Metalli

Il nuovo Studio System 2 di Desktop Metal elimina il debinding

La soluzione semplificata in due fasi elimina la necessità di una fase di debind del solvente

0 Condivisioni

Desktop Metal sta lanciando il nuovo Studio System 2, una tecnologia di stampa 3D in metallo aggiornata che si basa sull’esperienza del primo Studio System e Studio System + per offrire ai clienti un modo ancora più semplificato per stampare in 3D parti metalliche in piccoli volumi per pre-produzione e alcune applicazioni per l’uso finale.

“Con l’avanzare dell’adozione della produzione additiva in tutto il mondo, Desktop Metal continua a promuovere innovazioni che consentono alla tecnologia di competere in modo più efficace con i processi di produzione convenzionali”, ha affermato Ric Fulop, CEO e co-fondatore di Desktop Metal. “Il nostro Studio System 2 di nuova generazione prende le migliori caratteristiche dell’originale Studio System + e le migliora significativamente, offrendo parti metalliche di uso finale di qualità superiore attraverso un processo più snello e accessibile, e con un ingombro ancora più piccolo”.

Potrebbe sembrare solo ieri, ma Studio System ha debuttato tre anni fa ed è stato spedito in volume dal 2018, sfruttando la tecnologia proprietaria Bound Metal Deposition (BMD) di Desktop Metal e aprendo efficacemente una nuova era per la stampa 3D in metallo a prezzi accessibili. Questo processo basato sulla metallurgia delle polveri utilizza barre metalliche legate per modellare le parti strato per strato. Lo Studio System originale , composto da stampante, debinder e forno, semplificava la produzione interna di bassi volumi di parti metalliche complesse e di alta qualità.

Il processo in tre fasi (stampa BMP, de-binding e sinterizzazione) introdotto da Studio System è stato adottato da centinaia di clienti in più di 30 paesi, tra cui Ford Motor Company, BMW Group, Eaton Corporation, Google LLC, 3M Company, Stanley Black & Decker, Inc., Lockheed Martin Corporation, Goodyear Tire & Rubber Company, Moen Incorporated e istituti di istruzione leader a livello mondiale come il Massachusetts Institute of Technology (MIT), la Texas A&M University e il Politecnico di Milano (Politecnico di Milano) .

Lo Studio System 2 di nuova generazione conserva tutte le caratteristiche critiche dello Studio System originale, introducendo un processo semplificato in due fasi che elimina l’uso di solventi con formulazioni di materiali completamente nuove che consentono di trasferire le parti direttamente dalla stampante al forno. Il risultato è un processo accessibile in due fasi con un’esperienza quasi a mani libere che riduce anche l’utilizzo dei materiali di consumo e l’ingombro complessivo del sistema.

La nuova macchina è stata anche aggiornata in termini di nuovi profili di stampa e di un materiale per strati di interfaccia riprogettato per un restringimento più uniforme durante la sinterizzazione e un maggiore successo delle parti in una serie di geometrie. Ciò porta anche a una migliore finitura superficiale direttamente dal forno attraverso le pareti laterali e le superfici rivolte verso il supporto.

Un nuovo riempimento isotropico triply periodic minimal surface (TPMS) crea parti più resistenti, ideali per applicazioni per uso finale. La sinterizzazione sottovuoto nel forno Desktop Metal a temperature fino a 1400° C produce parti e proprietà meccaniche simili ai getti e soddisfano o superano gli standard MPIF (Metal Powder Industries Federation). Al momento del lancio, la macchina supporta l’acciaio inossidabile 316L, tuttavia, un ampio portafoglio di materiali aggiuntivi che sfruttano il nuovo processo semplificato in due fasi è in fase di ricerca e sviluppo con nuove versioni previste per il lancio nel 2021. Inoltre, Studio System 2 sarà retrocompatibile grazie all’uso del debinder, con tutti i materiali precedentemente supportati dal sistema Studio, inclusi acciaio inossidabile 17-4PH, acciaio 4140 bassolegato, acciaio per utensili H13 e rame.

Inoltre, il software Fabricate di Desktop Metal presenta nuovi profili di stampa predefiniti su misura per il processo Studio System 2 che semplificano ulteriormente la preparazione della costruzione pur fornendo agli utenti l’accesso a oltre 90 impostazioni di stampa personalizzabili. Fabricate genera anche strutture di supporto separabili con spaccature strategiche per evitare il bloccaggio durante la post-elaborazione e automatizza completamente i cicli di sinterizzazione e debind termico.

“Sulla base del successo del nostro Studio System originale, sappiamo che le aziende di tutto il mondo sono ansiose di adottare il nostro nuovo e più snello processo Studio System 2 per produrre parti difficili da lavorare con geometrie complesse come sottosquadri e canali interni”, ha affermato Fulop. “In tutta la produzione, la strumentazione, l’automotive, i prodotti di consumo, l’elettronica e le applicazioni mediche, le aziende condividono come la produzione additiva stia sfidando i loro team di progettazione e ingegneria a pensare in modo diverso su come ottimizzare i progetti per il miglior successo delle parti”.

 

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Metal AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segments...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!