Ricerca

Sviluppate pillole stampate in 3D per il rilascio controllato all’interno del corpo

Gli informatici del Max Planck Institute for Informatics e dell'Università della California a Davis hanno utilizzato tecniche computazionali di alto livello

0 Condivisioni

In un futuro imminente, potremo anticipare l’incontro con pillole farmaceutiche stampate in 3D di forme non convenzionali. Queste pillole dalla forma particolare, lungi dall’essere una mera innovazione estetica, sono progettate per il rilascio controllato del farmaco all’interno del corpo. Questo sviluppo rivoluzionario è il risultato della combinazione di tecniche computazionali di alto livello con il campo in rapida evoluzione della stampa 3D per fabbricare oggetti che si dissolvono nei fluidi a un ritmo prestabilito.

Un team congiunto di scienziati informatici del Max Planck Institute for Informatics di Saarbrücken, in Germania, e dell’Università della California a Davis ha sperimentato questa tecnica, basata esclusivamente sulla forma dell’oggetto per il rilascio a tempo. Questo progresso ha implicazioni significative per l’industria farmaceutica, che attualmente sta dando la priorità alla ricerca e allo sviluppo nel settore della stampa 3D.

Gli scienziati del Max Planck Institute e dell'Università della California a Davis hanno sviluppato pillole stampate in 3D per il rilascio controllato.La regolazione dei livelli di pillole all’interno del corpo dei pazienti è un aspetto critico della somministrazione dei farmaci. Per l’infusione endovenosa, la concentrazione del farmaco nel flusso sanguigno viene calcolata dalla velocità di infusione moltiplicata per la proporzione del medicinale all’interno della soluzione. Un livello costante di farmaco si ottiene tipicamente somministrando inizialmente una dose elevata, seguita da dosi di mantenimento più piccole. Con la somministrazione orale, garantire questo regime è notevolmente più impegnativo.

Una possibile soluzione è l’uso di strutture complesse e multicomponente con varie concentrazioni di farmaci in luoghi diversi, sebbene ciò presenti complessità di produzione. In alternativa, i progressi nella tecnologia di stampa 3D e la sua impareggiabile capacità di generare forme elaborate offrono un’opportunità per farmaci in forma libera con una distribuzione biochimica coerente nel materiale di supporto. In questo caso, il rilascio dipende esclusivamente dalla forma geometrica, semplificando l’assicurazione e il controllo della somministrazione del farmaco.

Il progetto, guidato dal Dr. Vahid Babaei (Max Planck Institute for Informatics) e dal Prof. Julian Panetta (University of California at Davis), culmina nella produzione di pillole stampate in 3D programmate per dissolversi in un determinato lasso di tempo, consentendo così il controllo del farmaco pubblicazione. Una combinazione strategica di modellazione matematica, disposizione sperimentale e stampa 3D consente al team di produrre forme 3D che erogano quantità di farmaco a tempo mentre si dissolvono. Questo può essere sfruttato per stabilire concentrazioni di farmaco predeterminate attraverso la somministrazione orale.

Dato che nessuna manipolazione esterna è possibile dopo l’ingestione nel tratto digestivo, il rilascio di farmaco desiderato dipendente dal tempo deve essere ottenuto dalla forma (superficie attiva che si dissolve) del campione. Con alcuni input computazionali, è possibile prevedere una dissoluzione dipendente dal tempo da una data forma geometrica. Ad esempio, nel caso di una sfera, corrisponde direttamente alla superficie sferica decrescente. Il team di ricerca propone una simulazione in avanti, basata sull’intuizione geometrica che gli oggetti si dissolvono strato dopo strato. Tuttavia, la sfida sta nel reverse engineering: definire prima un modello di rilascio desiderato e successivamente identificare una forma che si dissolve per corrispondere a quel profilo di rilascio.

Gli scienziati del Max Planck Institute e dell'Università della California a Davis hanno sviluppato pillole stampate in 3D per il rilascio controllato.

L’ottimizzazione della topologia (TO) offre una soluzione invertendo le simulazioni in avanti per identificare una forma che manifesta una determinata proprietà. Concettualizzato inizialmente per componenti meccanici, TO ha ampliato notevolmente le sue applicazioni. Il team sta sperimentando una strategia di progettazione inversa per derivare la forma dal comportamento del rilascio utilizzando l’ottimizzazione della topologia. La dissoluzione è confermata attraverso esperimenti, con le curve di rilascio registrate che si allineano strettamente con i valori previsti.

Nella disposizione sperimentale, gli oggetti vengono stampati utilizzando una stampante 3D basata su filamenti. La dissoluzione viene valutata da un sistema di telecamere, che fornisce misurazioni effettive piuttosto che calcoli teorici da un modello matematico. Ciò si ottiene registrando otticamente la trasmittanza ottica del solvente. Rispetto ai metodi di misurazione tradizionali, che quantificano direttamente la concentrazione del principio attivo (ad esempio mediante titolazione), questo approccio è più rapido e semplice da implementare. L’uso di metodi ottici per misurare la densità dei principi attivi è stato stabilito da tempo, come nel caso della determinazione del contenuto di zucchero del succo d’uva (Öchsle) mediante rifrattometria durante la produzione del vino.

Il metodo di progettazione inversa può anche soddisfare diversi vincoli di fabbricabilità inerenti a vari sistemi di produzione. Può essere adattato per generare forme estruse, quindi non ostacolare le capacità di produzione di massa. Oltre alla sua applicazione nel settore farmaceutico, altre potenziali aree includono la produzione di corpi catalitici o anche fertilizzanti granulari grossolani.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Consumer Products AM 2024

This new market study from VoxelMatters provides an in-depth analysis and forecast of polymer and metal AM ...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!