EnvisionTEC stampa pezzi per auto da corsa in 3D per team di e-racing tedesco

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un team di studenti della facoltà di Scienze Applicate dell’Università di Augusta, in Germania, ha raggiunto un traguardo vincente in parte grazie alla compagnia di additive manufacturing EnvisionTEC. EnvisionTEC ha infatti fatto da sponsor al loro progetto, mettendo a disposizione degli studenti tedeschi supporto ed esperienza nel campo del 3D printing al fine di sviluppare un’auto da corsa elettrica.

Il veicolo, parzialmente stampato in 3D, è stato progettato dalla StarkStrom Augsburg eV, un’associazione no-profit che si dedica alla promozione della ricerca per l’elettro-mobilità presso la facoltà di Scienze Applicate dell’Università di Augusta. Dal 2011, anno della sua fondazione, l’associazione ha messo su un team di studenti per costruire auto da corsa elettriche e partecipare al Formula Student Germany (FSG), una competizione internazionale per studenti incentrata sulla progettazione di monoposto da corsa.

Lo scorso anno, il team della StarkStrom Augsburg eV si è recato a Norimberga presso il 3D printing service Dreigeist (un distributore di stampanti 3D EnvisionTEC) per l’opportunità di una sponsorizzazione. Grazie a questo incontro la compagnia di additive manufacturing EnvisionTEC non solo è diventata un Silver sponsor del progetto ma ha anche offerto al team di studenti la sua esperienza in materia di 3D printing automobilistico.

Probabilmente, l’elemento più importante al quale EnvisionTEC ha contribuito è stato il sistema di raffreddamento del motore. Sviluppando e stampando in 3D camicie di raffreddamento ad acqua con la stampante EnvisionTEC Perfactory 4 Standard XL, il team è riuscito a tenere il calore alla larga dai motori usando un liquido refrigerante ad alta pressione.

Con una risoluzione di stampa di 50 µm, la produzione di ciascuna camicia di raffreddamento ha richiesto 17 ore con il sistema Direct Light Projection. Questo livello di risoluzione e precisione ha garantito che le parti potessero sopportare la pressione del veicolo da corsa, consentendo nel contempo il massimo flusso di acqua per il raffreddamento dei motori.

Per una finitura superficiale della qualità più elevata, il team si è affidato a HTM 140 V2 di EnvisionTEC, un materiale modellabile ad alte temperature sviluppato dai maestri del non-metallo. Il materiale e la risoluzione di 50 µm, hanno fatto sì che i componenti del veicolo venissero realizzati con precisione e fossero dotati di una superficie di finitura interna liscia, sfruttando al meglio il flusso del liquido di raffreddamento in entrata e in uscita dai motori.

“Le parti prodotte sono abbastanza resistenti sia per le corse che per sopportare le temperature elevate del motore e dell’acqua,” ha affermato Lukas Dehlinger, Mentor Drivetrain di StarkStrom Augsburg eV. “Le camicie hanno consentito un’efficiente raffreddamento dei motori che a loro volta ci hanno permesso di ottenere prestazioni più elevate. Il raffreddamento ha inoltre favorito la preservazione dei motori.”

Infine, le camicie di raffreddamento stampate in 3D sono state integrate al veicolo da corsa a quattro ruote, dotato di motori da 12,3 KW su ciascuna ruota. Grazie alla capacità di raffreddare i motori ad alta potenza durante la guida e con 80 CV e 287 Nm per ruota, l’auto da corsa realizzata dagli studenti è stata in grado di passare da 0 a 100 Km/h in soli 2,7 secondi. I componenti stampati in 3D sono stati fondamenti nella riduzione dei rischio di surriscaldamento dei motori, i quali, a loro volta, hanno garantito prestazioni affidabili.

“Un ringraziamento enorme al team EnvisionTEC per il loro supporto,” ha aggiunto Dehlinger. “La loro esperienza, le stampanti 3D e i materiali specifici per l’automotive sono stati essenziali per le prestazioni della monoposto.”

Articolo originale: Tess Boissonneault

Autore Martina Pelagallo

Da non perdere

EnvisionTEC collabora con la comunità sanitaria per combattere la pandemia globale di COVID-19

L’industria AM ha lavorato a stretto contatto con la comunità medica per molti anni. Dai settori …