MaterialiStampa 3D - ProcessiStampa 3D per l'emergenza COVID-19

La stampa 3D cinetica usata per creare superfici anti-coronavirus in rame

La società australiana SPEE3D ha sviluppato e testato con successo processi rapidi e convenienti, soprannominati ACTIVAT3D, per stampare in 3D rame antimicrobico su superfici metalliche. Test di laboratorio hanno dimostrato che questo processo “uccide” il 96% di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, in sole due ore, su qualsiasi superficie di plastica e metallo.

Il rame ha dimostrato di essere abbastanza efficace nell’uccidere il coronavirus, con uno studio pubblicato che dimostra che, mentre il virus può durare giorni su plastica e acciaio, muore su rame in meno di quattro ore .

Il processo, noto come rame ACTIVAT3D, è stato sviluppato modificando la tecnologia di stampa 3D SPEE3D, utilizzando nuovi algoritmi per il controllo delle loro stampanti per consentire il rivestimento delle parti metalliche esistenti con rame. Uno dei vantaggi principali dell’utilizzo di un processo a spruzzo a freddo, oltre alla convenienza e alla velocità intrinseca, è che può essere modificato per essere facilmente applicato su entrambe le superfici in metallo e plastica.

360Biolabs, un laboratorio australiano specializzato in sperimentazione clinica, ha testato l’effetto del rame ACTIVAT3D sul SARS-CoV-2 vivo nel loro laboratorio di contenimento fisico. I risultati hanno mostrato che il 96% del virus è stato ucciso in due ore e il 99,2% del virus è stato ucciso entro 5 ore, mentre l’acciaio inossidabile non ha mostrato alcuna riduzione nello stesso lasso di tempo. L’acciaio inossidabile è attualmente il materiale tipicamente utilizzato per l’igiene in ambienti sanitari.

Una volta completati i test di laboratorio, questa svolta potrebbe presto essere applicata ad oggetti comuni come maniglie di porte, binari e piastre di contatto in ospedali, scuole e altri luoghi pubblici.

 

Byron Kennedy, CEO di SPEE3D, ha dichiarato che la società si è concentrata sullo sviluppo di una soluzione che può essere implementata rapidamente ed è più efficiente della stampa di parti in rame solido. “I risultati di laboratorio mostrano che le superfici in rame ACTIVAT3D si comportano molto meglio dell’acciaio inossidabile tradizionale, il che può offrire una soluzione promettente a un problema globale. La tecnologia può essere utilizzata a livello globale per soddisfare i requisiti locali, siano essi in ospedali, scuole, navi o centri commerciali”.

SPEE3D ha sviluppato una tecnica unica per sfruttare le comprovate capacità del rame di eradicare rapidamente batteri, lieviti e virus a contatto rompendo la parete cellulare e distruggendo il genoma. Questo è stato confrontato con le superfici tradizionali come l’acciaio inossidabile e la plastica, con recenti studi che dimostrano che il SARS-CoV-2 può sopravvivere su questi materiali fino a tre giorni.

Le superfici in acciaio inossidabile e in plastica possono essere disinfettate, tuttavia il problema è che, anche con protocolli rigorosi, è impossibile pulirle costantemente. Quando le superfici vengono contaminate, toccarle può contribuire a eventi di copertura. Il contatto con oggetti contaminati, noto come trasmissione di fomiti, è stato sospettato durante l’epidemia di SARS-CoV-1 del 2003 e l’analisi di un evento nosocomiale di co-copertura SARS57 CoV-1 ha concluso che il contatto di oggetti contaminati (fomiti) ha svolto un ruolo significativo.

Per convalidare le loro capacità di combattere COVID-19, parti di campioni di rame stampate da SPEE3D sono state testate in laboratorio e hanno dimostrato di uccidere SARS-CoV-2. Il team ha quindi sviluppato un processo per rivestire una piastra touch in acciaio inossidabile e altre maniglie in soli 5 minuti. I file di stampa digitale sono stati poi inviati ai partner partecipanti in tutto il mondo, consentendo l’installazione simultanea di parti appena rivestite in edifici negli Stati Uniti, in Asia e in Australia. Nel giro di pochi giorni sono stati installati infissi in rame negli edifici della Charles Darwin University (CDU) di Darwin, della Swinburne University di Melbourne, della University of Delaware negli Stati Uniti e in Giappone.

“Gli scienziati e gli ingegneri dell’Università del Delaware sono stati onorati di far parte di questa collaborazione di ricerca globale”, ha affermato il vicedirettore di progettazione digitale e produzione additiva presso l’Università del Delaware, Larry Holmes. “Abbiamo riconosciuto l’importanza di sviluppare soluzioni semplici, ma di grande impatto, che si sono dimostrate efficaci su COVID-19. Riconoscendo le carenze della catena di approvvigionamento negli ultimi due mesi, è stato chiaro a questo team che la velocità di fabbricazione era una priorità. Utilizzando questa tecnologia, siamo in grado di trasferire rapidamente opzioni sicure per superfici”.

SPEE3D ha lavorato in stretta collaborazione con l’Advanced Manufacturing Alliance (AMA). I test iniziali del rame ACTIVAT3D e studi futuri sono stati finanziati e supportati dal National Energy Resources Australia (NERA). Il CEO di NERA, Miranda Taylor, è convinto che la capacità di SPEE3D di adattare con successo la propria tecnologia e far perno sul proprio modello di business abbia dimostrato la capacità di recupero delle imprese australiane e il loro potenziale per aiutare il mondo a combattere COVID-19. “NERA ha supportato SPEE3D nello sviluppo di tecnologie leader del mercato per aiutare il nostro settore energetico nazionale”, ha affermato Taylor, “e ci impegniamo ad aiutarli a sfruttare le loro capacità e competenze in questo nuovo importante paradigma per aiutare il nostro Paese e molti altri a ridurre l’impatto devastante di questa pandemia globale”.

Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!