Post-produzione

Presentazione del primo sistema integrato di disimballaggio e depolverizzazione

La collaborazione tra Solukon e Reichenbacher Hamuel semplifica la post-elaborazione LPBF in un unico processo automatizzato

0 Condivisioni

Il processo di produzione additiva comporta una fase critica di rimozione della polvere non fusa dalle parti metalliche. I sistemi di Solukon hanno automatizzato questo compito per le parti prodotte tramite i processi Laser Powder Bed Fusion (LPBF) per molti anni. Recentemente, un progetto con Reichenbacher Hamuel GmbH ha fatto un balzo in avanti unificando il processo di disimballaggio e depolverizzazione in un unico sistema.

Nelle parole di Solukon, una volta completato il processo LPBF, la parte prodotta risiede all’interno di una “torta” di polvere metallica inutilizzata all’interno di un contenitore. Il processo di disimballaggio della parte, che comporta la sua separazione dalla torta di polvere, di solito richiede l’aspirazione e l’eliminazione della polvere. Una volta che il pezzo viene liberato ed estratto dal contenitore, viene posto in un sistema Solukon. Questo sistema elimina automaticamente qualsiasi polvere metallica non fusa dall’intricato interno della parte utilizzando una rotazione e una vibrazione a due assi programmabili, rendendo la polvere fluida e consentendole di fuoriuscire in modo controllato. Questo è il metodo tradizionale per rimuovere la polvere dalle complesse parti metalliche fuse al laser. Per la prima volta, il progetto Reichenbacher – Solukon integra queste due fasi di processo in un unico sistema automatizzato.

La collaborazione tra Solukon e Reichenbacher Hamuel semplifica la post-elaborazione LPBF in un unico processo automatizzato

Un aspetto essenziale del progetto Reichenbacher – Solukon è che l’intero container che ospita la parte, e non solo la parte stessa, viene caricato nell’SFM-AT1000-S. Il contenitore Reichenbacher ha i lati e il fondo rimovibili ed è tenuto in posizione da un sistema di bloccaggio a punto zero. Il contenitore viene quindi capovolto e la polvere sciolta viene automaticamente svuotata dalla torta di polvere. Questa polvere evacuata viene trasportata direttamente ad una stazione esterna per la preparazione del materiale.

Successivamente, l’utilizzatore si avvale di un dispositivo di sollevamento mobile esterno o di una gru per rimuovere il cassone, rendendo la parte interamente accessibile. Come di consueto, il sistema Solukon utilizza quindi la sua esclusiva tecnologia SPR con rotazione a due assi programmabile e vibrazione regolabile per pulire il pezzo. Il software SPR-Pathfinder semplifica il calcolo anticipato della sequenza di movimento nel sistema Solukon, utilizzando il file CAD del pezzo. L’SFM-AT1000-S è progettato per contenere scatole fino a 800 kg e può persino rimuovere grumi di polvere ostinata nei canali interni della parte con l’ausilio di un battitore ad alta frequenza.

La collaborazione tra Solukon e Reichenbacher Hamuel semplifica la post-elaborazione LPBF in un unico processo automatizzato

“L’SFM-AT1000-S con disimballaggio delle scatole è un progetto con un alto grado di automazione. Inoltre, dimostra la flessibilità con cui i nostri sistemi possono essere utilizzati per le soluzioni individuali dei clienti. Siamo felici di supportare Reichenbacher nel loro progetto di disimballaggio di scatole di parti metalliche fuse al laser. È così che, insieme, creiamo un vero vantaggio competitivo per i clienti di Reichenbacher”, ha affermato Andreas Hartmann, CEO e CTO di Solukon.

Il Dr. Alexander Kawalla-Nam ha guidato il team di produzione additiva di Reichenbacher Hamuel per sviluppare questa soluzione automatizzata pronta per l’industria. Ha dichiarato: “Con Solukon, abbiamo ancora una volta un sistema nel nostro portafoglio che ha un punto di forza davvero unico e ci distingue nell’area della post-elaborazione rispetto alle soluzioni standard sul mercato AM. Questo mette Reichenbacher in grado di mappare l’intera catena del processo di stampa 3D. Ringraziamo il signor Hartman e il team per la loro apertura e la rapida esecuzione del progetto”.

Dimostrando la sua efficacia, l’SFM-AT1000-S ha già superato il test sul campo di disimballaggio e depolverazione della scatola. Un produttore leader di stampi in acciaio per l’industria del calcestruzzo utilizza il sistema da diversi mesi.

 

0 Condivisioni
Tags
Research 2024
Polymer AM Market 2023

899 polymer AM companies individually surveyed and studied. Core polymer AM market generated over $5.5 bill...

Articoli Correlati

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per la personalizzazione degli annunci, per informazioni visita la pagina privacy e termini di Google.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!