Studentessa progetta scarpe da donna per il salto con l’asta stampate in 3D

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il salto con l’asta femminile è sorprendentemente giovane. Anche se lo sport fa parte delle Olimpiadi dal 1896, per la prima partecipazione femminile all’evento sportivo internazionale si è dovuto attendere fino al 2000. Ciò nonostante, quello che è ancora più difficile da credere è che dopo 20 anni manchino ancora le infrastrutture per le saltatrici. In particolare, nessun marchio sportivo produce scarpe da salto con l’asta per le donne.

Questo problema ha motivato Madison George, della Elon University, a prendere in mano la situazione progettando lei stessa le calzature mancanti. George conosceva bene il problema, dal momento che aveva iniziato a indossare scarpe da ginnastica unisex inadatte da quando aveva iniziato il salto con l’asta al liceo. Le scarpe unisex sul mercato non offrono un supporto adeguato e sono note per mettere le atlete a maggior rischio di lesioni.

George è stata ispirata a utilizzare la stampa 3D per il suo ambizioso progetto di calzature dopo aver appreso di un programma di sovvenzioni presso Maker Hub della Elon University, che stava assegnando 300 dollari agli studenti con progetti che affrontassero problemi non comuni o non ancora affrontati. La proposta della George per una scarpa da salto con l’asta stampata in 3D per donna è stata infine selezionata come vincitrice di una borsa di studio.

George ha ideato un prototipo di scarpa adatto ai piedi delle donne: la pianta del piede è più stretta, c’è un arco più alto e sette punte posizionate per un miglior supporto e sollevamento.

Usando le stampanti 3D presso Maker Hub, la George è stata in grado di stampare in 3D un prototipo approssimativo della scarpa sportiva. Ma mentre le cose sul fronte del design andavano bene, si trovava di fronte a una limitazione materiale: l’hub utilizzava principalmente filamenti di polimeri rigidi, che sono meno adatti per prodotti indossabili e che richiedono un certo grado di flessibilità.

Fortunatamente, Dan Reis, il tecnologo istruttore senior di Maker Hub, è stato in grado di contattare Connor TeVault, laureato alla Elon University che ora lavora presso la società di produzione digitale Carbon. La società di stampa 3D della Silicon Valley ha collaborato con il colosso delle calzature Adidas per produrre in serie intersuole 3D per sneaker.

Mentre sembra che la George non stia stampando le sue scarpe utilizzando la tecnologia DLS di Carbon, TeVault le ha dato alcuni consigli utili sui materiali FFF, come NinjaFlex, che potrebbe essere adatto al suo modello di scarpe.

A questo punto, l’ambiziosa studentessa della Elon University ha stampato in 3D due prototipi della suola per la scarpa da salto con l’asta. In futuro, ha in programma di continuare a studiare le scarpe e le punte da salto con l’asta esistenti per perfezionare il proprio design. In futuro, spera di sviluppare una scarpa con suole intercambiabili che potrebbero essere utilizzate per il salto con l’asta, il salto in lungo, il triplo e persino gli sprint.

Il mese prossimo, la George presenterà il suo progetto di scarpe da salto con l’asta al Maker Takeover della sua università.

Autore Tess Boissonneault

Da non perdere

Weerg si unisce alla produzione delle valvole ideate da Isinnova e FabLab Brescia

Weerg si unisce alla sfida contro il coronavirus e mette la sua capacità produttiva a …