MaterialiStampa 3D per l'emergenza COVID-19

Il rame ACTIVAT3D di SPEE3D viene utilizzato per la prima volta nella protezione al COVID-19

Tecnologia AM utilizzata per coprire maniglie e altre superfici critiche con rame antimicrobico

La Northern Territory Department of Trade, Business and Innovation è diventata la prima organizzazione a distribuire il rame antimicrobico ACTIVAT3D in tutto il suo edificio per aiutare a combattere la diffusione del COVID-19. I test hanno confermato che il contatto con il rame ACTIVAT3D “uccide” il 96% di SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19, in sole due ore.

SPEE3D, con sede in Australia a Darwin, ha recentemente annunciato lo sviluppo e il collaudo di successo del “rame attivato”, un modo rapido ed economico per stampare in 3D rame antimicrobico su superfici metalliche esistenti. Il laboratorio specializzato in sperimentazione clinica accreditato dalla NATA 360Biolabs ha testato l’effetto del rame ACTIVAT3D sulla SARS-CoV-2 viva e i risultati hanno mostrato che il 96% del virus viene ucciso in due ore e il 99,2% del virus in 5 ore. L’acciaio inossidabile non ha mostrato alcuna riduzione nello stesso lasso di tempo. I test iniziali del rame ACTIVAT3D e gli studi futuri sono stati finanziati e supportati da NERA (National Energy Resources Australia), il centro di crescita industriale del paese per le risorse energetiche.

ACTIVAT3D rameIl team SPEE3D ha quindi sviluppato un processo per rivestire piastre e maniglie delle porte in acciaio inossidabile in meno di 5 minuti. In un meraviglioso esempio del Northern Territory che abbraccia l’innovazione locale, il primo ordine per il rame ACTIVAT3D è venuto dal Governo. SPEE3D è stata scelta per sostituire le maniglie esistenti nel Dipartimento del commercio, delle imprese e dell’innovazione del Northern Territory con prodotti in rame ACTIVAT3D. Con queste maniglie ora installate, il personale di questo dipartimento e la comunità con cui interagiscono stanno già sperimentando i vantaggi del rame antimicrobico.

“Il Dipartimento del commercio, delle imprese e dell’innovazione è entusiasta di essere il primo a disporre di questa tecnologia innovativa installata sul nostro posto di lavoro, garantendo ancora più sicurezza per il nostro personale e la nostra comunità. È bello vedere un’azienda locale approfittare di questo momento molto impegnativo e puntare su un nuovo prodotto in grado di proteggere ulteriormente dal COVID-19”, ha affermato Shaun Drabsch, CEO del Dipartimento del Commercio, Affari e Innovazione.

I risultati del laboratorio hanno suscitato un interesse globale verso questa tecnologia, poiché i governi e le società private cercano modi proattivi per proteggere le loro comunità. Mentre SPEE3D è stata in grado di far perno sulla propria attività e di passare rapidamente alla produzione di infissi antimicrobici per porte in rame così da soddisfare questa domanda, la loro specialità è nella progettazione e produzione di attrezzature e software per la stampa 3D in metallo. Con questa tecnologia ormai provata e le richieste provenienti da tutto il mondo, SPEE3D sta cercando di associare l’industria manifatturiera delle maniglie per consegnare il rame ACTIVAT3D su larga scala dove è maggiormente necessario.

In qualità di partner di progetto di lunga data di SPEE3D, l’amministratore delegato di NERA, Miranda Taylor, afferma che la capacità di adattare con successo la loro tecnologia e di ruotare il modello di business ha dimostrato la potenizalità di recupero delle imprese australiane e il loro potenziale per aiutare il mondo a combattere il COVID-19. “NERA ha supportato SPEE3D nello sviluppo di tecnologie leader del mercato per aiutare il nostro settore energetico nazionale, noi ci impegniamo ad aiutarli a sfruttare le loro capacità e competenze in questo nuovo importante paradigma così da aiutare il nostro paese e molti altri a ridurre l’impatto devastante di questa globale pandemia”.

Tags

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!