Hoover muove i primi passi nel terreno della stampa 3D

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Con l’esplosione delle tecnologie di stampa 3D, è naturale che le imprese tradizionali inizino a studiare nuovi approcci per utilizzare questo movimento emergente nel modo più redditizio. Hoover ha iniziato un timido approccio al mondo del 3D printing, e anche se ha annunciato entusiasmanti piani futuri per le creazione di specifici pezzi “rimpiazzabili” stampati in 3D, al momento l’offerta si limita a gadget dall’utilizzo limitato come torce elettriche e batterie di supporto per alcuni modelli di aspirapolvere compatti.

hoover-air-3d-printer-battery-mount

 

Ecco perché i clienti si chiedono se l’era del 3D si stia davvero avvicinando, o se siamo ancora fermi al puro marketing; domande più che legittime. Come sempre, la questione ruota attorno a domanda e offerta, con da un lato i grandi produttori che non rinunceranno mai a parte dei loro profitti finché i clienti non hanno altra scelta, mentre i clienti, dall’altro lato, non acquisteranno mai una stampante 3D finché non potranno realmente stampare pezzi di ricambio.

L’unica soluzione per spingere questo business e portare le grandi aziende a offrire file stampabili in 3D è attraverso lo sviluppo di appliance open source. Le persone saranno in grado di stampare i propri pezzi privi di diritti d’autore che limitano e con margini di personalizzazione ampi, cosa che porterebbe i colosso dell’industria a offrire più libertà per offrire di nuovo le scelte competitive.

cyng0kk9ed0wh4nuvbww

Un altro scenario è che lo stesso cambiamento possa avvenire attraverso l’aumento delle piccole imprese in ogni settore elettrodomestico. Con i progressi di stampa 3D, sempre più aziende potranno ottenere elettrodomestici stampati altamente personalizzabili e sostituibili a piacimento dai proprietari. In futuro, gli elettrodomestici probabilmente potranno raggiungere il punto in cui saranno vendute fisicamente solo parti intercambiabili come motori e turbine, mentre tutto resto verrà stampato a casa. Fino a quel giorno, però, bisogna essere pazienti e aspettare che le grandi aziende facciano i loro primi tentativi. La storia ha dimostrato che i grandi giocatori tengono ben stretti i loro profitti con le unghie e denti, ma questa – con tutta probabilità – saranno costretti ad adattarsi più velocemente i progressi tecnologici.

Autore replicatore

Da non perdere

Rinspeed presenta il nuovo veicolo elettrico MetroSnap, con parti stampate in 3D

La casa automobilistica svizzera Rinspeed ha una visione unica per il futuro delle auto, guidata …