Aerospaziale

La startup israeliana HELIOS produrrà ossigeno dalla regolite sulla Luna

Gli altri materiali metallici estratti verranno utilizzati per la stampa 3D di parti strutturali

0 Condivisioni

L’idea di estrarre sia i metalli strutturali che l’ossigeno dalla regolite lunare, sul posto, è emersa in uno studio del MIT pubblicato nel 2015 dal titolo Molten Regolith Electrolysis Reactor modeling and optimization of in-situ resource utilization systems. Anche l’ ESA ha esplorato questo concetto, come ha detto Tommaso Ghidini a 3dpbm lo scorso anno, in collaborazione con il produttore di polveri metalliche Metalysis. Ora una startup israeliana, HELIOS, si è aggiudicata un contratto dall’Agenzia spaziale israeliana per sviluppare commercialmente un tale reattore, utilizzando l’ossigeno per l’aria respirabile, il carburante, e metalli come l’alluminio e il titanio per realizzare parti strutturali utilizzando tecnologie come la produzione additiva metallica.

HELIOS produrrà ossigeno dalla regolite sulla luna

L’ESA e la NASA stanno tornando sulla Luna con missioni con equipaggio, questa volta con l’obiettivo di restare”, ha spiegato Tommaso Ghidini, capo della divisione Strutture, meccanismi e materiali dell’ESA. “Di conseguenza, stiamo spostando il nostro approccio ingegneristico verso un uso sistematico delle risorse lunari in situ. Stiamo lavorando con i nostri colleghi della Direzione per l’esplorazione umana e robotica, l’industria europea e il mondo accademico per fornire approcci scientifici di alto livello e tecnologie abilitanti chiave come questa , verso una presenza umana sostenuta sulla Luna e forse un giorno su Marte”.

Il costo del lancio dei materiali necessari per impostare la prima base lunare non è fattibile, solo l’utilizzo di risorse in loco può consentire questo sforzo. Questo è il motivo per cui HELIOS sta sviluppando un reattore in grado di trasformare il suolo lunare e il suolo marziano in ossigeno e metalli. Nella visione di HELIOS, il reattore MRE separerà prima gli abbondanti ossidi trovati su tutte le superfici lunari (e persino marziane) in ossigeno e vari metalli come ferro, alluminio, titanio e altro.

HELIOS produrrà ossigeno dalla regolite sulla lunaA questo punto, vari metodi di fabbricazione, inclusi in particolare vari processi di produzione additiva, verranno testati e sviluppati per utilizzare la produzione di metallo del reattore. Saranno quindi sviluppate tecnologie di stoccaggio per consentire l’utilizzo dell’ossigeno in una fase successiva.

La realizzazione finale degli obiettivi del progetto è stabilire le infrastrutture e i servizi necessari per la futura colonizzazione umana della Luna (e di Marte). Ciò sarà effettuato utilizzando robot di costruzione autonomi (ad es. stampanti 3D da costruzione).

L’ossigeno sarà trasportato in orbita terrestre allo scopo di rifornire di carburante i veicoli spaziali che viaggiano più lontano nello spazio. L’ossigeno costituisce circa il 65-80% della massa dei propellenti per missili, quindi il rifornimento in orbita terrestre ridurrà drasticamente il costo delle future missioni spaziali.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!