Aerospaziale

La navicella Orion è pronta per la sua missione lunare

Sarà il primo modulo lunare con parti stampate in 3D

0 Condivisioni

La sonda spaziale Orion della NASA è pronta per la sua missione sulla Luna. Lockheed Martin ha completato l’assemblaggio e il collaudo della sonda Orion Artemis I e ieri ne ha trasferito il possesso al team Exploration Ground Systems (EGS) della NASA. Assemblato presso il Kennedy Space Center, il team EGS eseguirà quindi i preparativi finali sulla navicella spaziale per la sua missione sulla Luna entro la fine dell’anno.

Orion è la nuova astronave di classe esplorativa della NASA che porterà gli astronauti nello spazio profondo, inclusi la Luna e Marte. Lockheed Martin è l’appaltatore principale per la NASA e ha costruito il modulo dell’equipaggio, l’adattatore del modulo dell’equipaggio e il sistema di interruzione del lancio. L’Agenzia spaziale europea fornisce il modulo di servizio europeo per Orion. Diverse parti dei moduli Orion sono state stampate in 3D. Anche stampate in 3D sono parti del razzo SLS che lo solleveranno in orbita e oltre.

Lockheed Martin Orion-Artemis-I

La missione Artemis I sarà il primo lancio della navicella Orion a bordo del razzo Space Launch System della NASA. Nel corso di tre settimane, la capsula di Orione senza equipaggio volerà fuori, orbiterà attorno alla Luna e tornerà sulla Terra. Questa missione di prova convaliderà il veicolo spaziale, il razzo e i sistemi di terra per future missioni con equipaggio.

La navicella Orion è pronta
Nel corso di tre settimane, la capsula di Orione senza equipaggio volerà fuori,
orbiterà attorno alla Luna e tornerà sulla Terra. Crediti: NASA

“Orion è un veicolo spaziale unico e impressionante e il team ha fatto un lavoro eccezionale per portarci fino ad oggi”, ha affermato Mike Hawes, vicepresidente di Orion e responsabile del programma per Lockheed Martin. “Il lancio e il volo di Artemis I sarà uno spettacolo impressionante, ma soprattutto confermerà che Orion è pronto a trasportare in sicurezza gli umani sulla Luna e tornare a casa. Questo enorme progresso apre le porte a una nuova era di esplorazione dello spazio profondo che alla fine ci gioverà di nuovo qui sulla Terra”.

Orion viene trasferito dal Neil Armstrong Operations and Checkout Building a Kennedy, dove è stato assemblato, a più strutture Kennedy dove EGS caricherà propellenti e altri materiali di consumo come ammoniaca, elio e azoto e integrerà il sistema di interruzione del lancio e la carenatura protettiva dell’ogiva . Una volta completato, verrà portato alla struttura di assemblaggio verticale per essere sollevato sul razzo SLS e preparato per il rollio sulla rampa di lancio.

Missioni con equipaggio in corso

Il lancio entro la fine dell’anno sarà l’inizio di molte missioni di Artemis sulla Luna. La prossima missione, Artemis II, sarà la prima con un equipaggio a bordo e andrà in orbita attorno alla Luna e tornerà indietro. Quel modulo della squadra di Orion e l’adattatore del modulo di servizio sono in fase di assemblaggio alla Kennedy e vedranno la prima accensione dei suoi computer integrati quest’estate.

Artemide III vedrà la prima donna e il prossimo uomo a camminare sulla Luna. Orion li porterà in orbita attorno alla Luna, dove alla fine atterreranno sulla superficie utilizzando un sistema di atterraggio lunare. Quel veicolo spaziale è già in costruzione poiché i principali elementi strutturali della nave a pressione del modulo dell’equipaggio stanno arrivando al Michoud Assembly Facility della NASA.

Come parte di un contratto di produzione e operazioni Orion, la NASA ha ordinato tre navicelle Orion da Lockheed Martin per le missioni Artemis III-V con l’intenzione di ordinare tre navicelle Orion aggiuntive per le missioni Artemis VI-VIII e opzioni per un massimo di 12 missioni.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!