ElettronicaMateriali

Il nuovo materiale PA11 ESD di Sinterit apre le porte alle applicazioni nell’elettronica

L'azienda polacca offre ora sette materiali in polvere SLS per la stampante Lisa PRO

1 Condivisioni

La società di stampa 3D SLS Sinterit ha lanciato il suo ultimo materiale, che aprirà nuove opportunità per le applicazioni, in particolare nei segmenti dell’elettronica e dell’auto. La polvere per stampa 3D, il settimo materiale dell’azienda lanciato fino ad oggi per il suo sistema Lisa PRO, è PA11 ESD.

I materiali ESD (scariche elettrostatiche) sono progettati per limitare l’elettricità statica, rendendoli adatti per applicazioni che coinvolgono dispositivi sensibili all’elettricità statica. Con la capacità ESD aggiunta al suo portafoglio di materiali, Sinterit ha sbloccato molte nuove applicazioni per la sua piattaforma SLS a basso costo.

Ad esempio, la nuova polvere ESD PA11 è ideale per la stampa 3D di involucri elettronici o dispositivi di prova, nonché per connettori ATEX e parti e dispositivi per la dissipazione elettrostatica. Oltre alle sue proprietà ESD, PA11 ESD vanta anche un’eccellente resistenza al calore, buona stabilità dimensionale e prestazioni meccaniche.

“Il nuovo PA11 ESD, derivato da olio di ricino, è la nostra nuova proposta dedicata all’industria elettronica e automobilistica”, ha commentato Konrad Glowacki, co-fondatore e Chief Business Development Officer di Sinterit. “Un materiale resistente alle scariche elettrostatiche con migliori proprietà termiche e stabilità dimensionale era qualcosa che i nostri clienti chiedevano, e ora siamo lieti di fornirlo”.

La nuova polvere ESD PA11 è compatibile con il sistema Lisa PRO di Sinterit. La stampante 3D industriale è dotata di una camera di azoto (una caratteristica che Sinterit Lisa non ha), che adatta l’ambiente di stampa in modo da poter utilizzare una gamma più ampia di materiali. Il Sinterit Lisa PRO è l’unico sistema nel piccolo mercato SLS che ha una tale caratteristica.

Oggi, ci sono un totale di sette materiali rilasciati da Sinterit per la sua piattaforma SLS professionale: l’ammiraglia PA12 Smooth, PA11 Onyx, Flexa Grey, Flexa Soft, Flexa Bright, TPE e il materiale del momento, PA11 ESD. “In totale ci sono sette materiali diversi”, ha aggiunto Glowacki. “Ma ne stiamo ancora sviluppando di nuovi”.

Le stampanti Lisa PRO e Lisa di Sinterit, insieme ai suoi sette materiali, fanno parte dell’ecosistema di stampa 3D SLS end-to-end dell’azienda polacca, che comprende anche software, strumenti di gestione delle polveri e sistemi di finitura. Oggi, l’offerta di Sinterit è una delle soluzioni SLS più convenienti sul mercato.

Questo articolo è stato creato in collaborazione con  Sinterit .

1 Condivisioni
Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!