Comunicati stampaRisorseStampanti 3D

R19: una nuova generazione di stampanti BCN3D

0 Condivisioni

A partire da settembre 2018 è disponibile in tutto il mondo una nuova generazione di stampanti 3D BCN3D Sigma e Sigmax, denominata R19.

La BCN3D Sigma R19 ha un volume di lavoro pari a 21 x 30 x 21 cm (42 x 30 x 21 cm la più grande Sigmax R19) e dispone di due modalità di stampa oltre a quella “standard”: la “duplication” e la “mirror”.  In pratica, con la prima la macchina duplica automaticamente l’oggetto in stampa (dimezzando praticamente i tempi nelle produzioni in serie), mentre con la seconda modalità si crea automaticamente un oggetto simmetrico rispetto al primo.

Grazie all’esclusivo sistema IDEX a doppio estrusore completamente indipendente (sviluppato da BCN3D), Sigma/Sigmax R19 è uno strumento versatile in grado di stampare in multicolore o in multimateriale, con particolare attenzione alla stampa di supporti idrosolubili, riducendo al minimo i classici problemi della doppia estrusione. IDEX assicura una superficie estremamente liscia, grazie anche al fatto che il secondo estrusore viene “parcheggiato” in modo tale le eventuali goccie o fili di plastica non rovinino l’oggetto stampato, ma anche grazie a prestazioni da primato: la precisione di posizionamento sugli assi X e Y pari a soli 1,25 micron, sull’asse Z a 1 micron, a garanzia di eccellenti qualità degli oggetti stampati anche con il doppio estrusore.

L’ampia gamma di hot-end disponibili (0,3, 0,4, 0,5, 0,6, 0,8, 1,0 mm, realizzati dalla specializzatissima E3D a partire dalla versione R19) aumenta la sua versatilità, consentendo all’utente di utilizzare l’ugello più adatto per ogni progetto o addirittura combinare diversi hot-end per ridurre i tempi di stampa o ottenere un modello più robusto (ad esempio realizzando l’infill interno con un estrusore più grande e la superfice esterna con uno più piccolo) senza rinunciare alla qualità.

Oltre ai nuovi ugelli, sulla versione R19 è stato notevolmente migliorata l’interfaccia utente e l’uso del touch-screen, ed inoltre è stato aggiunto la funzione “fine filamento”, che mette in pausa la macchina e avverte l’utente che la plastica è finita; infine le due stampanti R19 adottano ora di serie quelli che sono unanimamente riconosciuti come i migliori estrusori, in particolare per i sistemi Bowden: si tratta dei Dual Drive della svedese BondTech, un sistema meccanico con due ingranaggi controrotanti che permettono di gestire al meglio qualsiasi filamento, anche i più morbidi filamenti flessibili.

Il kit di upgrade alla R19 sarà disponibile tra poco per tutte le macchine.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Ceramic AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the ceramic additive ma...

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!