AutomotiveProduzione

Guarda una pinza freno stampata in 3D messa alla prova

È stata prodotta da Bugatti utilizzando la tecnologia SLM Solutions

0 Condivisioni

Sono volate scintille mentre Bugatti ha testato la sua pinza del freno stampata in 3D progettata in modo generativo, prodotta in modo additivo con la tecnologia SLM Solutions. Volumetricamente questa parte è il più grande componente funzionale in titanio costruito con tecnologia SLM.

La parte metallica stampata in 3D può far fronte a requisiti di resistenza, rigidità e temperatura estremi alle alte velocità richieste dai clienti. Il test del calibro ha mostrato una resistenza alla trazione di 1.250 n/mm² e una densità del materiale superiore al 99,7%. La parte è stata prodotta con Fraunhofer IAPT e Bionic Production Ag.

“Dato che i nostri dati sulle prestazioni sono spesso al limite fisico, siamo particolarmente esigenti, ecco perché Bugatti fa sempre almeno un passo avanti rispetto ad altri produttori nello sviluppo di soluzioni tecniche”, ha detto Frank Götzke, capo delle nuove tecnologie nel dipartimento di sviluppo tecnico di Bugatti Automobiles SAS

Nel 2018, per la prima volta, gli sviluppatori Bugatti sono riusciti a progettare una pinza freno che potesse essere prodotta mediante stampa 3D in titanio. Questa nuova pietra miliare nello sviluppo della stampa 3D è stata raggiunta in collaborazione con Laser Zentrum Nord di Amburgo, un istituto che dall’inizio dell’anno fa parte dell’organizzazione di ricerca Fraunhofer. Con questo debutto mondiale, Bugatti ha sottolineato la sua funzione di faro per la stampa 3D all’interno del Gruppo Volkswagen e il suo ruolo di motore di innovazione nell’industria automobilistica internazionale. Le prove sui veicoli per l’utilizzo della pinza freno in titanio 3D nella produzione in serie inizieranno nella prima metà dell’anno.

Con la pinza freno in titanio di nuova concezione della stampante 3D, Bugatti ha aperto nuovi orizzonti. La lega Ti 6 AI 4 V viene utilizzata principalmente nell’industria aerospaziale, ad esempio per sottocarro e componenti delle ali altamente sollecitati o nei motori di aerei e razzi. Il materiale offre prestazioni notevolmente superiori rispetto all’alluminio. Ad esempio, anche come componente stampato in 3D, ha una resistenza alla trazione di 1.250 N/mm 2. Ciò significa che su un millimetro quadrato di questa lega di titanio viene applicata una forza di poco superiore a 125 kg senza che il materiale si rompa. La nuova pinza freno in titanio, lunga 41 cm, larga 21 cm e alta 13,6 cm, pesa solo 2,9 kg. Rispetto al componente in alluminio attualmente utilizzato, che pesa 4,9 kg, Bugatti potrebbe quindi ridurre il peso della pinza freno di circa il 40% garantendo allo stesso tempo una robustezza ancora maggiore utilizzando il nuovo componente.

Ad oggi, questo approccio non era fattibile perché è estremamente difficile o addirittura impossibile fresare o forgiare componenti da un blocco di titanio come è normale pratica con l’alluminio a causa dell’estrema resistenza del materiale. Questo problema è stato ora risolto utilizzando una stampante 3D ad altissime prestazioni, che apre anche la possibilità di generare strutture ancora più complesse, significativamente più rigide e resistenti di quanto sarebbe possibile con qualsiasi processo di produzione convenzionale.

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Ceramic AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the ceramic additive ma...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!