Industria

Wärtsilä WHAM si prepara a stampare in 3D parti critiche del motore

0 Condivisioni

WHAM, il Wärtsilä Hub for Additive Manufacturing, sta ora utilizzando la stampa 3D per creare un componente metallico critico per il motore Wärtsilä che è stato testato con successo a pieno regime. Il lavoro è stato svolto in collaborazione con la società di ingegneria globale Etteplan e il successo dei test dimostra chiaramente che la stampa 3D è pronta per una più ampia gamma di applicazioni nel settore marittimo.

“Eravamo abbastanza fiduciosi da inserire la parte nel motore ei risultati parlavano da soli: il motore dice sempre la verità”, ha affermato Andreas Hjort, General Manager, Smart Design. “La libertà di progettazione della stampa 3D sta aprendo una serie di opportunità per aggiungere valore, sia in termini di nuovi prodotti che di miglioramento delle prestazioni di quelli esistenti.”

Leader 3D del futuro

“Questo progetto ha dimostrato la potenza del pensiero di rete e di un approccio ecosistemico”, ha spiegato Giuseppe Saragò, Direttore di STH Manufacturing Excellence presso Wärtsilä. “Risorse da diversi paesi, risorse della stampante 3D nella nostra rete – EOS in Finlandia, AMEXCI in Svezia e Additive FVG in Italia – e partner come Etteplan, tutti avevano ruoli e coinvolgimento diversi nelle varie fasi del viaggio, ma eravamo tutti impegnati per l’obiettivo finale. La trasparenza è stata fondamentale e la collaborazione con una rete ci ha permesso di fare passi da gigante nello sfruttamento della stampa 3D. Questo lavoro ha anche innescato alcuni nuovi progetti di ricerca e sviluppo interessanti e innovativi che beneficeranno ancora una volta della nostra rete, collegando diverse università in Europa, partner come Etteplan e le nostre risorse interne in modo che le competenze siano condivise sia all’interno della nostra azienda che a livello di ecosistema “.

Oltre alla loro cooperazione multinazionale, Etteplan e Wärtsilä sono entrambe parti di un nuovo ecosistema industriale incentrato sul riunire gli attori finlandesi nel campo della stampa 3D. L’ecosistema finlandese di produzione additiva (FAME) è composto da più di 20 società come membri fondatori, con l’obiettivo di supportare la traiettoria della Finlandia per diventare un paese leader a livello mondiale per l’utilizzo, le vendite e il know-how della stampa 3D, con il 5% del mercato globale della stampa entro il 2030.

“Aumentare la quantità di stampa 3D ridurrà il consumo di energia e le emissioni, portando la produzione globale in una direzione molto più sostenibile”, afferma Raukola. “WHAM è stata in prima linea in questa tendenza e il nostro obiettivo è continuare a portare ai nostri clienti parti stampate in 3D innovative e personalizzate che consentano di risparmiare denaro, ridurre i tempi di consegna e rimuovere i requisiti per lo stoccaggio e il trasporto. Se questo suona come qualcosa di cui potresti trarre vantaggio, non esitare a metterti in contatto con noi”.

Alla guida della tendenza 3D

WHAM utilizza la stampa 3D su piccola scala da alcuni anni, rendendolo un pioniere nella tendenza della stampa 3D nel settore marittimo. Il team dispone di stampanti in plastica, carbonio e metallo nelle sue strutture e sono a disposizione di chiunque in azienda possa utilizzarle, ampliando il potenziale di innovazione.

Riconoscendo le ampie opportunità offerte dalla stampa 3D, nel 2018 WHAM ha iniziato a sviluppare un ecosistema regionale collaborando con le università locali. Questa collaborazione ha portato a una serie di conferenze e visite che hanno introdotto la tecnologia di stampa 3D di base per gli studenti universitari, ispirandoli, con l’obiettivo di portare nuovi talenti e crescita nel settore. L’obiettivo a lungo termine era quello di rendere Vaasa, dove si svolge la maggior parte della progettazione del motore di Wärtsilä, un centro di stampa 3D di livello mondiale, che combina le competenze del settore con la nuova eccellenza accademica.

Avere esperienza nella stampa 3D in stretta prossimità con l’esperienza nella progettazione di motori promette anche di accelerare l’innovazione. “Quando guardi un nuovo componente per un motore e cerchi di capire se la stampa 3D in metallo potrebbe essere il biglietto, puoi semplicemente andare alla porta accanto e spingere i confini di ciò che è possibile”, Juho Raukola, Esperto di innovazione presso Wärtsilä spiegato.

Il primo notevole successo di WHAM è arrivato nel 2019, con la riprogettazione 3D di uno strumento di sollevamento composito per parti pesanti del motore. Tradizionalmente gli strumenti di sollevamento sono fabbricati in acciaio solido, che è costoso e richiede molto tempo per lavorare, per non parlare del pesante e difficile da trasportare. “C’era un certo scetticismo nel mercato sul fatto che la stampa 3D potesse mai produrre componenti che sarebbero abbastanza resistenti per parti del motore per impieghi gravosi”, ha sottolineato Hjort, “Ma la nostra ricerca e test hanno dimostrato senza ombra di dubbio che il materiale non è un ostacolo – infatti, la stampa 3D offre molte più opportunità che restrizioni. “

Il nuovo strumento di sollevamento stampato in 3D era più leggero, più compatto e facile da usare e ha anche consentito di risparmiare fino a 100.000 euro sui costi degli utensili. Inoltre ha funzionato perfettamente, sollevando un pistone del motore da 240 chilogrammi al primo tentativo e offrendo una capacità massima sbalorditiva di 960 chilogrammi senza deformazioni. I test sono stati eseguiti con l’aiuto dell’agenzia di certificazione internazionale Bureau Veritas, diventando così il primo strumento di sollevamento certificato CE stampato in 3D al mondo. La produzione locale dello strumento ha sostituito le catene logistiche e la produzione in fabbrica, riducendo gli sprechi e l’inquinamento e rimuovendo l’attesa mentre gli strumenti sono fabbricati da fornitori di terze parti.

0 Condivisioni
Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!