In Russia, la stampa 3D di AMT Spetsavia è stata impiegata per il restauro di un’antica fontana

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La tecnologia di 3D printing edile di AMT Spetsaviauna delle più prolifiche compagnie di questo segmento, è stata impiegata per restaurare – quasi da zero – una splendida fontana dell’antica città russa di Palekh, situata nei pressi di di Ivanovo. Si tratta della prima volta in cui la stampa 3D di materiali a base di cemento viene usata per lavorare in un luogo storico in Russia, nonché della prima fontana  al mondo realizzata per la maggior parte tramite la stampa 3D.

Palekh è un centro culturale russo noto in tutto il mondo, caratterizzato da una lunga tradizione artistica e artigianale, basti pensare alle sue miniature e alle icone in lacca . La fontana occupa un’area significativa all’interno del principale parco cittadino e fu creata a metà del secolo precedente dal famoso scultore Nikolai Dydykin, uno dei restauratori della Grande cascata di fontane della Reggia di Peterhof e autore del monumento dedicato ad Alexander Pushkin sul Moika a San Pietroburgo.

Durante la restaurazione della principale fontana di Palekh, che si trova nel parco vicino alla Cattedrale della Santa Croce, è stata impiegata la più innovativa tecnologia di 3D printing edile (Construction Objects Printing).

Durante i lavori, la forma della fontana è stata modificata da rettangolare a rotonda, per riportarla al suo aspetto originario. Sono state inoltre installate illuminazioni subacquee che richiamano i colori delle miniature laccate tipiche di Palekh e la scultura acquatica è stata ricollocata al centro. Anche le balaustre della nuova fontana sono state realizzate impiegando la più innovativa tecnologia di stampa 3D edile. Mentre i ponti e le case stampati in 3D si diffondono rapidamente in tutto il mondo, quest’opera è la prima del suo genere. Anche le dimensioni sono notevoli: il diametro della fontana è di 26 metri con una profondità di 2,2 metri.

Il progetto di costruzione è stato realizzato dalla compagnia “IvStroyIndustriya” e dalla “IvStroyGarant”, situate ad Ivanovo. La balaustra della fontana è stata stampata in 3D usando il modello “AMT” S-6044 Long (COP-printer, Construction Objects Printing) di AMT SPETSAVIA.

Il gruppo di compagnie russe “AMT-SPETSAVIA” è leader nello sviluppo di stampanti 3D per finalità edili (COP-printer, Construction Objects Printing) nonché tra i primi in Europa: dal piccolo formato (per realizzare piccole forme architettoniche) al grande (per stampare edifici alti fino a 300 piani). L’apparecchiatura prodotta a Yaroslavl è stata usata per stampare in 3D il primo palazzo adibito a uffici in Europa (a Copenhagen, in Danimarca) e anche il primo edificio residenziale in Europa (a Yaroslavl, in Russia). Le stampanti “AMT” sono già a lavoro in diversi paesi del mondo.

Autore Francesco P

Da non perdere

Lumi³ (LumiCube) raggiunge un nuovo livello di qualità

Lumi Industries è tornata con una stampante 3D desktop professionale a resina LCD: Lumi³ (LumiCube) …