Arte & DesignEventi

Supersalone e Fuorisalone oltre le aspettative (anche la stampa 3D)

Molti i prodotti di design visti durante questa edizione speciale che utilizzano la stampa 3D, con una qualità sempre più elevata

0 Condivisioni

Tra i vari allestimenti visti durante l’edizione speciale supersalone e soprattutto nel Fuorisalone, sono emersi vari prodotti molti diversi tra loro che sfruttano le proprietà uniche della stampa 3D, non più (solo) come strumento sperimentale, ma proprio per creare prodotti di nuova generazione da commercializzare. Certo, spesso non si tratta di prodotti di massa, bensì di prodotti quasi unici, di un livello qualitativo estremamente elevato che uniscono geometrie e customizzazione a finiture e superfici che sfruttano materiali di altissimo livello.

Gli abiti di Stratasys

Stratasys, in collaborazione con la società Dyloan ha mostrato le potenzialità della sua tecnologia e dei materiali multi-colore PolyJet per vari settori di consumo tra cui in particolare l’industria della moda e del design. Press il laboratorio urbano D-House, l’azienda ha mostrato alcuni capi che saranno al centro della collaborazione con Dyloan, Framis Italiam Lineapelle, Universal Robots e Shapemode.

Supersalone e Fuorisalone oltre le aspettative

Il pavimento Starfish di Aectual

Per la seconda volta in Italia è stato possibile ammirare le possibilità offerte dal processo additivo sviluppato dalla società olandese Aectual per la produzione di pavimenti unici. Quest’anno Supertoys Supertoys, un duo di designer olandese-tedesco con sede a Rotterdam, formato da Merle Flügge e Job Mouwen, ha presentato ‘Seashell’ Aecual X Durabella a Masterly (lo spazio dedicato ai designer olandesi) durante il Salone del Mobile. Con le sue forme morbide e arrotondate e le sue tonalità scoppiettanti, il design accenna al corallo e alle caramelle. Supertoys Supertoys ha spiegato di voler “creare qualcosa che portasse magia all’interno”.

Supersalone e Fuorisalone oltre le aspettative

Mediterranea, i mobili e i vasi di Medaarch

A Superstudio più erano in evidenza i mobili e gli allestimenti creati da Medaarch, una società che da anni porta avanti moltissimi progetti, sia di produzione sia a livello educativo, in ambito additivo, In particolare per questa edizione Medaarch ha lanciato Mediterranea, una linea di mobili e oggetti decorativi stampati in 3D con sistemi WASP a estrusione di grande formato, sia in PLA che in ceramica.

La collezione è stata progettata con un approccio computazionale tramite software di modellazione 3D. Il materiale utilizzato è PLA (acido polilattico) con l’aggiunta di colorante naturale. Il PLA è una bioplastica derivata dalla trasformazione degli zuccheri presenti nel mais e in altri materiali naturali che hanno la caratteristica di essere rinnovabili e non derivati ​​dal petrolio. Inoltre, il PLA è biodegradabile e compostabile.

I suggestivi complementi d’arredo di design realizzati con questo materiale comprendono la chaise longue Vulcano, il tavolino Stromboli, le sedie Santorini e Ponza. La modellazione tramite software di progettazione ha permesso di definire forme geometriche decise garantendo la resistenza delle superfici, il dinamismo e la leggerezza, e minimizzando l’utilizzo del materiale e il conseguente peso.

Per l’evento Discovering alla Milano Design Week, Medaarch ha presentato anche Unique, una collezione di oggetti in ceramica creata fondendo tradizione artigianale locale e innovazione digitale. Il progetto si basa sulla scrittura di un algoritmo di progettazione computazionale in grado di generare vasi da stampare con tecniche additive in materiale ceramico e con una precisa morfologia, fondendo tecnologia e fattore umano in un mix di forme uniche

Le fibre di carbonio riciclate

Sempre a Superstudio è stato possibile ammirare uno dei progetti più interessanti dal punto di vista della sostenibilità, incentrato sul recycling di fibre di vetro e di carbonio e la possibilità di usare questi materiali riciclati per stampare in 3D nuovi prodotti in collaborazione con moi Composites e PiùLab,

Il progetto europeo FiberEUse (GA No. H2020-730323-1) mira a integrare diverse azioni di innovazione attraverso un approccio olistico per migliorare la redditività del riciclaggio e del riutilizzo dei compositi in prodotti a valore aggiunto. Attraverso nuove soluzioni ICT basate su cloud per l’integrazione della catena del valore, lo scouting di nuovi mercati, l’analisi delle barriere legislative, la valutazione del ciclo di vita per diverse opzioni di logistica inversa, FiberEuse supporta l’industria nella transizione verso un modello di economia circolare per i compositi ed è un progetto di ricerca da 9,8 milioni di euro finanziato dall’Unione Europea da giugno 2017 e che collabora con 20 partner di 7 paesi dell’UE.

