ProduzioneSostenibilità

Dei ricercatori di Sheffield hanno sviluppato un motore elettrico stampato in 3D più leggero

Il prototipo sfrutta DfAM e un acciaio elettrico al silicio a percentuale più elevata che riduce le perdite di energia

0 Condivisioni

I ricercatori della Sheffield University, in collaborazione ll’Università del Wisconsin-Madison, hanno sviluppato il prototipo di un nuovo motore elettrico stampato in 3D, più leggero ed efficiente, utilizzando la tecnologia di stampa 3D PBF in metallo a prezzi accessibili, aprendo la strada ai futuri motori elettrici per aumentare la loro potenza utilizzando meno materiale.

La domanda di motori elettrici è in rapida crescita e queste innovazioni sono fondamentali per aprire la strada alle prossime fasi dell’elettrificazione dei trasporti, ad esempio per gli aeroplani, dove le batterie dovranno essere più leggere e i motori dovranno essere più efficienti dal punto di vista energetico.

Il prototipo, che utilizza una percentuale più alta di acciaio elettrico al silicio che riduce le perdite di energia, è stato progettato nell’ambito di una collaborazione tra Alexander Goodall, uno studente di dottorato presso il Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria; UW-Madison assistente di ricerca post-dottorato FNU Nishanth e i loro consulenti, il professor Iain Todd e Eric Severson.

Il progetto del prototipo consiste in uno statore, un oggetto di forma circolare con rebbi intorno ai quali i fili possono essere avvolti per creare un campo magnetico. La più grande differenza di design tra il prototipo e gli statori tradizionali può essere vista nei rebbi stessi, in quanto presentano un intricato design di sottili linee geometriche volte a ridurre la perdita di energia.

I ricercatori della Sheffield University hanno sviluppato il prototipo di un nuovo motore elettrico AM, più leggero ed efficiente

La collaborazione è stata avviata da Alexander quando ha incontrato Nishanth a una conferenza nel 2020 e si è reso conto di avere ciò di cui l’altro aveva bisogno per realizzare questo progetto: Sheffield aveva accesso alla tecnologia di stampa per trasformare in realtà la conoscenza di UW-Madison nella creazione di motori non convenzionali.

Alexander Goodall dell’Università di Sheffield ha ideato il concetto e ha progettato, sviluppato e prodotto lo statore, mentre i ricercatori dell’Università del Wisconsin hanno completato test completi, mostrando un miglioramento della densità di coppia.

Quando il prototipo stampato è stato testato nell’ottobre 2022, si è scoperto che forniva più densità di quanto si pensasse fosse possibile con meno materiale. “Quando hai una massa inferiore del 30%, ti aspetteresti che anche la tua densità sia inferiore… ma non era così”, ha detto Nishanth. “Quindi, questo dimostra che sai che stai effettivamente andando a migliorare la densità di coppia netta in questa macchina e se possiamo migliorare ulteriormente questo, (realizzare un motore elettrico stampato in 3D più efficiente) sarebbe un punto di svolta”.

I metodi tradizionali di creazione degli statori nei motori elettrici utilizzano un processo di laminazione, in cui i fogli di acciaio elettrico vengono stampati. Quello che ottieni come risultato è uno statore impilato con lamierini con linee di cresta minuscole ma visibili sulla parte superiore dei rebbi.

Tale metodo, sebbene facilmente replicabile, tende a fare affidamento sull’utilizzo di una lega di acciaio elettrico con il 3% di silicio, che si presta a tassi più elevati di perdita di energia e minore efficienza. Una lega di acciaio elettrico realizzata con il 6,5% di silicio, raccomandata dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, riduce le perdite di energia ma è più fragile e ha meno probabilità di resistere al tradizionale processo di laminazione.

Ma con la stampa 3D, non è necessario esercitare tonnellate di pressione durante il rotolamento e la macchina può stampare il delicato motivo sul piccolo statore prototipo da 10 kilowatt entro 20 ore. Anche se non sarebbe abbastanza energia per far funzionare un veicolo elettrico, il modello potrebbe essere facilmente scalato fino a raggiungere i 40 kilowatt e comunque stampato più velocemente su una stampante industriale.

Alexander ha dichiarato: “Questo progetto ha dimostrato il grande potenziale che la produzione additiva ha per le macchine elettriche, con strutture leggere ed efficienti che non erano mai state possibili prima utilizzando qualsiasi altra tecnica di produzione. È stato un piacere lavorare con il team di WEMPEC (un gruppo di ricerca sull’elettronica di potenza e sulle macchine elettriche di fama internazionale con sede a UW-Madison) per trasformare questa idea in realtà”.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Polymer AM Market 2023

899 polymer AM companies individually surveyed and studied. Core polymer AM market generated over $5.5 bill...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!