Un'altra rivoluzione da 3D Systems: la stampa 3D in catena di montaggio

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Quella della stampa 3D è generalmente considerata la terza (o la quarta) rivoluzione industriale, dove la prima è stata quella meccanica di fine ‘800, la seconda quella della catena di montaggio di Henry Ford e la possibile terza è quella avvenuta in Paesi che fino a poco fa erano in via di sviluppo, come la Cina. Ora è già il momento di una nuova rivoluzione: quella della stampa 3D in catena di montaggio, per gentile concessione di 3D Systems.

project-ara-stillIl nuovo sistema che, per inciso, è esattamente quello che era stati anticipato – tra lo scetticismo generale – quando Google ha annunciato la partnership con 3D Systems per la produzione dello smartphone modulare Project Ara, aggiunge il “fattore catena di montaggio” alla produzione additiva, personalizzata e digitalmente controllata delle stampanti 3D. Lo fa introducendo un nuovo concetto relativamente semplice: testine di stampa fisse con molteplici piatti di stampa in movimento.

assembly2Questo significa che 3D Systems sarà in grado di realizzare qualcosa che fino a un paio di giorni fa sembrava utopistico, se completamente impossibile: manifattura personalizzata realmente ad alta velocità, realmente multi-material e multicolore. Per altro tecnologia non è nella fase concettuale: la macchina è già stata costruita ed è completamente funzionale. Il video infondo mostra la stampanti di 3D Systems ‘al lavoro, con le piastre meccaniche in rapido movimento da una stazione di stampa a quella successiva.

assembly1In effetti mi era sembrato un po’ strano che Google avesse presentato Ara come un prodotto davvero prossimo all’arrivo sul mercato pur essendo basato su una tecnologia di produzione additiva di massa ancora indefinita. Non era indefinit: era già in fase di costruzione. Google Ara sarà il suo primo grande passo ma non, di gran lunga, la sua unica applicazione.

Nel corso del 2013, 3D Systems ha fatto alcuni annunci imponenti e allo stesso tempo poco chiari quali – ad esempio – la partnership con Intel sulla fotografia fisica, insieme con a un sacco di prodotti destinati al consumo di massa. Per usare le parole di 3D Systems ‘, sembrano che possano essere “molto più vicini di quanto si pensi”.

Autore Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Da non perdere

F1 Fragrance

F1 Fragrance, arriva la collezione di profumi stampati in 3D firmati da Ross Lovegrove

F1 – sì, lo stesso circuito di Formula 1 in cui veicoli all’avanguardia corrono a …