La startup Carbon si prepara all’ingresso in borsa?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Nel mercato AM, Carbon rappresenta una delle realtà più promettenti sul lungo periodo. Nata nel 2015 nel cuore della Silicon Valley, questa startup ha riscosso un notevole successo fino ad ora, tanto da aver stretto una partnership persino con Lamborghini per la produzione del super SUV URSUS. E ora, Carbon potrebbe essere pronta al grande salto, con la quotazione in borsa.

Ad ipotizzare il possibile scenario è stata Motley Fool, una società di analisi finanziaria che segue molto da vicino l’industria AM. Ovviamente non ci sono conferme ufficiali in questo senso, ma esistono una serie di indizi che, se ben analizzati, sembrano supportare questa tesi. Tanto per cominciare, di recente Carbon ha apportato alcuni cambi all’interno del suo consiglio di amministrazione e del team esecutivo: una manovra che spesso si effettua prima di operazioni simili.

Alla fine dell’anno scorso la società ha nominato il suo primo direttore marketing, Dara Treseder, che in passato ha ricoperto il ruolo di CMO per GE Ventures e GE Business Innovations. Ha inoltre promosso Elisa de Martel a CFO e nominato Debbie Messemer, un ex-partner KPMG recentemente in pensione, nel suo consiglio di amministrazione e presidente del suo nuovo comitato di revisione.

Più recentemente, Carbon ha aggiornato il proprio team di leadership: Craig Carlson è stato promosso da Vicepresidente di Engineering a Chief Technology Officer, Philip DeSimone (Co-Founder Carbon e attuale Vice President of Business Development) è diventato Chief Customer Officer della società e Meg Nibbi, attuale Vice President, è stata nominata VP, General Counsel.

Insomma, tutto fa pensare che Carbon stia ultimando i preparativi necessari alla quotazione in borsa, ma solo il tempo ci dirà se le cose stanno realmente così. A Motley Fool sono piuttosto convinti, aggiungendo che l’ingresso in borsa dovrebbe per di più avvenire a breve – perché il tempismo rappresenta sempre un fattore fondamentale per le oscillazioni del mercato. Se così sarà, avremo sotto gli occhi una riprova della solidità di Carbon come azienda e dei grandi margini di crescita che il mercato della stampa 3D offre ai progetti più promettenti.

Autore Matteo Maggioni

Laureato in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano, nel corso degli anni Matteo si è specializzato nel mercato delle New Technologies, concentrandosi particolarmente sul mercato della stampa 3D e sulle sue possibili applicazioni nel mondo dell'Industria 4.0.

Da non perdere

AON3D lancia la stampante 3D AON-M2 2020 per materiali ad alte prestazioni

La società di stampa 3D con sede a Montreal AON3D ha lanciato la sua ultima …