Creo X1 si prepara a invadere il mercato

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Corrado Doggi, il “visionario pazzo” (come lui stesso ama definirsi) dietro la appena annunciata stampante 3D Creo X1, non è veramente folle. La sua follia è il riflesso di una combinazione (e conflitti) tra il suo background architettonico/design e la sua conoscenza dei sistemi meccanici e le dinamiche industriali. Questa nuova stampante “prosumer” riflette e racchiude tutte le sue caratteristiche che definiscono questo contrasto.

01

La macchina è stata sviluppata per essere estremamente solida e affidabile, con un design molto lineare e un telaio in alluminio e acciaio inox. E, tuttavia, non trascura alcune caratteristiche estetiche, come un sistema d’illuminazione o la possibilità di inserire e nascondere la bobina del filamento. Dopo averla visto in azione, la caratteristica più significativa della stampante Creo X1 è il fatto che è incredibilmente silenziosa, qualcosa che sarà apprezzato da professionisti e appassionati.

Creo rappresenta un primo passo nel mondo della produzione additiva per Corrado e il suo socio in affari, Fabrizio Rosa. E questo passo non è stato preso alla leggera: la macchina ha lo scopo di soddisfare sia i grandi utenti industriali – che necessita di componenti sostituibili veloci da produrre – che gli studi più piccoli, in cerca di una stampante solida e affidabile con un’area di stampa ampia ad un prezzo accessibile (anche se ancora non è stato rivelato).

Quasi due anni fa, mentre ero alla ricerca di componenti per costruire un drone, mi sono imbattuto in un video di una stampante 3D ed è stato amore a prima vista“, ha detto Corrado. “Proprio come in un film, ho deciso di buttarmi nel mondo della stampa 3D ed è iniziata una lunga storia d’amore, che si conclude oggi con l’imminente lancio di Creo X1“. Per fare questo Doggi collaborato con Rosa e con l’esperto di marketing Riccardo Montoli; l’X1 rappresenta solo il primo passo nel paesaggio di fabbricazione additiva, dato che Corrado intende sostenitore il potenziale di questa tecnologia a tutti i livelli industriali.

Paradossalmente, anche quelli che già utilizzano la stampa 3D sono convinti questa tecnologia abbia gravi limitazioni; tuttavia, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità“, ha spiegato Corrado. ” In termini di produzione, abbiamo bisogno di allontanarci dal concetto di produzione di massa in serie e iniziare a produrre solo ciò è necessario. Ad esempio, nel settore automobilistico, un meccanico può avere differenti richieste specifiche ed essere in grado di produrli tutti contemporaneamente, se fatti dello stesso materiale. L’utilizzo poi di polveri per i processi SLS consente di ottimizzare ulteriormente la catena di produzione“.

02

Per contribuire ad aumentare la consapevolezza circa gli enormi vantaggi della stampa 3D per la produzione industriale, Doggi e Rosa hanno contribuito a finanziare AITA, l’Associazione Italiana della Tecnologia Additiva. Questa associazione si propone di aiutare gli utenti a comprendere le differenze fra i processi di stampa casalinghi e quelli industriali, ma l’unione tra queste due facce di fabbricazione è parte della strategia di Creo per la X1. Il suo sviluppo e i test sono stati, infatti, svolti attraverso collaborazioni con fablab locali e makerspace – come TheFabLab e Yatta, entrambi di Milano.

Con un peso di 35 Kg, la Creo X1 è un macchinario un po’ ingombrante, ma che nonostante tutto può trovarsi a suo agio sia in una casa che, ovviamente, in un fablab. Ha un volume di stampa ottimale di circa 1: 2 e può costruire oggetti grandi fino a 366 x 240 x 200 mm con un solo estrusore – con però la possibilità di ridurre la dimensione X a 326 mm utilizzando due estrusori. Può stampare con nylon, PET, PLA e ABS, il che significa permettere agli appassionati di creare oggetti di dimensioni più grandi rispetto alla media, e ai grandi produttori di accedere alla convenienza della produzione diretta, portando una “visione pazza” della produzione distribuita unita alla convenienza economica.

Autore replicatore

Da non perdere

Gli ultrasuoni incrementano la resistenza delle parti metalliche stampate in 3D

I team di ricerca e le aziende di tutto il mondo stanno studiando i modi …