Prima Industrie presenta le sue stampanti 3D a metallo all’Innovation Days 2019

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Durante l’evento “Innovation Days 2019”, che ha ospitato più di 300 visitatori presso l’Headquarters di Prima Industrie a Collegno (TO), il Gruppo ha aperto le porte del suo Advanced Laser Center, la nuova sede di circa 4000 m2 dedicata alla ricerca e innovazione dei sistemi di produzione laser avanzati.

Nel corso dell’evento sono state presentate le nuove soluzioni per la manifattura additiva del metallo di Prima Additive, la divisione del gruppo Prima Industrie specializzata in soluzioni chiavi in mano per le tecnologie Powder Bed Fusion e Direct Energy Deposition.

La nuova sede fa parte di un programma più ampio di rinnovamento dei siti del gruppo, iniziata nel 2016 con la realizzazione del nuovo Headquarters e Tech Center di Collegno, che si completerà entro il prossimo anno con la costruzione del nuovo stabilimento produttivo per le macchine laser, attualmente situato in un’altra area della città. L’investimento complessivo sul territorio è di circa 25 milioni di euro e permetterà a Prima Industrie di aumentare l’efficienza, accorpando le sedi di Collegno, migliorare la customer experience nelle aree dedicate ai visitatori e di poter contare su ambienti lavorativi più moderni e organizzati.

Durante gli Innovation Days 2019 sono stati presentati i sistemi di nuova generazione per la produzione additiva di componenti in metallo di Prima Additive, la Divisione del gruppo Prima Industrie specializzata in soluzioni chiavi in mano per l’Additive Manufacturing. Le novità mostrate durante l’evento coprono entrambe le tecnologie AM: Powder Bed Fusion (PBF) e Direct Energy Deposition (DED).

I nuovi sistemi sono stati progettati seguendo l’approccio Open Innovation del gruppo, che pone al centro le esigenze e le applicazioni dei clienti, garantendo una stretta partnership con gli utenti finali delle tecnologie e una forte aderenza alle richieste del mercato.

Altra leva importante nei progetti di innovazione del gruppo è la sostenibilità. Seguendo la sua vocazione “green”, Prima Industrie ha sviluppato prodotti ad alta efficienza energetica che riducono i consumi rispetto ai sistemi tradizionali e garantiscono elevate prestazioni. I prodotti Prima Additive permettono inoltre di abbracciare il paradigma di business della Circular Economy, che mira a mantenere il valore di prodotti e materiali il più a lungo possibile, trasformando le risorse alla fine del loro ciclo di vita in nuovi input nel processo di creazione del valore.

Molte aziende di diversi settori industriali stanno adottando le tecnologie di additive manufacturing per la loro produzione, anche per soddisfare le sempre maggiori richieste di customizzazione dei prodotti da parte del mercato. Prima Industrie risponde a queste esigenze con prodotti che permettono di sfruttare tutti i vantaggi competitivi dell’Additive Manufacturing, grazie all’alta produttività, all’affidabilità di processo di prim’ordine, all’eccellente qualità dei pezzi finiti e all’ottimo rapporto prestazioni-prezzo.

Agli Innovation Days Prima Industrie ha presentato la Print Genius 250, la nuova macchina PBF con volume di costruzione di 262x262x350 mm, adatta alla produzione di componenti di media dimensione. Print Genius 250 è la soluzione ideale per applicazioni di stampa di metallo ad alta produttività grazie al suo doppio laser single-mode da 500 W, che riduce i tempi di produzione, abbinato a software intelligenti per un rapido orientamento dei pezzi e per la definizione dei parametri macchina.

Il flusso di gas ottimizzato con conseguente riduzione al minimo dei consumi e la capacità di cambio completo del materiale in meno di 2 ore sono altri punti di forza di questa macchina innovativa. Print Genius 250 è dotata di un’unità filtrante a doppia linea per il ricircolo del gas all’interno dell’area di lavoro, che mantiene un elevato grado di pulizia della macchina e riduce al minimo la sostituzione delle parti soggette ad usura. Il nuovo HMI consente di monitorare in tempo reale l’ambiente di costruzione e di generare report con tutti i principali parametri di stampa tracciabili.

PBF: Print Genius 250

La Print Genius 250 è adatta a una vasta gamma di materiali: acciaio inossidabile, acciaio Maraging, leghe a base di nichel ad alta temperatura (Inconel), titanio, cobalto-cromo, alluminio, rame e acciaio alto-resistenziale.

Prima Industrie presenta le stampanti 3D

Gli ospiti dell’evento hanno potuto vedere al lavoro anche la macchina PBF Print Sharp 250, con volume di costruzione di 250x250x300mm. Il sistema è equipaggiato con laser proprietario Convergent CS450, la sorgente fibra ad alta efficienza sviluppata grazie alla profonda esperienza del Gruppo Prima Industrie nel campo delle tecnologie laser. La Print Sharp 250 coniuga un’elevata qualità dei componenti prodotti, sia in termini di superficie sia di caratteristiche meccaniche, con un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Laserdyne 430 DED

Prima Industrie stampa 3D

Nell’ambito della tecnologia Direct Energy Deposition, agli Innovation Days è stata presentata la nuova Laserdyne 430 DED, una macchina compatta e precisa a 3 assi con volume di lavoro di 585x400x500 mm, elevata velocità di costruzione (max 40-50 cm3/h – tipico 20 cm3/h) ed eccellente qualità dei pezzi finiti, adatta per produzioni 3D, rilavorazioni e riparazioni.

La Laserdyne 430 DED è dotata di Advanced Head, l’innovativa testa laser DED multiuso con design modulare che consente il montaggio in diverse configurazioni per adattarsi a molteplici processi laser. Alcuni dei punti di forza della nuova testa sono: il monitoraggio del pool di fusione, il percorso ottico pressurizzato che evita infiltrazioni di polvere, e l’ugello raffreddato ad acqua per deposizione continua realizzato in additive, che riduce il rischio di adesione della polvere durante il processo. La testa offre inoltre una facile manutenzione e un veloce allineamento dello spot polvere / laser.

La Advanced Head può essere montata su tutti i prodotti Laser Metal Deposition di Prima Industrie, ed è anche disponibile come parte del Laser Metal Deposition Kit di Prima Additive, che include la testa, una sorgente laser ad alta efficienza, un alimentatore di polvere flessibile e un software CAM per la programmazione off-line. Il Kit può essere integrato in qualsiasi macchinario e sistema robotico.

La flessibilità della Laserdyne 430 DED può essere ulteriormente incrementata grazie all’aggiunta di una tavola roto-basculante opzionale, che aggiunge altri due assi per applicazioni più complesse.

Gli Innovation Days sono stati anche l’occasione per mostrare ai visitatori le ultime novità dell’intera gamma di prodotti per la lavorazione della lamiera, presenti nell’adiacente Headquarters & Tech Center. Sono anche state date alcune anticipazioni sulle macchine di prossima generazione per l’Additive Manufacturing, che saranno lanciate dal gruppo nel corso del prossimo anno e che permetteranno di ampliare gli orizzonti di questa tecnologia, aumentando le aree di produzione, la produttività e l’efficienza dei sistemi ed estendendo la loro gamma di applicazione.

Autore Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Da non perdere

Lunar Project

Carboni e Metalli vince con Lunar Project, moto con parti stampate in titanio

Carboni e Metalli, una startup innovativa con sede nel cuore della Motor Valley italiana, ha …