MetalliProduzioneStampanti 3D

GE Aviation investe in cinque sistemi di produzione additiva M Line

0 Condivisioni

GE Aviation sta acquisendo cinque sistemi GE Additive Concept Laser M Line. I primi quattro sistemi M Line saranno installati presso l’Additive Technology Center (ATC) di GE Aviation a West Chester, Ohio nel 2022. Un quinto sistema M Line sarà installato presso la sede di Torino di Avio Aero in Italia per supportare la produzione in serie di additivi componenti per il motore turboelica GE Catalyst nel 2022.

Durante la fase di maturazione triennale della M Line, i team di GE Additive hanno lavorato in collaborazione con GE Aviation e una piccola coorte di altri clienti del settore aerospaziale e medico che sono già nella produzione additiva in serie, per testare rigorosamente in beta il sistema M Line. Sempre con l’obiettivo di fornire le specifiche più elevate, questa fase ha portato a oltre 300 miglioramenti del design con sicurezza aggiuntiva e funzionalità software integrate nel sistema, poiché le esigenze e i requisiti dei clienti sono cambiati in risposta alle richieste più rigorose dei clienti che mirano a passare alla produzione in serie additiva.

Il miglioramento continuo e il contributo di GE Aviation hanno informato il cambiamento più critico e fondamentale del sistema – un aumento dell’involucro dell’edificio del 54% a 500 mm x 500 mm x 400 mm – per consentire la progressione di GE Aviation alla produzione in serie di parti aggiuntive più grandi. Negli ultimi 18 mesi, l’attenzione si è spostata sullo sviluppo di materiali per applicazioni aerospaziali con alcuni dei più elevati requisiti del settore per quanto riguarda la qualità delle parti in termini di proprietà dei materiali, nonché la stabilità da costruzione a costruzione e da macchina a macchina.

I team di GE Additive e GE Aviation ATC hanno collaborato per accelerare il blocco dei parametri dei materiali per alluminio, cromo-cobalto e lega di nichel 718. “Il tempo e il lavoro che abbiamo investito collettivamente con i nostri colleghi di GE Additive per definire, modellare e quindi stirare le specifiche e le funzionalità della M line significano che ora abbiamo una soluzione scalabile in grado di costruire componenti di grandi dimensioni in un ambiente di produzione ad alto volume soddisfacendo i nostri obiettivi di diritto dei costi”, ha affermato Chris Philp, responsabile del sito per ATC di GE Aviation.

“Il nostro obiettivo è realizzare il primo ambiente di produzione pronto per l’automazione del settore dell’additivo aeronautico”, ha affermato Benito Trevino, direttore generale del team di prodotti integrati additivi di GE Aviation. “Una volta installato, prevediamo che il nostro approccio multi-macchina, con la piattaforma M Line al centro della produzione, ci aiuterà a ridurre i nostri tempi di consegna e di stampa di oltre il 50%”.

GE Aviation sta acquisendo cinque sistemi GE Additive Concept Laser M Line. Uno sarà installato presso la sede di Torino di Avio Aero 

Una volta installati presso l’ATC GE Aviation, due sistemi M Line saranno dedicati alla lega di alluminio e uno ciascuno degli altri due sistemi al cromo cobalto e alla lega di nichel 718, aggiungendo ulteriore capacità di produzione all’infrastruttura additiva esistente di GE Aviation nel suo stato di -l’impianto di sviluppo dell’arte. “In GE Aviation, sviluppiamo continuamente più contenuti additivi per nuovi motori e le dimensioni e la complessità delle parti aumentano con ogni generazione di prodotti sviluppati”, ha affermato Chris Philp. “Con M Line, otteniamo la piena capacità di cui abbiamo bisogno per sviluppare intricate geometrie additivi su componenti strutturali di grandi dimensioni”.

M Line è un sistema di produzione industrializzato altamente avanzato, adatto agli utilizzatori esperti di additivi metallici che hanno iniziato a scalare i volumi di produzione. La sua capacità di cucitura consente ai clienti con grandi esigenze di dimensioni dei pezzi di aumentare la produttività e ridurre i costi per la produzione additiva.

M Line offre un nuovo tipo di architettura della macchina che offre un livello eccezionale di modularità, innovazione e automazione (versione futura dell’automazione) che consente la produzione in serie economica su scala industriale. Il sistema offre questo disaccoppiando le unità macchina utilizzate per la produzione dei pezzi e per i processi di installazione e smontaggio. Questi compiti possono ora essere svolti in parallelo e fisicamente separati l’uno dall’altro rispettando elevati standard ambientali, sanitari e di sicurezza. I tempi di fermo macchina dovuti a processi di manutenzione come l’alimentazione o lo scarico di polvere metallica sono ridotti al minimo, offrendo un notevole risparmio di tempo e denaro per gli utenti nella produzione in serie.

L’architettura flessibile della M Line riduce anche i costi man mano che la produzione cresce. Gli utenti hanno la possibilità di aggiungere in modo indipendente stazioni di processo laser (LPS) o stazioni di movimentazione dei materiali (MHS) in base alle esigenze di capacità. Gli utenti possono anche ottenere notevoli vantaggi in termini di costi poiché numerose unità LPS possono essere servite da un unico MHS, il che conferma i volumi di produzione di parti seriali e riduce l’ingombro e gli investimenti. Sfruttare l’ampio portafoglio di materiali e parametri di GE Additive consente ai clienti esistenti di ridurre i costi di sviluppo per i clienti trasferendo i parametri della macchina dal Concept Laser M2 Serie 5 alla linea M con il minimo sforzo di progettazione.

“Abbracciando pienamente la versatilità di Lean e lo spirito di miglioramento continuo, abbiamo evoluto la M Line negli ultimi anni per essere una produzione additiva in serie pronta per il mondo. Il nostro obiettivo è offrire soluzioni industriali che forniscano parti di qualità, a costi e su larga scala”, ha affermato Jan Siebert, direttore generale – Macchine e attrezzature di GE Additive.

0 Condivisioni
Tags
Research 2022
Polymer AM Market Opportunities and Trends

This new market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the three core segm...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!