MedicinaNotizie - ultima oraProduzione

Joseph Spine ha impiantato il primo Aries-L di Osseus Fusion Systems

Il team Joseph Spin, centro fondato dal Dr. Samuel A. Joseph e specializzato nel trattamento delle patologie legate alla colonna vertebrale, è riuscito a completare con successo il primo impianto del rivoluzionario dispositivo a fusione intersomatica di Osseus Fusion Systems: l’Aries-L.

L’impianto, realizzato utilizzato le tecnologie di manifattura additiva sviluppate dagli esperti di Osseus Fusion Systems (azienda specializzata in dispositivi medicali innovativi), dispone di una microsuperficie ottimizzata, denti anti-migrazione e da un reticolo personalizzato per il paziente che contribuisce ad aumentare la porosità dell’impianto fino all’80%. Questi fattori forniscono una visibilità radio in-situ senza confronti rispetto ad altri impianti in titanio e una maggiore facilità di fusione, con risultati davvero stupefacenti.

“Come chirurgo, è molto eccitante partecipare al processo di sviluppo del dispositivo e vedere le tue idee prendere vita così velocemente”, ha commentato il Dr. Joseph, fondatore di Joseph Spine. “Oggi siamo stati in grado di implementare con successo questo impianto spinale all’avanguardia, specifico per il paziente, che affronta la complessa anatomia della colonna vertebrale e la delicata natura delle sue strutture circostanti”.

Gli impianti ortopedici sono di gran lunga l’applicazione medica primaria per le tecnologie di produzione additiva, con il titanio che si distingue come materiale chiave per la realizzazione di soluzioni personalizzate.

“Attraverso la stampa 3D siamo in grado di produrre impianti spinali personalizzati per il paziente”, ha affermato il dottor Joseph, “che indica la dimensione del loro disco, la dimensione della loro vertebra, quanto può essere alta la vertebra, così come la curvatura possono avere nella loro schiena che stiamo cercando di creare. Con questa tecnologia all’avanguardia, possiamo offrire ai nostri pazienti impianti come il dispositivo di fusione intersomatica Aries-L che può essere creato ad una certa altezza, una certa lunghezza e una certa angolazione, che offre ai nostri pazienti una cura migliore e personalizzata, che risultati migliori per i pazienti “.

I benefici immediati sono particolarmente evidenti proprio per questo tipo di impianti, il che potrebbe delineare questo particolare segmento come il più ricettivo per l’utilizzo della la produzione additiva per la produzione vera e propria.

“Sono grato al Dr. Sam Joseph per l’invito di unirsi a lui e al Dr. Andrew Moulton, di Joseph Spine, in questa impresa. Come dimostrato dalla nostra ricerca nel processo di sviluppo, la visibilità attraverso l’impianto sotto fluoroscopia è stata eccellente e siamo molto fiduciosi che aiuterà i chirurghi a verificare le fusioni dopo l’intervento”, ha commentato Robert Pace, direttore finanziario di Osseus Fusion Systems.

Un nuovo passo avanti verso l’adozione in pianta stabile delle tecnologie di stampa 3D da parte del mondo medico.

Tags
Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Matteo Maggioni

Laureato in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano, nel corso degli anni Matteo si è specializzato nel mercato delle New Technologies, concentrandosi particolarmente sul mercato della stampa 3D e sulle sue possibili applicazioni nel mondo dell'Industria 4.0.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!