Lancio nuovo prodottoProduzione

WAAM3D lancia il sistema compatto MiniWAAM

Offrendo una soluzione di produzione a prezzi competitivi per lo sviluppo di processi e la caratterizzazione metallurgica

0 Condivisioni

La società britannica WAAM3D ha lanciato una nuova stampante 3D compatta in metallo, la MiniWAAM, portando la produzione additiva in metallo all’avanguardia a un pubblico più ampio grazie a una combinazione di convenienza e capacità prestazionali. Accanto al più ampio RoboWAAM nel portafoglio di macchine WAAM3D, MiniWAAM presenta gli effettori finali, l’hardware di rilevamento e il software proprietari di WAAM3D. Offre una soluzione di produzione a prezzi competitivi per lo sviluppo di processi, la caratterizzazione metallurgica, la produzione di provette meccaniche, l’esplorazione di nuovi cavi e il test di nuovi sensori.

Grazie a RoboWAAM, lanciato nel 2022, WAAM3D è ora leader nella produzione additiva di metalli su larga scala. Con il lancio della nuova piattaforma MiniWAAM dell’azienda, il potenziale di mercato per la stampa e la riparazione di metalli 3D di grande formato nei settori aerospaziale, della difesa, del petrolio e del gas e nelle comunità di ricerca è stato ampliato.

WAAM3D lancia il sistema compatto MiniWAAM, offrendo una soluzione di produzione a prezzi competitivi per lo sviluppo dei processi
Dott. Filomeno Martina (a destra)

Il dottor Filomeno Martina, CEO di WAAM3D, ha commentato: “Siamo molto entusiasti di lanciare MiniWAAM, poiché la sua introduzione porta i vantaggi della stampa 3D in metallo a un pubblico ancora più ampio. Grazie alla sua versatilità, MiniWAAM® è ideale per la realizzazione di parti metalliche di piccole e medie dimensioni per la prototipazione e per applicazioni di produzione e ricerca. L’utilizzo di 2 alimentatori di filo lo rende interessante anche per coloro che desiderano sperimentare lo sviluppo della composizione e la creazione di strutture multimateriale. Grazie al livello di monitoraggio dei processi di MiniWAAM, anche a un prezzo così competitivo, MiniWAAM consente ai dipartimenti di ricerca di svolgere attività di ricerca e sviluppo con livelli di approfondimento molto più elevati rispetto ai kit “costruiti in casa” meno capaci. Inoltre, il passaggio da MiniWAAM al molto più grande RoboWAAM è un processo fluido poiché gli elementi tecnologici fondamentali sono esattamente gli stessi”.

Partendo dalle architetture robotiche, MiniWAAM è dotato di un sistema CNC sopraelevato a 3 assi, oltre a una tavola rotante aggiuntiva da 500 mm con carico utile di 60 kg. Ha un’area di lavoro di 800 mm x 800 mm x 600 mm con dimensioni complessive della macchina di 2400 mm (larghezza) x 2100 mm (profondità) x 2300 mm (altezza). Le macchine sono autonome con un’installazione plug-and-play in officina e sono pienamente conformi a salute e sicurezza.

Il sistema MiniWAAM è progettato per integrare perfettamente la produzione additiva Wire Arc nel flusso di lavoro di produzione, migliorando la produttività, riducendo gli sprechi e creando nuovi orizzonti di produzione in un’ampia gamma di scenari.

Nonostante le sue dimensioni compatte, MiniWAAM offre le stesse funzionalità hardware della soluzione RoboWAAM più grande. Il sistema compatto è dotato di Real-Time ShapeTech, il sensore interferometrico di WAAM3D che ricostruisce il profilo 3D della struttura depositata ed estrae il valore dell’altezza dello strato attorno al componente. Questa tecnologia fornisce fiducia immediata nella consistenza della deposizione e nel raggiungimento degli obiettivi geometrici chiave mentre la stampa è in corso, eliminando la necessità di lunghe scansioni laser o controlli di qualità con sonda a contatto.

Il MiniWAAM include il monitoraggio WAAM® essenziale di tensione, corrente, velocità di spostamento e velocità di avanzamento del filo. Dispone inoltre di una capacità di misurazione della temperatura a doppio punto, che guida la deposizione per garantire condizioni di stampa coerenti e segue la deposizione per i controlli dei parametri durante il processo.

Inoltre, viene fornito con due trainafilo, ciascuno dei quali può essere controllato in modo indipendente in termini di tempi di alimentazione e velocità di avanzamento del filo. Senza alcuna modifica nella configurazione, gli ingegneri WAAM® possono programmare l’alimentazione della stessa lega con due fili per aumentare i tassi di deposizione o fili diversi per produrre parti funzionalmente classificate o eseguire leghe in situ.

Il posizionamento elettronico del filo migliora la stabilità del processo e una telecamera di processo consente l’imaging remoto del pool di fusione. Il MiniWAAM fornisce inoltre una schermatura globale per la deposizione di materiali reattivi, con cicli di spurgo, mantenimento dell’atmosfera ed evacuazione completamente automatici.

I sistemi di WAAM3D sono alimentati e controllati dalla suite software di WAAM3D, costruita su tre blocchi fondamentali.

WAAMPlanner trasforma il pre-formato di una parte in codice MiniWAAM eseguibile. Include il taglio planare e non planare, il sezionamento 2D e 3D e il raggruppamento di livelli. Questo blocco offre la migliore pianificazione del percorso utensile con approcci di produzione additiva dedicati e capacità multi-materiale e multi-processo.

WAAMKeys popola il piano del percorso utensile con parametri di processo, che vengono calcolati automaticamente in base alla geometria e alla lega. Con i moduli avanzati di compensazione termica, aiuta a raggiungere l’altezza dello strato target, indipendentemente dai cambiamenti nelle caratteristiche geometriche.

WAAMCtrl funge da sistema operativo onnicomprensivo per MiniWAAM®. Incorpora un dashboard dell’operatore, il gemello digitale del componente, la navigazione interattiva dei dati e un database storico con un record completo del processo di stampa. Ciò include dati parametro per parametro, che coprono tutte le variabili dipendenti come temperatura e forma, perfettamente integrati con l’hardware e i sensori di WAAM3D.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Composites AM 2024

746 composites AM companies individually surveyed and studied. Core composites AM market generated over $78...

Andrea Gambini

Mi piace leggere e scrivere da sempre. Ho iniziato a lavorare in redazione come giornalista sportivo nel 2008, poi la passione per il giornalismo e per il mondo della comunicazione in generale, mi ha permesso di ampliare notevolmente i miei interessi, arrivando negli anni a collaborare con le più svariate testate giornalistiche online. Mi sono poi avvicinato alla stampa 3D, colpito dalle grandissime potenzialità di questa nuova tecnologia, che giorno dopo giorno mi hanno spinto a informarmi sempre più su quella che considero una vera rivoluzione che si farà presto sentire in tantissimi campi della nostra vita quotidiana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!