Supersalone e Fuorisalone oltre le aspettative

La rubinetteria unica di UNIQ∙Ǝ!

Infine, in piena zona Brera, è stato possibile ammirare alcuni dei prodotti stampati in 3D più eleganti mai realizzati: una collection di 4 rubinetti unici creati dal brand UNIQ∙Ǝ!, in collaborazione con quattro designer, usando processi di stampa 3D L-PBF con vari metalli.

Ad aprile 2020 UNIQ∙Ǝ! ha lanciato un progetto rivolto a un gruppo di designer e architetti incentrato sulla creazione di un rivoluzionario concetto di rubinetto stampato in 3D. L’obiettivo del progetto era liberare il design della rubinetteria dagli stereotipi formali e interpretare il nuovo paradigma di produzione consentito dalla tecnologia di stampa 3D.

Dopo una serie di incontri, confronti e interazioni con numerosi designer e architetti italiani e internazionali, 4 professionisti hanno deciso di unire le forze con UNIQ∙Ǝ! creatore e fondatore Giovanni Pitturru, per sfidarsi e misurarsi con una libertà progettuale illimitata: Dodo Arslan di Dodo Arslan Studio, Cesare Chichi e Mauro Pizzi di 967Arch, Pasquale Piroso di Loft Canova e Gerardo Sannella_MYGG.

Supersalone e Fuorisalone oltre le aspettative

UNIQ∙Ǝ!, con la sua esperienza nella progettazione e produzione di rubinetteria, ha agito da supervisore allo sviluppo delle idee proposte, arricchendo il progetto con osservazioni pratiche e funzionali. Attraverso un intenso processo di co-design, questo ha portato alla creazione di molteplici raffinati prototipi, preservando la guida del suo pensiero creativo.

Un supersalone per rilanciare Milano e il design

Oltre 60mila le presenze all’evento speciale del Salone del Mobile.Milano che – sostenuto anche dalle parole del presidente Mattarella che ha sottolineato il coraggio e la qualità con cui si è dato vita alla manifestazione – supera ogni aspettativa in termini di affluenza e sancisce il rilancio della città, di un intero sistema e del Paese. Ma si fa anche volano per la sessantesima edizione della rassegna che andrà in scena dal 5 al 10 aprile 2022.

“supersalone”, l’evento speciale 2021 del Salone del Mobile.Milano, inaugurato da un intervento “fuori programma” del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si è concluso con un risultato molto positivo grazie alla forza attrattiva e alla grande capacità di coinvolgimento di un format inedito e trasversale in cui le aziende hanno fortemente creduto. Il tutto con la garanzia della massima sicurezza per operatori e visitatori che, grazie al sistema di controlli Green Pass e agli hub per i tamponi agli ingressi, hanno potuto lavorare e visitare la manifestazione senza rischi.

425 sono stati i brand espositori, di cui il 16% esteri a cui si sommano 170 giovani studenti provenienti da 22 Paesi e 39 designer indipendenti. In termini di affluenza di visitatori, le presenze registrate sono state oltre 60mila, in sei giorni da 113 Paesi. Più della metà sono stati operatori di settore e buyer (il 47% provenienti dall’estero). Quasi 1.800 i giornalisti accreditati da tutto il mondo.

Supersalone e Fuorisalone oltre le aspettative

 

Decisivo anche il ruolo della nuova piattaforma digitale del Salone del Mobile.Milano che, nei giorni del “supersalone”, ha amplificato l’evento, attivando un nuovo approccio e un’inedita fruizione sia per i visitatori presenti in fiera sia per gli utenti in remoto. Sono state raccontate aziende e prodotti, si è data la parola ai tanti personaggi presenti, si sono assicurate informazioni e moltiplicati i contatti diretti. I dati raccolti fino alla giornata di giovedì 9 settembre fotografano una community dinamica e in crescita, ripartita al 50% tra accessi italiani e internazionali, che ha risposto a tutte le iniziative proposte.

Oltre 22mila scannerizzazioni di QR code tramite la nuova app. Il Web ha contato su 1,5 milioni di visualizzazioni di pagina con una media di 90mila utenze giornaliere. Il nuovo account TikTok del Salone del Mobile.Milano, con 19 video caricati nei primi 5 giorni di “supersalone”, ha avuto più di 630mila view totali, mentre sono 2mila gli streaming per i primi tre episodi del podcast Super! entrati subito nella Top 100 Italia di Apple Podcast. I canali social (Instagram, Facebook, Linkedin, Twitter) hanno registrato 15 milioni di impression, 25mila interazioni e 50mila visualizzazioni dei video.

