La vera storia dell’uomo che stamperà in 3D le case

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

title-slide1

Enrico Dini ha inventato la D-Shape, la più grande stampante 3D al mondo, in grado di stampare enormi strutture di cemento. Per farlo ha sacrificato tutto, dagli affetti al tempo libero, solo per inseguire questa unica idea. Ha speso tutti i suoi averi e ma la sua azienda non ha ancora avuto successo a livello commerciale. Sulla sua storia Marc Webb e Jack Wake-Walker stanno girando un documentario, intitolato, appropriatamente, The Man Who Prints Houses.

In questo preciso momento si tratta ancora di una storia triste ma i tempi stanno rapidamente cambiando. Con l’avvento della stampa 3D a tutti i livelli, anche la macchina di Dini comincia a essere presa seriamente in considerazione: prima l’hanno voluta l’ESA e gli architetti di Fosters & Parters per un progetto di colonie lunari stampate in 3D, e ora la città di New York ha stretto un accordo per “ristampare” tutti i piloni che sorreggono i suoi porti. Con il sistema di Dini la città di New York potrebbe risparmiare miliardi di dollari. La facile morale della storia è che si parte dalle fondamenta ma il limite è il cielo. Ed è solo l’inizio (e probabilmente la fine del documentario quando verrà completato. Intanto ecco il trailer.

Autore replicatore

Da non perdere

British Airways sta testando componenti aeronautici stampati in 3D

British Airways ha recentemente annunciato di essere interessata all’utilizzo delle tecnologie di stampa 3D per …