Aerospaziale

Launcher testa motore a razzo E-2 stampato in 3D allo Stennis Space Center

Launcher, una piccola startup di veicoli di lancio con sede a New York, ha stipulato un accordo con lo Stennis Space Center della NASA nel Mississippi per testare i suoi motori di produzione additiva. L’accordo vedrà Launcher utilizzare la struttura Stennis per valutare e testare il suo motore a razzo E-2 per veicoli di lancio di piccole dimensioni.

Launcher, che lo scorso novembre ha raccolto 1,5 milioni di dollari in finanziamenti attraverso un contratto SBIR (Small Business Innovation Research), ha ricevuto consensi per lo sviluppo del suo motore a razzo E-2, il quale integra una delle più grandi parti monocomponenti stampate in 3D: una camera di combustione stampata in lega di rame alta 86 cm.

Attraverso l’accordo con lo Stennis Space Center della NASA, Launcher avrà accesso alla struttura per testare il suo motore a razzo stampato in 3D. Inizialmente, la società aveva pianificato di testarlo in un sito di prova più economico a Long Island. Tuttavia, Stennis si rivolse a Launcher dopo aver ricevuto il contratto SBIR per trovare una soluzione che permetesse di testare il suo motore a razzo in modo economico.

Essere in grado di testare il motore nell’avanzato Stennis Space Center consentirà a Launcher di evitare alcune problematiche associate alla struttura più piccola di Long Island, come il rumore e dover fornire più bottiglie di azoto ad alta pressione, disponibile su rubinetto.

Attualmente, la società con sede a New York sta sviluppando le strutture di cui ha bisogno per i suoi test nella speranza di essere pronti quest’estate con la camera di combustione. A causa della pandemia di COVID-19, tuttavia, lo Stennis Space Center è per lo più chiuso, ad eccezione del personale essenziale e della sicurezza, questa situazione potrebbe potenzialmente causare ritardi. Launcher è stata in grado di continuare le sue operazioni durante la pandemia (rispettando le linee guida sul distanziamento sociale) poiché le compagnie aerospaziali sono state ritenute essenziali.

L’accordo firmato da Launcher e Stennis Space Center guarda anche a lungo termine, consentendo a Launcher di condurre test su larga scala sul suo motore a razzo E-2. La società spera di completare i test entro la fine del 2021. Questo passaggio fa parte della lunga tabella di marcia dell’azienda, che mira a produrre il suo piccolo veicolo di lancio Rocket-1 entro la metà del 2020.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!