Grandi passi avanti per la biostampa 3D di un’ovaia artificiale

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un gruppo di scienziati ha raggiunto un importantissimo traguardo nello sviluppo di un’ovaia artificiale stampata in 3D e impiantabile, che potrebbe consentire alle donne sterili di rimanere incinta. Per la prima volta in assoluto, il team ha identificato e mappato le proteine ​​strutturali all’interno di un’ovaia di maiale, il che faciliterà lo sviluppo di un inchiostro per la biostampa dell’importante organo riproduttivo per l’uomo.

Sono molteplici i fattori che possono danneggiare le ovaie, tra cui alcune condizioni fisiologiche, come la sindrome di Turner, e trattamenti contro il cancro come chemioterapia e radioterapia. Terapie di questo tipo possono influire negativamente sulle capacità riproduttive di alcune donne. La ricerca condotta da un team della Feinberg School of Medicine della Northwestern University spera di offrire un’alternativa alle donne le cui ovaie sono state compromesse.

La ricerca in corso mira a biografare un’ovaia artificiale impiantabile che ripristinerebbe la fertilità. Nel 2017, il team di ricerca ha raggiunto un enorme traguardo stampando in 3D un’ovaia artificiale e impiantandola in un topo sterile. Successivamente il topo rimase incinta e diede alla luce una cucciolata.

Ovaie di topo stampate in 3D nel 2017 (Foto: Northwestern University)

 

Nel novembre 2019, il team di ricerca ha fatto un ulteriore passo avanti quando ha ricevuto un brevetto per la creazione di un’ovaia artificiale. Più recentemente, il team ha mappato con successo la posizione delle proteine ​​strutturali in un’ovaia di suino, che assomiglia molto alle proteine ​​strutturali nelle ovaie umane.

“Le proteine ​​strutturali di un’ovaia di maiale sono lo stesso tipo di proteine ​​presenti nell’uomo, dandoci una fonte abbondante per un bio-inchiostro più complesso per la stampa 3D di un’ovaia per uso umano”, ha spiegato la dott.ssa Monica Laronda, direttrice di ricerca e fertilità all’ospedale pediatrico Ann & Robert H. Lurie di Chicago. “Stiamo procedendo verso il ripristino della fertilità e della produzione di ormoni nelle giovani donne che sopravvivono al cancro infantile ma che presentano successivamente come effetto collaterale la menopausa precoce. Ci sono ancora diversi passaggi da fare e siamo entusiasti di testare i nostri nuovi inchiostri”.

“Questo è un enorme passo avanti per le ragazze che si sottopongono a trattamenti contro il cancro dannosi per la fertilità”, ha aggiunto la dott.ssa Laronda, che è anche professore associato di Pediatria presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine. “Il nostro obiettivo è utilizzare le proteine ​​strutturali ovariche per progettare un’impalcatura biologica in grado di supportare una banca di potenziali cellule che producono uova e ormoni. Una volta impiantato, l’ovaia artificiale rispondeva ai segnali naturali dell’ovulazione, consentendo la gravidanza “.

Oltre a portare avanti la propria iniziativa di ricerca, la metodologia utilizzata dagli scienziati per mappare le proteine ​​strutturali in un’ovaia può essere applicata anche ad altri organi. In altre parole, la tecnica usata dalla dott.ssa Laronda e dai suoi colleghi può aiutare altri scienziati a indagare – e persino a replicare – altri organi.

“Abbiamo sviluppato una pipeline per identificare e mappare le proteine ​​strutturali a livello organico”, ha affermato la dott.ssa Laronda. “È la prima volta che questo è stato realizzato e speriamo che possa stimolare ulteriori ricerche nel microambiente di altri organi.”

Autore Tess Boissonneault

Da non perdere

CECIMO combatte il COVID-19 contattando le società AM per aiutare gli ospedali in difficoltà

La Commissione europea ha chiesto a CECIMO, in quanto associazione europea per la produzione additiva, …