Il Solar Byte Pavilion segue il sole verso il futuro dell’architettura

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Costruito da Design Lab, uno studio di design interdisciplinare con sede a Kent (Ohio), il Solar Byte Pavilion è un esperimento d’architettura stampato 3D che racchiude in sé molte delle chiavi per l’approccio modulare e per la costruzione di strutture abitative di domani. Ciò è stato reso possibile da diverse applicazioni delle tecnologie di stampa 3D.

Solar bytes pavilion1

La struttura sperimentale è composto da moduli stampati utilizzando il braccio-robot a 6 assi Kuka del laboratorio della Facoltà di Architettura e Progettazione Ambientale presso la Kent State University. Il braccio robotico – che è anche la base per gli esperimenti di costruzione analoghe condotte dalla FabLab e dello IAAC di Barcellona – impugna un estrusore DOHLE per la saldatura, la Mini CS, usandolo come una testina di stampa 3D per un processo molto simile a quelli FDM/FFF.

Solar bytes pavilion4

Questo è stato utilizzato per creare 94 moduli unici: un approccio modulare simile a quello utilizzato da molti altri progetti emergenti legati al design sperimentale. Ogni modulo ha inoltre un LED ad energia solare integrato che permette al padiglione di caricarsi durante il giorno e di illuminarsi di notte. La struttura è realizzata in un materiale plastico trasparente che permette alla luce del sole di filtrare, per poi creare una luminosità uniforme durante la notte. Questo effetto è stato migliorato con l’aggiunta di giunti ad incastro a scatto, che riducono la divisione visiva tra ogni modulo.

Solar bytes pavilion7

Il concetto generale è quello di creare una struttura in cui ciascun modulo è in grado di fornire nuove funzionalità che possono rendere gli edifici di domani intelligenti e più ecologici. La forma stessa del padiglione è fatto per seguire il percorso del sole – si estende da est a ovest – così da massimizzare l’esposizione durante il giorno. Durante la Ingenuity Fest a Cleveland (Ohio), il Padiglione è stato utilizzato come un dispositivo di ombreggiamento durante il giorno e un faro di notte, giusto per fare un esempio.

Solar bytes pavilion3

In futuro sarà possibile costruire strutture interamente basate su moduli stampati, ognuno dotato di caratteristiche specifiche e creando così case in grado di raccogliere e distribuire l’energia in modo più efficiente. Quel giorno, il sole sorgerà su un mondo molto più sostenibile.

Autore replicatore

Da non perdere

La stampa 3D avrà un ruolo nella decolonizzazione dei musei?

Negli ultimi anni, la scansione e la stampa 3D hanno assunto ruoli sempre più importanti …