un’impostazione ad ultrasuoni che pulisce delicatamente i componenti delicati. L’agente pulente viene riciclato tramite un’unità di distillazione incorporata, in modo che anche con una produttività molto elevata, sia necessario aggiungere meno solvente possibile. La pulizia fine può essere eseguita utilizzando vapore surriscaldato.

Infine, i componenti vengono essiccati in un ciclo sotto vuoto. Poiché la pulizia è completamente automatizzata e avviene in un’area chiusa, l’uso di un sistema di pulizia migliora la sicurezza sul lavoro. A seconda dell’applicazione, i componenti stampati vengono separati direttamente dopo la stampa, tra le fasi di pulizia o alla fine dell’intera catena di processo.

Le soluzioni per la pulizia di Cubicure rappresentano un ulteriore passo verso la produzione completamente digitale. Lo sviluppo di un metodo per la pulizia sostenibile dei componenti polimerici fornisce una soluzione a prova di futuro per l’integrazione della produzione additiva nei moderni processi di produzione industriale.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Composites AM 2024

746 composites AM companies individually surveyed and studied. Core composites AM market generated over $78...

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!