Arte & Design

Un guscio stampato in 3D per il paguro senza casa

0 Condivisioni

Image

La skyline di New York, i templi di Tokyo e Bangkok, i mulini a vento: alcuni dei landmark più riconoscibili della terra sono stati trasformati in gusci per alcuni fortunati paguri dalla giovanissima artista giapponese Aki Inomata, nell’ambito del suo progetto “Why Not Hand Over a Shelter to a Hermit Crab“, cioè “perché non dare un rifugio a un granchio eremita”?

I paguri in inglese si chiamano infatti granchi eremita perché non nascono con una conchiglia per proteggersi ma ne trovano una disabitata e se ne impossessano. A quanto pare i paguri non sono neanche particolarmente schizzinosi, anzi sembrano dei veri intenditori visto che sembrano apprezzare le stupende conchiglie stampate anche più di quelle naturali.

0 Condivisioni
Tags
Research 2020
Composites AM Market Opportunities

This 170-page study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis of each major sub-segment in composites...

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!