DifesaProduzione

La manutenzione USAF ripara gli aerei in volo usando spray freddo AM

0 Condivisioni

Il 28° volo del gruppo di manutenzione presso la base aeronautica di Ellsworth ha condotto il suo primo restauro di un aereo volante attivo a maggio e ha riparato un giunto di scorrimento dell’ala superiore utilizzando la tecnologia a spruzzo freddo (consolidamento cinetico) di metallo. La prima dimostrazione di riparazione strutturale a bordo degli aerei utilizzando la tecnologia AM a spruzzo freddo di metallo è stata condotta con successo presso la base USAF nel settembre 2019.

In questa prima applicazione su un velivolo attivo, il giunto scorrevole doveva essere riparato per consentire il movimento verticale all’interno dei contorni dell’ala, sia in alto che in basso. Allo stesso modo, di cui una cerniera tiene in posizione una porta mentre viene aperta e chiusa, il giunto scorrevole fa un lavoro simile per le ali del B-1.

usaf“Durante la spruzzatura a freddo, abbiamo utilizzato il gas elio per accelerare le particelle a una velocità di Mach 3”, ha affermato Brian James, il 28° ingegnere capo della produzione additiva MXG. “Al momento dell’impatto, le particelle diventano il substrato, formando un forte legame meccanico”.

Nel rapporto di mercato completo di 3dpbm Research sulle opportunità e tendenze del mercato Metal AM, la tecnologia a spruzzo freddo è considerata parte della famiglia delle tecnologie AM di consolidamento a freddo in metallo, che include anche il consolidamento ad ultrasuoni di Fabrisonic e il consolidamento ad attrito (basato sulla saldatura ad attrito) di MELD Manufacturing. Promosso dalle società australiane SPEE3D e Titomic, nonché dalla società tedesca Impact Innovations e dalle società statunitensi VRC Metal Systems e in sviluppo presso GE Additive, la tecnologia a spruzzo freddo è attualmente la più pronta per il mercato (sebbene UAM sia disponibile anche da più tempo) e sta ottenendo un’adozione diffusa soprattutto per l’uso nelle forze armate per riparazioni su richiesta e persino sul campo.

Ciò che normalmente richiede settimane o mesi per ordinare, spedire e rimuovere il vecchio componente e installare la nuova parte, ora può essere fatto in poche ore o giorni utilizzando la tecnologia a spruzzo freddo, ha affermato James. Ogni anno, l’Additive Manufacturing Flight consente all’Aeronautica di risparmiare circa 2 milioni di dollari.

“L’unica altra alternativa al fissaggio del giunto scorrevole, se non usassimo lo spray freddo, sarebbe rimuovere e sostituire la parte, che costerebbe circa $ 500.000 e [richiederebbe] 8 settimane per rimuoverla”, ha aggiunto James.

Il 28° Bomb Wing ha istituito il primo volo di produzione additiva a livello di campo dell’Aeronautica Militare nel 2019, che utilizza nuove tecnologie che sono convenienti e possono ripristinare i componenti dell’aeromobile obsoleti. L’utilizzo del processo di spruzzatura a freddo consente di risparmiare tempo e ridurre i costi di circa il 98% rispetto al metodo originale di sostituzione delle parti dell’aeromobile.

Negli ultimi sette anni, Ellsworth ha lavorato a fianco di VRC Metal Systems, un’azienda specializzata nella produzione di macchine a spruzzo a freddo, sviluppo e ricerca di processi relativi alla spruzzatura a freddo e sviluppo di nuove applicazioni a spruzzo a freddo per applicazioni governative e commerciali. Durante questo periodo, è stata sviluppata la macchina VRC Raptor Cold Spray che ha aiutato la base a compiere imprese storiche di restauro delle parti.

“Abbiamo dedicato molto tempo e sforzi alla progettazione di questo sistema”, ha affermato Rob Hrabe, amministratore delegato e co-fondatore di VRC Metal Systems. “Vederlo utilizzato su un aeromobile che può beneficiare di tali risparmi sui costi e del miglioramento dei tempi fa valere tutti gli sforzi nel corso degli anni”.

La manutenzione dell'USAF ripara gli aerei volanti attivi usando spray freddo AM

Nella primissima dimostrazione dell’applicazione di preghiera a freddo a Ellsworth, che ha avuto luogo meno di due anni fa, il 28th Maintenance Squadron Additive Manufacturing Rapid Repair Facility ha riparato danni da corrosione simulati sull’ala di un display statico B-52 Stratofortress al South Dakota Air e Museo spaziale che utilizza l’unità di spruzzatura fredda ad alta pressione GEN III.

Questo evento è iniziato solo come un’idea per vedere come la sezione di riparazione rapida potesse migliorare le procedure di riparazione a spruzzo freddo. In passato, la corrosione veniva sfumata e poi verniciata. Durante una riparazione a spruzzo freddo, la corrosione viene rimossa attraverso la procedura precedente, quindi riempita con il materiale di alluminio. Una volta riempito, i tecnici carteggiano il nuovo alluminio fino a quando non è a filo con la superficie originale.

L’intera procedura ha dimostrato diversi modi in cui è possibile utilizzare lo spray freddo. Ha anche dimostrato che il GEN III, prodotto da VRC Metal Systems a Rapid City, può essere trasportato su qualsiasi aereo. Inoltre, la capacità di spostare questo sistema consente ai tecnici di lavorare sull’aeromobile in modo sicuro e produttivo.

Numerose agenzie hanno collaborato per completare questa riparazione unica nel suo genere sul B-52, come VRC Metal Systems, Air Force Life Cycle Management, University of Dayton Research Institute, South Dakota School of Mines and Technology e il Laboratorio di ricerca dell’esercito. Inoltre, le unità di Ellsworth, tra cui il 28th Medical Group Bioenvironmental flight e il 28th Civil Engineer Squadron, hanno collaborato a questo sforzo.

Insieme, queste organizzazioni hanno acquisito una varietà di dati, inclusi campioni di aria, durante la procedura. Ciò aiuterà l’Aeronautica a determinare cosa è necessario per le future riparazioni a spruzzo freddo a bordo dell’aereo sulla linea di volo.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Ceramic AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the ceramic additive ma...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!