SIXER, una stampante 3D per produzione in serie targata I3D

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La risposta alla domanda da un milione di dollari su cosa faccia emergere un prodotto nello scenario globale e sempre più competitivo della stampa 3D FFF è semplice: essere sicuri che il prodotto sia unico.

I3D, uno dei tanti produttori di stampanti 3D, con sede in provincia di Firenze, ha preso questo concetto molto seriamente e ha fatto in modo che le sue stampanti 3D siano uniche producendole on demand, secondo le richieste specifiche dei clienti.

Questo, comunque, è qualcosa che parecchie aziende già offrono. Così I3D, dopo aver creato la prima PLAYMAKER e la serie di sistemi PLAYMAKER HD con triplo estrusore, dopo essersi avventurati nel mondo della stampa 3D di grandi dimensioni con la loro PIVOT MAKER (850x850x850 mm), ha ora presentato SIXER, una nuova stampante 3D per la produzione in serie, con sei estrusori e altrettante aree di stampa.

sixer5

Anche la stampa 3D FFF in parallelo non è necessariamente e interamente una caratteristica originale ma è comunque sicuramente abbastanza unica per far sì che la SIXER, il nome del nuovo modello di I3D, si sia fatta notare alla recente Maker Faire di Roma e si possa puntare su una propria nicchia produttiva.

Con sei estrusori, ogni area separate del piatto riscaldato misura 115 x 135 x 320 mm con una risoluzione dei layer tra 300 e 200 micron. Può stampare a una velocità fino a 100 mm/s che, moltiplicato per sei, significa che può stampare oggetti a una velocità complessiva di 600 mm/s.

sixer3

Se ogni sezione è usata per stampare parti multiple, è chiaro allora che si può intraprendere una piccola produzione in serie a costi e tempi accettabili. Quali sono i costi? La SIXER è venduta a 4.000 euro. La macchina è di un touch panel a colori per controllare alcune delle funzioni.

Una ventola potente per controllare la temperatura – situata nella parte anteriore – da alla SIXER un look particolarmente aggressivo, quasi come un motore a reazione. Come se fosse un turbo per la produttività. Sarà interessante scoprire se davvero esiste già un mercato per la produzione in seria via FFF. Sarà anche una nicchia, ma noi crediamo di sì.

sixer2

Autore Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Da non perdere

Elmec 3D stampa mascherine per l’Ospedale di Busto Arsizio

In questo momento di emergenza che ha raggiunto ormai scala mondiale, un ruolo importantissimo lo …