Hardware

re:3D ha lanciato Gigabot 4, Terabot 4, GigabotX 2 e TerabotX 2

Tutto ciò include la scheda di controllo ArchiMajor a 32 bit di UltiMachine e la transizione al firmware Klipper

0 Condivisioni

re:3D ha recentemente incluso la scheda di controllo ArchiMajor a 32 bit di UltiMachine e la transizione al firmware Klipper con il lancio di Gigabot 4, Terabot 4, GigabotX 2 e TerabotX 2.

re:3D è nato da Engineers Without Borders, presso il NASA Johnson Space Center, nel 2013. È un’impresa sociale che apre la strada alle innovazioni per rimuovere i costi e ridimensionare le barriere alla stampa 3D al fine di creare posti di lavoro e consentire ai risolutori di problemi in tutto il mondo di affrontare in modo indipendente le esigenze locali. re:3D ha clienti in più di 50 paesi e afferma di offrire la stampante 3D FFF industriale più grande del mondo a meno di 9.000 dollari.

re:3D ha recentemente incluso la scheda di controllo ArchiMajor a 32 bit di UltiMachine e la transizione al firmware Klipper

UltiMachine è un produttore di componenti per stampanti 3D con sede negli Stati Uniti specializzato in elettronica e materiali di consumo. L’azienda fornisce servizi a produttori, ricercatori, hobbisti di stampa 3D e collabora al progetto di stampante 3D RepRap Open Source, collaborando con produttori e sviluppatori per aiutare la stampa 3D a raggiungere il suo potenziale.

La scheda avanzata presenta otto driver per motori passo-passo integrati, tre uscite per riscaldatori, cinque ingressi per termocoppie, quattro ventole controllabili e otto finecorsa. Il controller touchscreen PCB e Raspberry Pi sono alloggiati all’interno di un involucro elettrico da 16″ che, se combinato, controlla uno stack software agile con funzionalità web. Questa scheda aumenta la potenza di elaborazione di Gigabot e Terabot, oltre a supportare un migliore controllo della supply chain e della qualità dell’elettronica di re:3D con un forte partner di produzione statunitense.

re:3D ha recentemente incluso la scheda di controllo ArchiMajor a 32 bit di UltiMachine e la transizione al firmware Klipper

“In qualità di azienda con sede negli Stati Uniti, UltiMachine si diverte a progettare soluzioni personalizzate per consentire agli OEM di stampanti 3D statunitensi open source di migliorare le loro offerte e scalare”, ha affermato Johnny Russell, CEO di UltiMachine.

“L’installazione del PCB UltiMachine ArchiMajor a 32 bit è stata un’evoluzione fondamentale nel portafoglio Gigabot e Gigabot X”, ha affermato Samantha Snabes, co-fondatrice e catalizzatore di re:3d. “Non solo la scheda offre maggiori prestazioni, ma è stata fondamentale nella nostra transizione al firmware Klipper, un touchscreen montato frontalmente e connettività Wi-Fi, fornendo al cliente una maggiore capacità di modifiche open source. Il nostro rapporto con UltiMachine è stato fondamentale per garantire la resilienza della catena di fornitura”.

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Polymer AM Market 2023

899 polymer AM companies individually surveyed and studied. Core polymer AM market generated over $5.5 bill...

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!