AerospazialeEdilizia & ArchitetturaMaterialiNotizie - ultima oraScienza

Oggetti “made in Luna” stampati in 3D

Image

Anche se ci vorranno ancora molti anni, gli USA, la Russia e la Cina hanno già annunciato progetti per riportare l’uomo sulla Luna e, questa volta, restarci. Per colonizzare il satellite, però, sarà necessario costruire strutture solide in grado di proteggereastronauticosmonauti etaikonauti da radiazioni e temperature estreme e per costruirle, oltre ai materiali edili, saranno necessari strumenti eattrezzature pesanti di ogni genere.

Mentre il cemento potrebbe risultare tutto sommato facilmente reperibile in loco, gli strumenti dovrebbero essere portati dalla Terra ma, visti i costi esorbitanti per mandare in orbita ogni grammo, anche questa potrebbe rivelarsi una difficoltà insormontabile. Ecco perché la NASA ha chiesto ad Amit Bandyopadhyay, esperto di sistemi sperimentali per la stampa tridimensionale (ha sviluppato un metodo per stampare protesi usando materiali la cui composizione è simile a quella delle ossa) della Washington State University, di trovare un sistema per stampare oggetti usando il terriccio lunare.

pieces-made-from-faux-moon-rock-300

Bandyopadhyay e la collega Susmita Bose hanno guidato un team di ricercatori che ha messo a punto una stampante 3D capace di realizzare oggetti di diverse forme usando i modelli CAD e un materiale, fornito dalla NASA, che replica esattamente la composizione del terriccio lunare. Raggiungendo una temperatura di circa 2.000° Celsius, la stampante è in grado di sciogliere il terriccio (che è formato principalmente da un mix silicio, alluminio, calcio, ferro e ossidi di magnesio) scoprendo che si comporta in maniera simile al silicio.

Le forme ottenute non hanno un bellissimo aspetto ma sono solide e – soprattutto – dimostrano che sarà possibile ottenere molti degli strumenti che ci serviranno per colonizzare la Luna in loco, magari portando dalla Terra solo piccole quantità di additivi necessari per renderle ancora più resistenti e funzionali.

Nel video Amit Bandyopadhyay racconta come ha fatto

Tags
Supporta la qualità
Aiutaci a portarti le informazioni che servono al tuo business

Davide Sher

Sono un giornalista professionista iscritto all'ODG dal 2002 e mi sono sempre occupato di comunicazione trade. Per 10 anni ho redatto una testata dedicata al mercato dei videogiochi e successivamente ho partecipato alla creazione del primo iPad magazine dedicato all'elettronica di consumo. Dal 2012, mi occupo esclusivamente di stampa 3D/manifattura additiva, che vedo come la più affascinante e reale delle tecnologie oggi agli albori ma che plasmeranno il nostro futuro. Ho fondato Replicatore.it nel 2013 e ho scritto come blogger per diversi siti internazionali. Nel 2016 ho fondato la mia società 3dpbm (www.3dpbm.com), con base a Londra, che offre servizi di supporto alle aziende che vogliono comunicare, sia in Italia che nel mondo, i loro prodotti legati alla manifattura additiva. Oggi pubblichiamo diverse testate internazionali tra cui 3D Printing Media Network (il nostro sito editoriale internazionale), 3D Printing Business Directory (la più grande directory al mondo di aziende legate alla stampa 3D), Replicatore.it, Replicador.es e 3D Printing Media Network Chinese Version. Inoltre sono Senior Analyst di SmarTech Analysis, una delle più importanti realtà al mondo attive nella rilevazione di dati e previsioni di mercato relative ai vari segmenti verticali dell'industria della manifattura additiva.

Articoli Correlati

Back to top button
Close
Close

ADDITIVATI ADESSO

 

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sull'industria della stampa 3D.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.*

Questa informazione non sarà mai condivisa con terze parti

BENVENUTO A 

BORDO!