Stampanti 3D

Ecco tutti i dettagli sulla Sliding-3D la infinity printer di Robot Factory

Sviluppata e prodotta da Robot Factory, Sliding-3D è una nuova stampante 3D ad estrusione di materiale termoplastico dotata di un piano di stampa “infinito”. Ve ne avevamo già parlato dopo la presentazione ufficiale allo scorso MECSPE ma ora ci arrivano ulteriori dettagli direttamente da Robot Factory. Il trend delle stampanti a rullo, introdotto anche dal sistema olandese Black Belt promosso da colorFabb, potrebbe effettivamente rappresentare una rivoluzione nell’utilizzo della stampa 3D per la produzione seriale.

Infatti la caratteristica che maggiormente contraddistingue Sliding-3D è il volume di stampa: 410 mm x 380 mm x ∞- infinito. Poiché il piano di stampa è un nastro in movimento, può essere utilizzata in un ciclo di lavoro “ininterrotto”. Ciò rende Sliding-3D particolarmente adatta, sia per la produzione in serie di piccoli oggetti, che per la stampa 3D di oggetti di grandi dimensioni.

Sfruttando allo stesso tempo il piano di stampa “infinito”, l’inclinazione degli strati di stampa (layer) e la funzione di traslazione dei layer, Sliding-3D può ridurre fino al 100% le “strutture di supporto” solitamente necessarie per stampare un modello 3D. Questo permette di risparmiare tempo e materiale utilizzato per la stessa stampa e di ridurre drasticamente i tempi di post-elaborazione (tempo normalmente richiesto per la rimozione di eventuali strutture di supporto).

Nei primi mesi del 2018, Sliding-3D è stata presentata in Italia, nel corso di alcune fiere specialistiche (SamuExpo – Mecspe – Makers a Pordenone – Brescia Industrial Exhibition). Il lancio ha riscosso un notevole interesse e allo stesso tempo stupore, per un prodotto che sembra destinato a rivoluzionare l’idea attuale di stampa 3D.

Sliding-3D

Una volta avviato un batch di stampa continuo su Sliding-3D, ogni volta che un lavoro di stampa viene completato, viene avviato in automatico un altro lavoro e la stampa prosegue. Durante il lavoro di stampa, il nastro si sposta in avanti finché l’oggetto stampato non si stacca dal nastro stesso, ciò accade in realtà quando il nastro si avvicina al rullo anteriore… naturalmente gli oggetti stampati possono essere raccolti in un cestino posto davanti al rullo anteriore. La macchina è dotata di un comodo PAD esterno che consente di gestire il lavoro di stampa anche senza collegamento al computer e, su richiesta, sarà disponibile il display LCD a colori (touch screen) e la connessione WiFi.

Il design innovativo di Sliding-3D consente di stampare oggetti in modo ‘continuo’, sfruttando l’inclinazione del piano X-Y e il fatto che l’asse Z è un nastro scorrevole…un’idea sostanzialmente semplice, come “l’uovo di Colombo”

«Inizialmente sono state prese in considerazione varie soluzioni di stampa 3D, alcune di queste supererebbero il limite dimensionale del piano di stampa, altre agevolerebbero la stampa “continua” di uno o più pezzi senza la supervisione continua dell’operatore, ma la soluzione adottata su Sliding-3Dha permesso di progettare un prodotto che supera efficacemente questi limiti e nel contempo di garantire tempi di produzione ridotti e maggiore efficienza», racconta Andrea Martini, CEO e Founder di Robot Factory. Applicando la sua lunga e trasversale esperienza, ha sviluppato questa tecnologia già presente in “fase embrionale” da alcuni anni, ottenendo una stampante 3D molto affidabile, con caratteristiche funzionali e tecniche all’avanguardia rispetto alla maggior parte dei prodotti oggi disponibili su questo mercato.

Parliamo di un’altra caratteristica fondamentale che contraddistingue questa stampante 3D: gli strati di stampa (layer) sono generati inclinati di 45° rispetto al piano di stampa, questa caratteristica comporta molteplici vantaggi (rispetto a un modello stampato con lo stesso spessore di strato, le stesse dimensioni dell’ugello e lo stesso materiale usando una stampante FFF tradizionale):

Sliding-3D è quindi una stampante 3D “Eco friendly”, infatti la stampa nella maggior parte dei casi non richiede alcuna “struttura di supporto”, quindi si riduce la necessità di materiale richiesto per stampare un modello 3D e si riducono anche gli sprechi. Il piano (nastro scorrevole) è prodotto utilizzando uno speciale materiale composito, non richiede alcuna preparazione, poiché impedisce il possibile distacco del modello durante la fase di stampa e favorisce il distacco al termine della fase di stampa. Il piano è riscaldato per migliorare la qualità di stampa mantenendo caldo il polimero estruso e impedendo la deformazione.

La struttura portante, progettata con profili strutturali in alluminio, acciaio inox e guide prismatiche con carrello a doppio ricircolo di sfere, garantisce precisione e rigidità al sistema, il che significa alta precisione nel risultato di stampa. Sliding-3D è un prodotto di alta qualità destinato ad un uso professionale della stampa 3D. Migliorando drasticamente la qualità di finitura delle stampe 3D, questa stampante professionale è in grado di “produrre” oggetti 3D pronti per l’uso. In questo modo è possibile risparmiare tempo nella finitura post-stampa ottenendo risultati migliori nella stampa. «È semplicemente il futuro», aggiunge Martini, «un nuovo modo di immaginare la produzione di articoli in materiale termoplastico!».

A richiesta è disponibile un box protettivo realizzato con profili in alluminio e policarbonato trasparente, opportunamente progettato per creare un ambiente a temperatura controllata. L’estrusore può raggiungere i 280 °C, consentendo di stampare utilizzando tutti i materiali comuni come PLA, Nylon, PETG, HIPS, fibra di vetro, fibra di carbonio e molti altri attualmente disponibili sul mercato. La stampante richiede pochissima manutenzione, le uniche cose da tenere sotto controllo per un risultato di stampa ottimale sono la tensione del nastro in movimento e la distanza dell’ugello dal piano di stampa (nastro), così come la pulizia dell’ugello.

 

Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!