Numeri che rafforzano la volontà di utilizzare ogni canale digitale per continuare a diffondere la voce attiva del Salone del Mobile.Milano per 365 giorni all’anno.

Il riconoscimento all’importanza del Salone del Mobile.Milano quale motore economico del Paese è arrivato anche dalla presenza di molte autorità governative e istituzionali. Il supporto concreto al “supersalone” da parte del ministero degli Affari Esteri attraverso Simest e Agenzia ICE conferma il valore internazionale della manifestazione, e il sostegno di Regione Lombardia avvalora la centralità di questo territorio per la nostra filiera. Importante anche la stretta collaborazione con Fiera Milano che ha che ha contribuito alla realizzazione di questo evento.

“Lo scorso giugno avevamo promesso un “supersalone”, cioè un evento imperdibile e speciale, capace di trainare per una settimana l’intero mondo del design e degli arredi. Oggi, possiamo dire che ci siamo riusciti, grazie alla fiducia dataci dal Salone del Mobile.Milano, alla disponibilità delle aziende e al lavoro straordinario di un team di curatori – Andrea Caputo, Maria Cristina Didero, Giorgio Donà, Anniina Koivu, Studio Folder (Marco Ferrari e Elisa Pasqual), Lukas Wegwerth –  che ha mostrato al mondo quale può essere il futuro delle grandi esposizioni. Aperto al pubblico, all’interazione digitale e all’acquisto, con un formato espositivo limpido e capace di valorizzare i prodotti, completamente riciclabile nei materiali e smontabile negli allestimenti, il “supersalone” è stata la dimostrazione che, nei momenti di difficoltà, l’intreccio tra coraggio, passione e chiarezza negli obiettivi è una leva che può cambiare il mondo”, ha affermato l’architetto Stefano Boeri, curatore di “supersalone”.

Anche dalla città arrivano echi di consenso. In questi giorni sono stati 35.000 i visitatori di Triennale Milano, che ha presentato la mostra il Salone / la Città, evento espositivo ideato dal Museo del Design Italiano di Triennale Milano per il Salone del Mobile.Milano. Proprio questo successo ha spinto a prolungare la mostra di un’altra settimana fino al 19 settembre.

Il miglior biglietto da visita per Milano

Anche il Fuorisalone  ha stupito per il gran numero di partecipanti, in una certa misura inaspettato, e per il rinnovato fermento nelle vie e nei distretti meneghini.

Quello che invece non sorprende è la qualità dei progetti realizzati da aziende e professionisti di settore nel corso della settimana.

Si è puntato sul contenuto, affrontando temi come la sostenibilità, l’inclusione e la creatività consapevole, sperimentando nuovi materiali e nuove soluzioni per far fronte ai temi dell’abitare contemporaneo. Progettisti, imprenditori, design lover, studenti e pubblico straniero hanno popolato la città nel rispetto delle norme anti-Covid.

Presso lo spettacolare allestimento di Lamborghini era possibile vedere la nuova Countach e anche quella storica, oltre ad assistere alla creatività in tempo reale dei designer del Centro Stile Lamborghini.

I numeri, non scontati, di questo 2021 fanno ben sperare in vista dell’edizione aprile 2022: su Fuorisalone.it contiamo un totale di 900 designer, 763 eventi nell’anno corrente, di cui 600 sul territorio per l’edizione di settembre e un audience record di più di 400.000 utenti unici e più di 2 milioni di pagine viste, dati di accesso oltre le aspettative e in linea con l’edizione 2019.

La community di Fuorisalone ha registrato una crescita importante, tra i canali social più visitati al primo posto Instagram, che ha visto un incremento di 10mila follower, con 60 post pubblicati che hanno raggiunto 640mila persone contando 78mila like e 457 commenti. In collaborazione con Beijing Onbox Media e Poli.design (Politecnico di Milano), la piattaforma di streaming di WeChat xiao’etong e weibo di Fuorisalone hanno ospitato una diretta di due ore dedicata ai professionisti che non hanno potuto prendere parte alla kermesse, raggiungendo 80mila persone collegate.

Il rapporto tra città, con tutti i suoi attori coinvolti, e le istituzioni ha permesso di realizzare un’edizione speciale che ha provato a misurarsi con le sfide di oggi.

Anche Heineken ha puntato su velocità e sostenibilità con il nuovo “modello base” per la Formula 1 2022 e un bar dall’anima decisamente green

 

0 Condivisioni
Tags
Research 2021
Ceramic AM Market Opportunities and Trends

This market study from 3dpbm Research provides an in-depth analysis and forecast of the ceramic additive ma...

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Tracciamo le informazioni anonime degli utenti per migliorare il nostro sito web.
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!