AerospazialeAziendeDentaleEventiIndustriaMedicinaMetalliNotizie - ultima oraProduzioneStampa 3D - ProcessiStampanti 3D

Sisma tiene alto il nome dell’Italia tra i giganti del metallo stampato in 3D

Inutile girarci intorno: non c’è dubbio che allo stato attuale la stampa 3D dei metalli – in particolare quella che opera mediante LMF (Laser Metal Fusion ), fusione laser selettiva di successivi strati di polvere metallica – sia ancora un processo incompleto con diversi limiti. Altrettanto innegabile, però, è che questo sarà il futuro della manifattura industriale.

Oggi ci troviamo in un momento in cui, dopo tanto entusiasmo più o meno fondato, si inizia a intravedere la transizione definitiva dalla stampa 3D a metallo per prototipi e oggetti unici alla produzione in serie di oggetti con proprietà superiori.

Sisma Stand11

Il primo settore in assoluto a compiere questo passo, anche prima, forse, di aerospaziale e medicale/dentale, è quello del gioiello ed è proprio da questo settore che nasce l’esperienza unica di Sisma, l’unico produttore italiano di stampanti 3D a fusione laser selettiva di polvere metallica. Sisma è probabilmente l’azienda che vanta la maggior esperienza al mondo nell’applicazione di questo processo ai metalli preziosi.

Nella prima edizione della fiera formnext, che si è tenuta a Francoforte, tutti i più grandi produttori hanno mostrato lo stato dell’arte dei loro progetti per una sempre più completa automazione della fabbrica e del processo manifatturiero. Concept Laser, EOS, SLM Solutions, Renishaw e persino nuovi player come Additive Industries sono pronti a entrare nella nuova era della manifattura, un mondo in cui Sisma, anche grazie alla partnership che ha portato alla joint venture Trumpf-Sisma, avrà un ruolo da protagonista.

sisma trumpf
Le maggiori dimensioni della nuova stampante 3D sono in grado di realizzare pezzi come questo

Questa partnership ha portato alla realizzazione di una nuovissima stampante 3D industriale (che sarà poi commercializzata rispettivamente da Sisma e da Trumpf) per produzioni di oggetti di grandi dimensioni. Il volume di stampa è un cilindro con altezza di 400 mm e diametro di 300 mm. La tecnologia alla base è la stessa Laser Metal Fusion (LMF) che Sisma utilizza per i suoi sistemi MySint Dental, Jewellery e Industrial.

“Per noi si tratta di un’operazione importante sia per l’orgoglio di essere stati selezionati da un’azienda leader di mercato come Trumpf, sia per la grandi opportunità di ampliare la nostra quota di mercato,” ci ha spiegato Lisa Marta Micheletto, Responsabile per l’Additive Manufacturing in Sisma. “Inoltre ora abbiamo una nuova stampante 3D, che va ad aggiungersi alla gamma MySint, e che, come il modello MySint100, avrà una versione specifica per ognuno dei tre settori in cui operiamo.”

Sisma Stand08

Per illustrare al meglio quali sono queste aree operative, Sisma ha realizzato un nuovo, spettacolare stand in cui, avvolte dalle mesh digitali, mostrava le tre versioni della MySint100. “Dental è quella studiata per il settore dentale che, in questo momento, è quello che offre il maggior potenziale di crescita a breve e medio termine per noi,” ha spiegato Lisa Micheletto. “La versione MySint 100 Industrial, invece, è ottimizzata per i materiali reattivi, come Titanio e Alluminio”.

I prodotti più impressionanti, almeno da un punto di vista visivo, restano però sempre i gioielli. Soprattutto quelli disegnati e sviluppati da Nuovi Gioielli appositamente per sfruttare le potenzialità geometriche della stampante 3D. Nessun competitor al momento dispone di un sistema di gestione della polvere preziosa e – allo stesso tempo – della capacità di realizzare forme uniche come quelle che Sisma sta mostrando qui a formnext.

Formnext ha dimostrato che l’evoluzione della stampa 3D a metallo avanza ora sempre più rapidamente. Essere davanti a tutti in uno o più segmenti di applicazione e più che mai fondamentale per rimanerci.

sisma jewel

Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!